Non è solo “un bel film”…

Non è solo “un bel film”…

“Come un gatto in tangenziale”. (cit. Paolo De Totero: Ne suggerisco la visione a tanti politici, professionisti e anche no. Soprattutto a quelli dei partiti tradizionali, quelli che aborrono il populismo. Il finale del film dice che c’e’ speranza. In fondo al tunnel c’è ancora un barlume di speranza.”

Mi capita spesso di registrare un film da Sky Cinema e lasciarlo lì, sull’hard disk di MySky, ad attendere per settimane…

e sarebbe capitato, inevitabilmente, anche a “Come un gatto in tangenziale”, interpretato da Antonio Albanese e Paola Cortellesi, una delle coppie meglio assortite nel panorama cinematografico nostrano…

appunto, sarebbe capitato, se non fosse intervenuta la curiosità (mia) stimolata da un commento/recensione dell’amico Paolo De Totero, postato su Fb più o meno una settimana fa…

quindi stasera, anziché continuare il ciclopico impegno di selezione, archiviazione ecc delle foto antiguane, mi sono messo comodo sul divano (ovviamente con Susanna), a gustarmi questo azzeccatissimo film.

E, dopo essermi gustato il film, devo convenire che la recensione di Paolo (che oserei definire perfetta) mi consente di risparmiare le fatiche di una mia recensione; mi basta riportare qui alcuni stralci della sua…

“Commedia agrodolce con metafora politica che costringe a ripensarci.

I salotti di sinistra sono dipinti in maniera sublime, con Capalbio e la Leosini sullo sfondo e la Bergamasco contaminata, ma solo dalle essenze.

E c’e‘ quella sottile metafora dei profumi con i quali rimbambirsi per non prendere atto del puzzo della realtà che ci circonda.

il cammeo della Leosini ha un significato preciso rappresenta l’Intellighentia che sa parlare alle masse e conforta l’autostima delle élite o presunte tali di saper comprendere i fenomeni marginal

la mission impossible del gatto in tangenziale riassume perfettamente il dramma della sinistra, quella di riuscire a sopravvivere. Un disastro annunciato e destinato a ripetersi sino a che non si avrà il coraggio di abbandonare per sempre i vecchi stereotipi. Antonio Albanese è bravissimo nel rappresentare la finta bonarietà della sinistra che crede o è portata a credere che tutto spetti loro per diritto divino.

Epperò mi piace pensare che in fondo al tunnel vi sia un barlume di speranza.

Quante volte ho sentito parlare di periferie e microcriminalità da tuttologi che quei mondi manco li avevano sfiorati.”

Come è vero, caro Paolo De Totero: ci sono nostri amministratori che si riempiono la bocca (alla ricerca di consenso) parlando di periferie, e non sono mai andati oltre Cornigliano…o ci sono andati a ridosso delle elezioni, in gruppo, come le scolaresche che vanno allo zoo, con l’aria ridicola degli intenditori del nulla…

così come, caso limite, quel consigliere del Municipio VII Ponente che mi diede appuntamento al Cep e si presentò, puntualissimo, alle “Lavatrici”, convinto di  trovarsi nel luogo giusto…

luoghi, le periferie, in cui il proprio “centro” è quello che per il resto della città è una periferia mai percorsa…

lo evidenzia la protagonista del film, borgatara, che sentendo parlare di Europa sottolinea la sua indifferenza, lei che non è mai andata manco a Castel S.Angelo…

mi ha immediatamente ricordato quelle dolcissime signore del Cep che qualche anno fa, sul pullman messo a disposizione per portarle, gratuitamente, ad un evento culturale ( un’opera lirica al Teatro Carlo Felice), non nascosero la loro meraviglia per aver visto,  per la prima volta, la fontana di piazza De Ferrari…

luoghi, le periferie, in cui la distanza dal “centro”, non è purtroppo “solo” quella che si può misurare in chilometri…

 

link correlato: Sentirsi di periferia

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield