…non ci sono più gli “uomini neri” di una volta…

…non ci sono più gli “uomini neri” di una volta…

il Cep, per molti genovesi, è ancora un posto dove è meglio non avventurarsi… magari non ci sono mai stati, forse non saprebbero come arrivarci, ma non è facile scrollarsi di dosso gli stereotipi (pregiudizi) retaggio di un passato ormai lontano… e non vale solo per il Cep… 

Ho conosciuto Ndiaye Gallo Ardo lo scorso anno, me l’ha presentato Susanna che, più di me, frequenta le spiagge del ponente cittadino, sulle quali è facile incontrarlo.

Ndiaye Gallo Ardo è di origine senegalese, e come altri suoi connazionali è in Italia da molti anni, alla ricerca di dare (anche sul piano normativo) una sistemazione definitiva (anche attraverso gli studi) alla sua situazione personale.

Quando l’ho conosciuto, ho anche appreso che non ha mai frequentato il Pianacci perché gli avevano detto che era pericoloso avventurarsi fin lì…

Sono gli stereotipi che ancora si fa fatica, al Cep, a scrollarsi di dosso…

e mi ha fatto molto sorridere che fosse lui, quello che secondo altri stereotipi molto di attualità dovrebbe essere “il cattivo” (il cosiddetto “uomo nero”) ad aver paura del Cep…

Nell’imminenza del Concerto dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice al PalaCep Susanna l’ha contattato, invitandolo a venire, senza paura, al Pianacci…

E’ venuto con la giovanissima figlia di un amico, ed al termine del concerto ha inviato questo messaggio:

“Bella serata, lo spirito è molto interessante…democratizzazione della cultura. Una musica di solito riservata alla borghesia, messa alla portata del comune mortale. Una bellissima iniziativa. Grazie!”

Eh sì, tutto cambia, tutto si evolve…

non c’è più il “temibile Cep” di una volta…

ed anche gli “uomini neri” non sono più quelli di una volta…😉

Foto Associazione Culturale Sintesi
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield