la magia del “perdersi di vista e ritrovarsi dopo tanti anni”…

la magia del “perdersi di vista e ritrovarsi dopo tanti anni”…

…abbiamo attraversato anni in cui la possibilità di comunicazione si è sviluppata con una velocità incredibile, rendendo possibili, oggi, opportunità inimmaginabili 26 anni fa…compresa quella di poter vivere la magia che fa da cornice al “perdersi di vista e ritrovarsi dopo tanti anni”…grazie ai social…

io e Susanna ne eravamo certi…sarebbe stata una serata magica… e così è stato…

Roby Panni e Laura Benaglia erano state compagne di squadra di Susanna nei campionati 1989/90 e 1990/91 a Costamasnaga, società di cui ero stato fondatore diversi anni prima…
la stagione 1990/1991, con la guida di coach Bicio Ranieri, fu una “cavalcata vincente”, ricca di enormi soddisfazioni…

io e Susanna, un anno più tardi, ci saremmo trasferiti a Genova…

Roby Panni la incontrammo qualche anno dopo, da “avversaria”…
lei giocava a Lonate Pozzolo, fu l’unica volta in cui Susanna si dimenticò i documenti d’identità…
poté giocare proprio grazie alla “testimonianza” della “avversaria” Roberta, che fece da garante con gli arbitri: la conosceva bene, era proprio Susanna Giorato…
Lonate Pozzolo vinse di misura, e questo forse consentì a Roberta di tornare tranquilla nel suo spogliatoio…

rivedersi qui, dopo tanti anni, è stato emozionante, fin dal primo momento…

ci siamo dati appuntamento in piazza Caricamento, accanto a Palazzo San Giorgio, e la dolcissima Laura non è riuscita a trattenere qualche lacrima, sotto lo sguardo fintamente severo della più “rude” (ma è solo apparenza) Roberta…

in quel momento ci è venuto in soccorso Alessandro Ravera, puntualissimo alle 18 davanti alla statua del Rubattino, sempre in piazza Caricamento.

Roby e Laura avevano espresso il desiderio di un breve tour guidato nel centro città e tra le tante opzioni possibili a Genova un carissimo amico mi aveva suggerito di consigliare proprio Alessandro Ravera, sottolineandone la capacità di portare chi lo ascolta “dentro” la storia della Città.

Ci siamo aggregati anche io e Susanna, e siamo stati subito rapiti da aneddoti, citazioni storiche, analisi e curiosità urbanistiche (Alessandro Ravera è architetto) con una verve decisamente intrigante…

in certi momenti si aveva la percezione di essere a teatro e di “vedere” la rappresentazione degli episodi che, intrecciati tra loro, andavano a comporre pezzi di storia della città…

il tour è durato un paio d’ore, letteralmente volate e “limitate” dall’orario per il quale avevamo programmato la cena, al ristorante ‘A Lanterna, il ristorante della Comunità di Don Gallo.

Qui, tra una piacevolezza e l’altra della cucina marinara, i brillanti ed intriganti aneddoti storici di Alessandro Ravera hanno lasciato il posto al nastro dei nostri ricordi, riavvolto e srotolato più volte…

avevamo molte cose da raccontarci, dai gustosi aneddoti “da spogliatoio” alle storie personali, in cui fatalmente ha fatto spesso capolino, nei miei racconti,  la figura di Don Andrea…

ho avuto, netta, la percezione che la nostalgia, che a volte può risultare anche stucchevole, abbia lasciato il posto alla semplice piacevolezza del racconto…

un racconto che è proseguito a Boccadasse, stupenda, in una – finalmente – calda sera d’estate con la cornice festosa di un’affollatissima movida, con la spiaggia quasi completamente occupata da gruppi di giovani impegnati in allegre conversazioni…

ho pensato che, come è capitato a noi  26 anni fa, magari anche a qualcuno di loro capiterà di doversi trasferire in altre città o all’estero per motivi di studio, o di lavoro…

difficilmente però riusciranno a “perdersi di vista”…

a quei tempi non c’era manco il “telefonino”, i social oggi consentono la possibilità, se si vuole, di tenersi comunque in contatto, anche se si va a vivere dall’altra parte del mondo…

e mi vien da pensare che..

sì, io, Susanna, Roby e Laura siamo stati fortunati…

abbiamo attraversato anni in cui la possibilità di comunicazione si è sviluppata con una velocità incredibile, rendendo possibili, oggi, opportunità inimmaginabili 26 anni fa…

compresa quella di poter vivere la magia che fa da cornice al “perdersi di vista e ritrovarsi dopo tanti anni”… grazie ai social…

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield