Il pranzo nuziale di Cinzia e Michele, e la tenera commozione di “papà Vincenzo”…

Il pranzo nuziale di Cinzia e Michele, e la tenera commozione di “papà Vincenzo”…

La terrazza con vista mare del Circolo Pianacci ha fatto da cornice al pranzo nuziale di Michele e Cinzia, figlia di Vincenzo, nostro prezioso collaboratore

Vincenzo è un prezioso collaboratore del Circolo Pianacci.

Vincenzo sa tagliare l’erba, sa saldare, sa costruire muretti in cemento, sa potare le piante, sa costruire cancelletti recuperando inferriate dismesse, sa costruire una decina di panchine nuove recuperando diversi pezzi da una quindicina di panchine inutilizzabili…

Collabora con il Pianacci da diverso tempo…
gli abbiamo dato le chiavi dei cancelli e dei ripostigli delle attrezzature, così, se a lui viene meglio, al mattino presto è già lì, indipendentemente dagli orari di apertura del Circolo…

Quando c’è lavora in modo instancabile…
quando non lo si vede per un paio di giorni lo chiamiamo al telefono, non tanto per “richiamarlo in servizio”, ci mancherebbe, solo per accertarci che stia bene, che non siano intervenuti problemi di salute…

dunque, dicevo…

Vincenzo sa fare molte cose, e più volte mi ha detto che deve tutto questo a suo papà, che gli ha insegnato a fare di tutto…
quando si hanno dodici, tredici figli è fondamentale che i più grandi riescano presto ad essere utili…

e Vincenzo mi ha parlato di suo papà anche ieri, nel giorno, importante, in cui lui rivestiva il ruolo di “papà di Cinzia”

Cinzia si è sposata giovedì con Michele, e Vincenzo ha organizzato per il sabato (ieri), per alcuni amici e parenti, il pranzo proprio al Pianacci, in quella che lui considera la sua “seconda casa” (me l’hanno “rivelato”, o meglio, confermato, proprio gli amici di Cinzia, durante il pranzo al quale siamo stati invitati anche io e Susanna), sul terrazzo attiguo al bar, lato mare, con una vista impagabile…

una grigliata di carne, utilizzando il grande barbecue davanti al quale Vincenzo era già attivo alle sette del mattino, a bruciare legna per preparare la brace…
ed il pranzo era previsto attorno alle 14…mitico!…

tutti hanno dato una mano, allietati dalla musica curata da Miki e Liliana, bravi anche nelle loro esibizioni canore…

gli sposi hanno ballato sulle note della “loro” canzone e si sono uniti ad un karaoke collettivo sulle note di “Un corpo e un’anima”, l’intramontabile brano di Wess e Dori Ghezzi…

(clicca per ingrandire)

e così, tra un ballo latinoamericano, un boogie e l’immancabile macarena si è arrivati al taglio della torta (veramente squisita) sovrastata da una statuina con una coppia di sposi impegnata in un dolcissimo bacio…

 

anche Cinzia e Michele si sono scambiati tanti dolcissimi baci, sotto lo sguardo felice e commosso di “papà Vincenzo”…

 

cercando di “fare il burbero”, Vincenzo ha precisato a Michele, che l’aveva chiamato papà:
”Non chiamarmi papà, io sono il papà di Cinzia, e quindi tuo suocero!”…

 

beh, come dicevo, Vincenzo sa fare molte cose, sa anche felicemente commuoversi…
però “fare il burbero” non gli riesce bene…

e se Michele proverà a chiamarlo di nuovo “papà”, in fondo in fondo gli farà piacere…

e magari si commuoverà di nuovo…

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield