Nasce il “Consiglio della solidarietà”

Nasce il “Consiglio della solidarietà”

 

27 giugno 2016

Il Consiglio Comunale di Genova ha varato il Regolamento che disciplinerà il Consiglio CISA, una consulta delle organizzazioni cittadine che operano in ambito di Cooperazione Internazionale, Solidarietà, Accoglienza.
Il Sindaco Marco Doria mi ha chiesto di “traghettare” la costruzione di questo nuovo organismo che, una volta operativo, potrà rappresentare un concreto punto di riferimento per l’Amministrazione cittadina.
Il mio compito terminerà non appena si saranno definiti gli organi previsti dal Regolamento, cioè il Comitato Permanente ed il Presidente.
Sono onorato che la scelta del Sindaco sia caduta su di me. In fin dei conti sono pur sempre “un foresto”…

 

Link all’articolo

(Matteo Macor, per “Repubblica Genova”)
Dal Cep alla solidarietà
BESANA GUIDERA’ IL CONSIGLIO DELLA SOLIDARIETA’
Il nuovo organismo nasce per semplificare i rapporti tra le associazioni del settore e il Comune, e migliorare la cultura dell’accoglienza

Dalla rinascita del Cep e il sogno sportivo dell’Nba Zena, la squadra di pallacanestro femminile che portava Don Gallo sulla canotta, fino al neonato Cisa, ovvero «il Consiglio per la cooperazione internazionale, solidarietà e accoglienza della città: il primo mai varato a Genova, penso anche il primo in Italia».
Partirà ufficialmente il 7 luglio, dalla Bouvettina di Palazzo Tursi, la nuova sfida di Carlo Besana, 61 anni, da vent’anni “testimonìal” ideale della società civile in città che, dopo una vita passata a promuovere la partecipazione attiva dei suoi concittadini, è stato scelto dal sindaco Doria per una “missione speciale”.

Carlo Besana guiderà – gratuitamente – il nuovo organismo comunale «pensato – spiega lo storico (ex) presidente del circolo Pianacci del Cep – per riunire tutte le associazioni cittadine attive nel campo dell’accoglienza e della cooperazione, e diventare l’unico interlocutore e punto di riferimento del Comune nell’elaborare progetti sul tema».
Una sorta di consulta della solidarietà, che il Comune ha istituito a fine 2015 recependo per primo una direttiva nazionale, a cui hanno aderito già oltre 30 associazioni – tra queste Arci Solidarietà, San Benedetto, Sant’Egidio, Music for Peace – «che ci aspettiamo diventino almeno una cinquantina».

Besana, per la prima volta si parla di accoglienza, oltre che di cooperazione internazionale. Si sta allargando la prospettiva?
«In Comune c’è già un ufficio che si occupa di cooperazione, con cui per altro stiamo lavorando molto bene. Ma parlare solo di cooperazione internazionale avrebbe limitato la caratura del nuovo consiglio, soprattutto a Genova, città di accoglienza per natura».

Quali saranno, nel concreto, gli scopi di questo nuovo soggetto pubblico?
«Nasce per semplificare i rapporti tra le associazioni del settore e il Comune, per far sì che l’amministrazione abbia un unico punto di riferimento nell’approcciarsi alle politiche sul tema, dal quale ricevere proposte e indicazioni. Ma al di là di questo aspetto più “burocratico”, anche per darsi un’identità in quanto settore e poter lavorare con più respiro. Tutte queste associazioni lavorano in continua emergenza, per il quotidiano, senza le risorse e il tempo per il lavoro di profondità a lungo termine. A partire dallo sviluppo della cultura dell’accoglienza in città».

Ce n’è bisogno, a Genova, di far crescere la cultura dell’accoglienza?
«La sua storia direbbe di no, ma i nostri tempi sono confusi, le esasperazioni e le strumentalizzazioni su questi temi sono all’ordine del giorno, e in anni di crisi promuovere i valori della solidarietà diventa più difficile. Bisogna informare, far conoscere e così promuovere la cultura dell’accoglienza, soprattutto tra i ragazzi».

Quale sarà, il cammino del Consiglio?
«Siamo ancora nella fase di adesione, le associazioni possono scrivere alla mail cisa@comune.genova.it. Il 7 luglio ci sarà il primo incontro, a settembre il secondo e a fine autunno, una volta eletto il consiglio direttivo del Cisa, il mio ruolo finirà con l’elezione di un nuovo presidente».

Lo sa che il mondo è pieno di forum o consulte solo sulla carta, senza veri ruoli pratici, vero?
«Ma in questo caso non succederà. Chi lavora per i progetti in Africa o l’accoglienza dei migranti in città lo fa con una tale passione che non sarà difficile dare un’anima a questo consiglio. E i progetti condivisi sono quelli più forti».

Una delle prime proposte che farà alle associazioni?
«Trovare il modo di far raccontare ai migranti le loro esperienze. Metterli insieme ai genovesi, e dargli la possibilità di esser ascoltati. Un modo per lavorare su condivisione e cultura dell’accoglienza, quella che aiuta ad esempio a far capire, se si parla di sbarchi o profughi, che i numeri sono persone».

 

 

Link all’articolo

(Riccardo Porcù, per “Il Secolo XIX”)
Nasce il Consiglio per la Cooperazione
GENOVA DIVENTERA’ “PORTA SOLIDALE” PER I MIGRANTI DEL MEDITERRANEO
II presidente sarà Carlo Besana, simbolo dell’area Pianacci al Cep

GENOVA come “porta solidale del Mediterraneo“, una vocazione di accoglienza da trasformare in pratica con l’impegno di tutte le associazioni del territorio.
Per farlo nascerà tra pochi giorni il “Consiglio per la cooperazione internazionale, solidarietà e accoglienza”, l’ente unico nominato dal sindaco con la missione di raggruppare e raccogliere suggerimenti e punti di vista di oltre trenta associazioni, in grado di portare un valore aggiunto e una prospettiva diversa e approfondita sul tema dell’integrazione.
Proposte e progetti per la cooperazione e l’integrazione in città, un rapporto privilegiato con il Comune per portare avanti le istanze del mondo del Terzo settore e delle realtà locali attive sul territorio nell’accoglienza.
Da Unicef a Music for Peace, dalla Comunità di San Benedetto a Sant’Egidio fino ai gruppi di riferimento delle comunità straniere a Genova, in tanti sono già pronti a impegnarsi per trasformare l’esperienza sul territorio in progetti, con l’obiettivo riorganizzare e migliorare i servizi di cooperazione.
Un’attenzione all’accoglienza che passerà necessariamente attraverso la partecipazione ad eventi e incontri, sulla scia di quelli di inizio giugno a Palazzo Ducale,per guardare da vicino e ascoltare le parole dei migranti.

A presiedere il “Consiglio per la cooperazione”, attivato con l’ufficio per la cooperazione internazionale del Comune, sarà Carlo Besana, ex farmacista e figura di riferimento dell’Area Pianacci del Cep, da tempo in prima linea sul fronte dell’accoglienza e dell’integrazione nel quartiere popolare alle spalle di Pra’.
Una nuova sfida che, dopo il primo incontro di inizio luglio, continuerà a crescere nei mesi successivi con l’intenzione di unire sotto un’unica voce tutte le istanze dei Forum e delle associazioni sul territorio, per dare una risposta concreta al tema dell’accoglienza dei migranti ma anche per potenziare il tessuto sociale genovese.
La data di nascita è già fissata, il 7 luglio a Palazzo Tursi. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield