L’involontario (?) omicidio perfetto del mio cuscino…

L’involontario (?) omicidio perfetto del mio cuscino…

la mia ernia iatale, una cena a base di tagliata con cipolle di Tropea, la “russata navale” di mia moglie…un mix letale per il mio cuscino preferito…

Ieri sera non ho resistito…
ero consapevole del rischio, ma l’ho voluto affrontare…

cena in braceria, con mia moglie Susanna, l’amico Giorgio Scarfì e sua moglie Serena

il menu offre parecchie alternative, ma mi viene proposta, come irrinunciabile, una tagliata con le cipolle di Tropea

penso immediatamente alla mia ernia iatale, controllata a malapena, da anni, da dosi quotidiane di esomeprazolo…

lo so, lo so perfettamente: sarebbe stata una lotta impari, le cipolle di Tropea avrebbero avuto la meglio, ed avrebbero, senza dubbio, “dominato” l’intera notte…

ma si sa, si vive una volta sola, e la vita ogni tanto va vissuta in modo spericolato…

mi sono abbuffatosquisita…

mezzanotte, rientriamo a casa, e già i “segnali” sono evidenti…
non ho il coraggio di coricarmi subito, spero di riuscire ad ingannare la digestione, ma alle 2.30 il sonno prende il sopravvento…

confido che possa prendere il sopravvento anche sulle cipolle di Tropea…pia illusione…

alle 4, dopo essermi girato di continuo come il cestello di una lavatrice Candy, accendo la luce, ed incrocio lo sguardo del cuscino…
non oso dirgli nulla, è decisamente provato ma è sempre lì, pronto a compiere il suo dovere…

spengo la luce, la riaccendo alle 5…
il cuscino è sempre più emaciatoil copriletto, timidamente, mi confida che il cuscino ha cercato di espatriare in Venezuela, avrebbe accettato anche i rutti al rum dei peggiori alberghi di Caracas pur di evitare la nuvola pestilente di quel che rimaneva delle cipolle di Tropea ma non ha ottenuto l’estradizione…

nel frattempo la situazione ambientale era decisamente peggiorata: i “fumi” delle cipolle di Tropea erano ora accompagnati dalla “russata” di Susanna, un suono molto simile a quello della sirena della nave Queen Elizabeth all’ingresso nel porto di Southampton

decisamente troppo per il mio povero cuscino…

sgomento, con senso di colpa, ho spento la luce…non avrei sopportato il suo sguardo accusatorio…

ho dormito fino alle 10.30…al mio risveglio cerco subito con lo sguardo il cuscino…
non dà segni di vita…

il mix sull’asse Tropea-Southampton è stato letale…

il copriletto mi guarda, ma non osa dirmi più nulla…

raccolgo il cuscino con delicatezza, forse un po’ d’aria sul poggiolo può servire…
piove, fa anche un po’ freddo… non si può dire che sia il suo momento più fortunato…

lo appoggio, con molta cura sullo stendibiancheria…provo a “risollevarlo” con una battuta

mi avvicino e gli sussurro: ”tranquillo, stasera Susanna mi prepara i broccoli e lo stoccafisso…”

soddisfatto, sorrido, mi giro, e mentre mi allontano ho, netta, l’impressione che si stia suicidando, buttandosi dal poggiolo con il dito medio alzato verso di me…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield