NBA-Zena

NBA-Zena

 

BASKET
LA MIA STORIA CON L’NBA-ZENA

 

altre mie storie di basket
Polisp. Costamasnaga PGS Auxilium 1994-96 

altri links NBA-Zena
Rass. Video 2007-2015 Rass. Stampa 2007-2015

2007, spiaggia di Albissola Marina.
Io e Susanna siamo sulla spiaggia con un gruppo di amici, tutti legati dall’esperienza cestistica: Daiana Peracchi (compagna di squadra di Susanna a Savona) con il marito Paolo Mazzoleni (arbitro di calcio), Raffaella Piccardo e Claudio Vignati (allenatori), Bruno Pretin e sua moglie MariaRosa (dirigenti) e Laura Cabona, moglie di Giorgio Fugazzi, ex sponsor della squadra di Savona.

Logo New Basket Albissole

Quasi per scherzo si butta lì l’idea di costituire una nuova società, che potesse contare sullo staff tecnico “in rotta di collisione” con la società savonese, e poche settimane più avanti l’idea si materializza con la nascita dell’NBA New Basket Albissole, con sede a Celle Ligure.
Io assumo la presidenza, Bruno Pretin la vice presidenza, mentre Laura Cabona diventa Dirigente Responsabile.
L’intenzione è quella di disputare una tranquilla Serie B Regionale, invece ci si ritrova immediatamente catapultati in Serie B d’Eccellenza, la terza divisione del campionato di pallacanestro femminile italiano.

Dopo aver conseguito due salvezze consecutive al primo turno dei play-out, si trasferiscono sede ed attività a Genova alla vigilia della stagione 2009/2010 nella speranza, anche con l’auspicio di riuscire ad attirare l’attenzione di altri sponsor da affiancare a quello storico, la Wideurope Engineering Italy dell’ingegner Fugazzi, che segue la società fin dalla sua nascita.

La società cambia nome e diventa NBA New Basket A-Zena al termine di un sondaggio/concorso apparso sul quotidiano Il Secolo XIX in cui si chiedeva di trovare un nuovo nome che coniugasse il vecchio acronimo NBA al trasferimento nel capoluogo ligure (Zena è, appunto, la versione in dialetto genovese della parola Genova), nasce così la NBA-Zena.

Logo NBA-Zena

La stagione è un successo con la storica qualificazione alla poule promozione pur concludendo la seconda parte del campionato, complice anche l’infortunio della top scorer Sonia Savi, con zero vittorie e fallendo l’accesso ai play-off.

A questa prima stagione più che positiva fanno seguito due stagioni caratterizzate da una serie record di infortuni (ed il primo cambio di allenatore, con l’avvicendamento a stagione in corso di Vignati con Giovanni Pansolin) che influiscono non poco sui risultati, che infatti non arrivano… si “salvano” le Under 15 che superando la favorita Cestistica Savonese conquistano il titolo regionale.
Emblematica, invece, per la prima squadra, la conclusione dello spareggio salvezza della stagione 2011-2012: dopo 39’59” al comando la sconfitta arriva con un un tiro che termina la sua corsa nel canestro proprio a fil di sirena, sull’unico vantaggio delle avversarie…

clicca per ingrandire

Tra gli spettatori un mortificato Don Andrea Gallo, tifoso numero 1 dell’NBAZena, la cui amicizia caratterizzerà non poco il percorso dell’NBAZena.

La cocente delusione per la sconfitta si traduce presto in nuova energia positiva: complice la nascita della nuova Serie A3, che nelle idee della FIP sarebbe andata a sostituirsi alla Serie B Nazionale (ultima denominazione della precedente Serie B d’Eccellenza), e la rinuncia di numerose società a causa della crisi economica nazionale e delle complicate ma ferree regole inerenti le giocatrici juniores che le squadre avrebbero dovuto schierare nella neonata categoria, la NBA-Zena presenta domanda di ripescaggio che viene accolta, permettendole di disputare il campionato 2012/2013 di Serie A3.

Inizia qui la grande corsa che in pochi mesi porterà l’NBAZena a diventare protagonista nell’ambito nazionale; un eccellente campionato di Serie A3 si conclude con il raggiungimento della semifinale in cui si impone la Pallacanestro Torino; si mette in grande evidenza la “nostra” Sara De Scalzi, top scorer dell’intero campionato.

Sara De Scalzi

Anche in questo caso una serie di circostanze favorevoli rende comunque possibile l’ammissione alla Serie A2, secondo campionato nazionale, un livello mai raggiunto in precedenza dal basket femminile a Genova.

Il magic moment viene ulteriormente esaltato dalla partnership con l’azienda Almo Nature, che per due anni (il secondo con il marchio aLmore) sarà lo sponsor principale dell’NBAZena, con l’attivazione di iniziative sociali in linea con l’indirizzo etico dell’azienda.
Significativa anche la “presenza” di Don Gallo, il cui messaggio continuerà, sulle divise da gioco, anche dopo la sua scomparsa.

Il primo anno di Serie A2 (nel corso del quale, a gennaio, coach Pansolin sarà sostituito da Vittorio Vaccaro) è una vera e propria cavalcata verso la poule promozione, che si conclude con l’accesso ai playoff in cui Trieste, poi promossa in Serie A1, si rivelerà un ostacolo insormontabile. Nel corso della stagione la società potrà annoverare anche la prima convocazione di una sua giocatrice (Martina Bestagno) nella nazionale maggiore.

Martina Bestagno

La seconda stagione consecutiva in Serie A2 vede l’NBA-Zena in campo con il marchio aLmore, divisione etica dello sponsor Almo Nature.
La squadra è molto rinnovata e, soprattutto, presenta una novità assoluta per il basket femminile sotto la Lanterna, la prima giocatrice straniera (la croata Ana Bozic).
Nel periodo precampionato Alessandra Visconti vince il bronzo ai mondiali universitari di 3vs3 in Brasile; la stessa Visconti e Diene vengono convocate ad un raduno della nazionale sperimentale e tutto sembra girare per il verso giusto: nonostante i disagi determinati dalle alluvioni (gare rinviate, allenamenti ridotti), la squadra inizia il campionato con il piglio giusto, issandosi in cima alla classifica grazie anche a vittorie di assoluto prestigio, come quella conseguita il 25 Ottobre a Genova contro il blasonatissimo Geas di Sesto S.Giovanni.
Le difficoltà arrivano all’improvviso, all’inizio di Dicembre: qualche partita “sottotono”, un paio di sconfitte di troppo ed arrivano le dimissioni di coach Vaccaro.
La squadra viene affidata ad Andrea Grandi ma la fortuna non lo assiste: al termine di una partita a lungo condotta contro Torino (squadra poi salita in A1), Visconti subisce un serio infortunio alla spalla destra, e non rientrerà più i campo per il resto della stagione che, alla vigilia della poule promozione, sarà irrimediabilmente compromessa.

Francesca Facchini

Francesca Facchini, uno dei più interessanti “prospetti” del nostro settore giovanile e reduce da un lungo stop per un’intervento al legamento crociato del ginocchio destro, viene notata al camp di Sportilia: si materializza il sogno di molte cestiste, e Francesca vola negli USA, a Santa Fe Springs, alla St Paul High School. Una sua tripla allo scadere consentirà alla sua scuola di vincere il titolo californiano 2015-2016.

La chiusura della stagione rappresenterà anche la chiusura (si spera temporanea) dell’avventura dell’NBA-Zena nei campionati nazionali.
La mancanza di sponsor costringe la società a rinunciare alla Serie A2 cui avrebbe avuto diritto; il cambiamento è profondo anche a livello societario: l’intero Consiglio Direttivo si dimette e subentrano Margiotta (Presidente), Signori (Vice Presidente) e Grandi (dirigente responsabile).

L’attività della società nel 2015-2016 si indirizza esclusivamente all’attività giovanile, in collaborazione con altre società cittadine.

Dalla stagione 2015-2016 si rafforza il legame con l’Auxilium, storica società genovese, e grazie a questa partnership l’attività giovanile trova un importante sbocco con il ritorno ad un campionato senior, la Serie C regionale.

Sul sito è presente una nutrita rassegna stampa in pdf relativa al periodo 2007-2015, suddivisa per stagioni sportive, ed alcuni video relativi allo stesso periodo, cui si può accedere dai pulsanti posti in cima a questa pagina.