Le periferie e…Frate Maurizio, Gavino Lai, Papa Francesco, Renzo Piano…

Le periferie e…Frate Maurizio, Gavino Lai, Papa Francesco, Renzo Piano…

Le periferie…se ne parla sempre di più, nei talk show, nei dibattiti politici…troppo spesso chi ne parla, analizza, giudica…non le conosce…e c’è chi, invece, le “vive” quotidianamente, con umiltà, unita ad una lucidissima capacità di analisi…come Frate Maurizio e Gavino Lai…

“la periferia non è il luogo dove finisce una città, ma è il luogo da cui una città inizia”.
(Papa Francesco, 2018)

«Molto spesso i luoghi nevralgici della produzione delle notizie si trovano nei grandi centri. Questo però non deve farci mai dimenticare le storie delle persone che vivono distanti, lontane, nelle periferie. Sono storie a volte di sofferenza e di degrado; altre volte sono storie di grande solidarietà che possono aiutare tutti a guardare in modo rinnovato la realtà. Il ruolo del giornalista deve essere garante dell’informazione corretta, attendibile, autentica e puntuale».
(Papa Francesco, 4 giugno 2018)

«Siamo un Paese straordinario e bellissimo, ma allo stesso tempo molto fragile. È fragile il paesaggio e sono fragili le città, in particolare le periferie dove nessuno ha speso tempo e denaro per far manutenzione. Ma sono proprio le periferie la città del futuro, quella dove si concentra l’energia umana e quella che lasceremo in eredità ai nostri figli. C’è bisogno di una gigantesca opera di rammendo e ci vogliono delle idee. […] Le periferie sono la città del futuro, non fotogeniche d’accordo, anzi spesso un deserto o un dormitorio, ma ricche di umanità e quindi il destino delle città sono le periferie. […] Spesso alla parola “periferia” si associa il termine degrado. Mi chiedo: questo vogliamo lasciare in eredità? Le periferie sono la grande scommessa urbana dei prossimi decenni. Diventeranno o no pezzi di città?»
(Renzo Piano, Il rammendo delle periferie, “Il Sole 24 ORE” del 26 gennaio 2014)

Durante le varie campagne elettorali riemerge, di norma, un tema spesso dimenticato: le periferie…
eh sì, le periferie sono da sempre caratterizzate da un’elevata concentrazione di cittadini, di potenziali elettori…
“pescare” consenso nelle periferie è spesso una chiave di volta per i successi elettorali…
e dopo gli appuntamenti elettorali, non è infrequente sentire i proclami dei grandi sconfitti: “Occorre tornare nelle periferie, ascoltare la gente…“…

propositi, o presunti tali, che spesso svaniscono nel giro di poche settimane…

In questi ultimi tempi si è assistito ad un fenomeno imprevisto: lo strepitoso consenso che, nelle periferie, ha sostenuto i successi delle forze cosiddette “populiste”. Ed immediatamente è ancor più salito l’urlo degli sconfitti:dobbiamo ripartire dalla gente, dalle periferie…

Purtroppo, però, a parlare di periferie sono spesso coloro che in gran parte devono il calo di consenso proprio al fatto di essersi “dimenticati” delle periferie e non si capisce come possano parlarne con cognizione di causa, visto che non le conoscono…

Non tutti hanno la  lucida “visione” di Papa Francesco o Renzo Piano…

spesso le analisi migliori sono formulate non da chi “amministra” le periferie ma da chi le vive, quotidianamente… 

un chiaro esempio lo si è avuto alcuni giorni fa, con il Convegno “Pensare la Città nel mondo globale; dalle periferie un futuro per Genova” organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, una delle realtà più presenti nelle periferie della nostra Città.

Tra i molti interventi mi hanno particolarmente e favorevolmente colpito gli interventi di Frate Maurizio ( una delle più belle e profonde analisi che mi sia mai capitato di sentire) e di Gavino Lai, che da trent’anni è a Begato, sempre sul pezzo, e non molla…

due analisi così ben presentate da Simona Tarzia per Fivedabliu

La vista dell’orizzonte, al CEP, è magnifica. Non lo è altrettanto l’orizzonte di vita, spesso angusto, senza un senso e senza futuro”.
Ci spiega così frate Maurizio, dell’Ordine dei Frati Minori di N.S. degli Angeli a Voltri, le difficoltà di chi vive in un quartiere come il CEP, di chi è stato accompagnato dalle istituzioni in questo passo di ottenere un alloggio perché rientrava nei numeri dell’emergenza abitativa ma poi, una volta trasferito nel quartiere, nel giro di pochi anni o di pochi mesi si trasforma in moroso e perde i suoi diritti.
Un passaggio pesante per le persone che hanno un’impossibilità reale e che le lettere di sfratto, un atto certamente dovuto per chi non paga l’affitto, trasforma in invisibili.
Perché gli invisibili sono anche quelle persone che smettono di aver rapporti con gli enti pubblici per paura.
Perché una lettera di sfratto, per chi si trova in difficoltà psicologica, è distruttiva.
È proprio così che “la fiducia che si accende, si spegne subito”, continua frate Maurizio

Poi c’è l’incertezza di chi alla speranza di mettere radici non cede mai, l’incertezza di chi campa da precario con la consapevolezza di vivere un’eccezione, e che tutto potrebbe cambiare da un momento all’altro: “Abbiamo conosciuto persone che non avevano mai disfatto le valigie, in trent’anni”.
Sono parole dure quelle di frate Maurizio che denunciano come “purtroppo, tra noi umani, la ghettizzazione è un processo naturale”.
Si può fare qualcosa?
“Custodire la bellezza, non solo quella dei panorami. Evitare che gli invisibili lo diventino del tutto, col suicidio o perché vengono ritrovati morti in casa, soli, dopo settimane”.

Questo il video con l’intero intervento di Frate Maurizio (sempre grazie a Fivedabliu): 15 minuti di ascolto che meritano di essere spesi…
soprattutto a beneficio delle molte persone che spesso parlano, giudicano, senza conoscere.

 

 

Gavino Lai, anima storica del Quartiere Diamante, ripercorre la sua vita e il suo impegno a Begato da quando, nel 1984, è arrivato alla Diga rossa con altre 276 famiglie, deportate da quella Genova in emergenza abitativa che aveva pensato bene di radere al suolo via Madre di Dio.

La parola periferia non mi piace. Forse quella di Los Angeles possiamo chiamarla periferia, la nostra chiamiamola quartiere. Con tutti i suoi pregi e i suoi difetti”.

È un lungo sfogo quello di Lai dal palco del convegno “Pensare la città nel mondo globale”, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio proprio al PalaDiamante.

Un lungo sfogo che non risparmia nessuno: “L’unica periferia che conosco è nei palazzi di via Garibaldi, di piazza De Ferrari, di via Fieschi, dove le istituzioni si sono allontanate dalla città”.

Ne ha davvero per tutti e infatti, rivolgendosi ai relatori che lo hanno preceduto, Lai sentenzia: “Vede professore, scienziato politico e via di seguito…  La periferia la inventano quelli che hanno studiato. Arrivando nella Grande Genova c’è scritto Genova Ovest, Est, Ponente… Non c’è scritto periferia”.

E ancora: “Ne abbiamo avuti tanti di architetti che sono venuti qui a Begato ma sappiatelo, i veri architetti sono quelli che stanno nelle istituzioni perché sono loro ad architettare certi modi di vita, sono loro che mettono i disagi tutti insieme e ne fanno un serbatoio di problemi”.

Poi ricorda le parole del preside di Bolzaneto quando, a Begato, si voleva costruire una scuola: “Vogliamo costruire un ghetto, mi ha detto il Preside. Ho risposto che il ghetto era dove viveva lui, che il ghetto ce lo aveva nel suo cervello“.

Infine, conclude rivolgendosi ancora alle istituzioni: “Non mi possono chiudere la bocca dicendo che mancano i fondi” e poi lancia una frecciata alla Commissione Parlamentare Periferie, che ha visitato Begato lo scorso settembre: “Pensate un po’, con mezz’ora di cammino in ogni quartiere, cosa possono aver capito. Complimenti”.

 

 

 

…ed infine…
capita che, durante la sua relazione, il magistrato Adriano Sansa, ex Sindaco di Genova (dal 1993 al 1997) ti citi come uno degli esempi di promozione di buone pratiche sociali nelle periferie…
e fai fatica a non commuoverti, anzi…

Adriano Sansa è stato il primo Sindaco nel percorso del Circolo Pianacci; pochi mesi (il mandato di Adriano Sansa terminò a novembre 1997) ma più che sufficienti, per noi, per poterlo ricordare come un ottimo Sindaco e, per me, anche come persona dalla signorilità squisita, d’altri tempi…

proprio dal suo intervento prende spunto l’intervista per fivedabliu


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *