Lei è favolosa…ma quello che sta vivendo non è una favola, è una stupenda realtà…

Lei è favolosa…ma quello che sta vivendo non è una favola, è una stupenda realtà…

 

Matilde Villa: 15 anni da poco compiuti, e già “La Gazzetta dello Sport” le dedica una pagina intera…

 

Domani è Natale, una festività spesso abbinata a favole o racconti a lieto fine.

Quella di Matilde Villa, raccontata oggi a pagina piena da “La Gazzetta dello Sport”, può apparire incredibile ma non è una favola…

ed è anche presto, troppo presto per sapere quanto potrà essere lieto e luminoso il suo finale, anche se i “segnali” ci sono già tutti…

per ora è la splendida realtà che sta vivendo una ragazzina che ha compiuto 15 anni pochi giorni fa (il 9 dicembre), e rappresenta la vera, inattesa “sorpresa” del campionato di Serie A1 di Basket Femminile, nel quale sta giocando 25 minuti a partita, con veri e propri exploit come i 21 punti realizzati contro il Geas ed i 14 punti realizzati contro la “corazzata” Schio…

il suo exploit contro il Geas così veniva celebrato da “La Giornata Tipo”, uno dei più “gettonati” siti social dedicati al basket:

Serie A Femminile: 21 punti, 6/8 da due, 2/5 da tre, 3/4 ai liberi. Una bellissima prestazione da parte di Matilde Villa che milita nel Costa Masnaga. Cosa c’è di così tanto speciale? Ha ancora l’apparecchio ai denti. Ha il viso di una bambina. Anche perché è poco più di una bambina. Ha 14 anni. Non ha paura di niente. Ed ha un talento pazzesco.”

ah, dimenticavo…
Matilde Villa gioca a Costamasnaga, la società che ho fondato una quarantina d’anni fa e che ho potuto seguire, con gli indimenticabili Nino Ranieri e Graziella Consonni fino al 1992, anno in cui mi sono trasferito a Genova…

già a quei tempi, prima società sportiva in Italia, la società era “abbinata” all’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, il cui logo già dal 1986 era ben presente sulle divise da gioco.

Ora il “pilastro” della società è Bicio Ranieri, figlio di Nino, che con tenacia (e con il coinvolgimento di bravissimi tecnici, dirigenti ed appassionati genitori) ha saputo raggiungere traguardi a quei tempi solo nei nostri sogni mantenendo l’imprinting originario dell’attenzione ai temi sociali ed ai valori etici che lo Sport deve rappresentare…

L’articolo pubblicato oggi da “La Gazzetta dello Sport” a firma Mario Canfora è il più bel regalo che potessi ricevere…
e sicuramente lassù Graziella e Nino l’avranno già incorniciato…

 

 

 

link all’articolo

24 dicembre 2019
L’articolo di Mario Canfora
per “La Gazzetta dello Sport”

Alla scoperta di…
Costa Masnaga school
E come studia baby Villa

Il play Matilde è la stellina della prima squadra lecchese: a soli 15 anni gioca già 25′ di media

Anche in Serie A1, con la promozione raggiunta lo scorso maggio, la filosofia del Costa Masnaga non poteva cambiare: valorizzare il settore giovanile è di fatto la “mission” che conta e riesce bene al club lecchese.

Basti pensare soltanto agli ultimi tre scudetti vinti nell’Under 14, 16 e 18 per comprendere che dietro a questi successi c’è un lavoro enorme, con Fabrizio «Bicio» Ranieri deus ex machina di una società modello.

Pressione sana

«Bicio mi disse subito: “Vieni a fare la A1 ma ricorda che alleni solo una delle squadre del Basket Costa”», ricorda Paolo Seletti, il tecnico che ha sostituito Gabriele Pirola.

«Lavorare in un ambiente come questo per me è il massimo – racconta Seletti: qui c’è una pressione sana, non devi scendere in campo pensando in primis a fare risultato. Ci sono altri obiettivi in ballo come crescere e far maturare le tante ragazzine che abbiamo in squadra, ricordando bene loro che non possiamo offrire una soluzione di vita perché è fondamentale che continuino a studiare per avere una preparazione adeguata in futuro».

Personalità

La stellina del momento è la quindicenne Matilde Villa, playmaker, che sabato contro le tricolori di Schio è andata per la seconda volta in doppia cifra, segnando 14 punti in 22′ (contro Sesto San Giovanni ne fece invece 21).
«È una ragazzina soltanto per la carta d’identità – spiega sempre Seletti – perché ha una personalità incredibile. Contro Schio nelle prime tre azioni aveva di fronte Francesca Dotto e non ha avuto certo paura nell’attaccarla in uno contro uno. È già un riferimento per le nostre Senior, sicuramente destinata a una grande carriera anche se siamo appena agli inizi, lei è brava a non farsi travolgere dalle attenzioni del momento».

Con Matilde nel Costa c’è anche la gemella Eleonora, ma non possono giocare insieme perché le due non hanno ancora completato i quattro anni di formazione e, da regolamento, è possibile schierarne solo una.

Altre atlete di interesse del settore squadre nazionali che stanno giocando più di 10′ di media in A1 sono Martina Spinelli (2002), Giorgia Balossi (2002) e Vittoria Allievi (2003).

Sociale

Costa Masnaga è una società dal forte impianto etico (dal 2007 il club è diventato «Associazione Sportiva Dilettantistica Basket Costa per l’Unicef»), con progetti molto interessanti.
Come «Un’Atleta in famiglia»: si punta a reclutare sul territorio nazionale (e non) ragazze motivate a sviluppare il proprio talento per il basket, e per questo hanno bisogno di un contesto familiare molto sereno.
Il progetto è rivolto soprattutto alle famiglie masnaghesi, per chiedere la disponibilità a ospitare ragazze provenienti da altre parti d’Italia che scelgono (o vengono scelte) Costa Masnaga per la loro crescita sportiva e scolastica.

Sono tre, quelle ospitate e coinvolte: Beatrice Caloro (2004, da Follonica, alta 1.75), Cristina Osazuwa (2005, ad Verona, 1.90), Fiamma Serra (2006, da Lerici, 1.92).
Nei giorni scorsi il club ha poi preso parte a un incontro con un gruppo di studenti dell’Istituto Tecnico Antonio Sant’ Elia di Cantù: si è parlato del ruolo e del valore dello sport nella scuola superiore, con alcuni riferimenti alla scuola media.

È stato interessante notare le differenze del ruolo dello sport tra Stati Uniti e Italia e si sono approfondite le esperienze nelle High School e nei College, con alcuni dettagli personali condivisi dalle americane Jori Davis e Reyna Frost, così come quelle in Romania da Elisabeth Pavel.

IL TECNICO

Esordlente La carriera del 40enne Paolo Seletti comincia a Fidenza, prima come giocatore e quindi in panchina nel basket maschile, per poi passare al settore femminile. Tanta gavetta tra settori giovanili, serie C, B e A2 prima della grande occasione arrivata in estate quando è diventato capo allenatore del Costa Masnaga in A1

L’OBIETTIVO

Coach Seletti: «Restare in A1 è fondamentale per crescere»
Attualmente il Costa Masnaga è terzultimo in classifica con 6 punti, in compagnia di Palermo e Torino.
Nel prossimo turno, il 28 dicembre, le lecchesi ospitano l’ultima, il Battipaglia ancora senza vittorie.
Retrocedono in A2 due club: la quattordicesima direttamente, mentre dalla decima alla tredicesima si disputeranno i playout per designare la seconda che scenderà nella seconda serie.
«Ho parlato proprio in questi giorni alle ragazze sull’importanza di mantenere la categoria – dice coach Seletti: è vero che i risultati non sono la prima cosa che conta qui, però permettere alle tante ragazzine di farsi notare e crescere in A1, come sta accadendo per Matilde Villa, penso che sia fondamentale e utile».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *