La candidatura

La candidatura

24 luglio 2009

La notizia era già “filtrata” qualche giorno fa, ieri è stata ufficializzata al Cep.
Ho dato l’ok a Claudio Burlando, gli darò una mano entrando a far parte della Lista Civica, a supporto della sua candidatura alle Regionali, per provare a contrastare sia la forte coalizione di centro destra, al momento favorita dai sondaggi, che il fenomeno dell’astensionismo. Un fenomeno in crescita in tutta Italia, indicatore di una progressiva disaffezione verso la politica rappresentata dai partiti tradizionali.
Una lista composta dalla cosiddetta “società civile”, chiamata a fare quadrato sulla base di ideali e battaglie comuni.
Non sarà un percorso facile, ho già visto ieri quale sia la “pressione” attorno a questa novità e le aspettative… aggiungo anche che non ho alcuna esperienza in questo mondo, quello della politica più “navigata”, a detta di molti capace di fagocitare in men che non si dica chi non sia dotato di “corazze” particolari…
Non sono motivato da mire di “carriera politica”, tutt’altro; mi piace pensare di poter essere utile a quella parte politica verso la quale ho sempre espresso le mie scelte… mi piace anche pensare che il percorso del Cep sia stato così apprezzato da essere considerato un possibile elemento di forza per una campagna elettorale che si prefigge di combattere anche i sempre più numerosi scettici… 
Sarà così? Come cantava qualcuno, lo scopriremo vivendo…

un po’ di rassegna stampa di questi giorni

Link all’articolo

(Alessandra Costante, per “Il Secolo XIX”, 20 luglio)
Verso le regionali
BURLANDO PUNTA SU BESANA, “GRILLINO” PALADINO DEL CEP
L’ex farmacista del quartiere candidato nella lista civica. Con il comico ha inventato la notte grigio topo

NESSUNO ci era riuscito prima. Alla sua porta hanno bussato tutti i partiti e sempre, cortesemente, sono stati messi alla porta. Lo hanno corteggiato, voluto, ma nessuno era mai riuscito a mettergli al collo il guinzaglio di una tessera o di un partito politico. E in senso stretto neppure questa volta accadrà. Anche se Carlo Besana, 55 anni, il farmacista del Cep è pronto a scendere in campo per la lista civica che il presidente della Regione Claudio Burlando sta cercando di mettere insieme per le regionali del 2010. Pronto perché Burlando lo ha cercato e lui, Besana, questa volta si sarebbe fatto convincere. Vuoi perché è una lista civica, vuoi perchè raccoglierebbe esponenti della società civile e vuoi perché  così dicono coloro che gli sono vicini  avrebbe voglia di mettere l’esperienza maturata al Cep e al consorzio Pianacci a disposizione di un progetto più ampio.
Un knowhow eccezionale in tema di volontariato, dialogo, impegno sociale attraverso il quale ha fatto passare il rilancio del Cep e la convivenza, in bilico tra pesto e cous cous, di genti diverse.

Per il momento Carlo Besana non fiata. Si rifugia dietro un “politico” silenzio. Lo stesso fa il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando che ha in animo di lanciare la sua lista civica a metà della settimana, probabilmente giovedì 23. Presentazione corale, probabilmente con il supporto della rete e di Facebook, strumenti di cui il Pd ha imparato a non poter fare a meno.

Nome della lista e candidati in gran parte ancora da inventare anche se probabilmente andrà a pescare in quella zona che potrebbe rischiare di essere di non voto. Pronti alla campagna elettorale a partire da ottobre. «Della lista civica non parlo fino a giovedì» esordisce Burlando. Un po’ di lavoro però sia lui sia il suo staff, hanno già cominciato a farlo. Compresi i contatti con il farmacista del Cep. Non a tutti, ad esempio, è passata inosservata la presenza di Carlo Besana e Claudio Burlando, il giorno dopo le elezioni Europee, insieme al Giro del Vento. Ambientazione: un garage delle case popolari. Personaggi: gli abitanti del quartiere popolare di Bolzaneto riuniti per chiedere oltre alla ristrutturazione (ottenuta) dei palazzi anche la realizzazione di un parco urbano; il presidente della Regione Burlando; l’assessore regionale e comunale alle politiche abitative, Maria Rita Berruti e Bruno Pastorino; l’amministratore unico di Arte, Vladimiro Augusti; e lui, Carlo Besana. In che veste? Esperto di quartieri in cerca di riscatto. Una seconda volta, negli ultimi giorni, Besana ha indossato i panni del politico. E’ stato quando il suo amico Beppe Grillo ha tentato l’irruzione nel Pd e contro si sono levati gli scudi dei maggiorenti. Tutti tranne Claudio Burlando. E Besana, senza doversi dilaniare tra l’uno e l’altro, professando fede elettorale nel Pd, seppure non da iscritto, ha detto «Grillo parla di ciò che interessa la gente» e rivolto al partito «e chi ha certezze non ha paura del confronto». 

IL PERSONAGGIO
SEMPRE IN PRIMA LINEA PER DENUNCIARE DEGRADO E ABBANDONO

LE ULTIME due operazioni per il Cep, le ha messe in campo alla fine del 2008. Quando a Genova la gente faceva a spallate per la Notte Bianca, Carlo Besana era riuscito a portare sulla collina di Pra’ Beppe Grillo e ad organizzare la ‘Notte grigio topo’. Tremila persone, nonostante la pioggia, contro l’abbandono del Cep, le promesse non mantenute dai politici, le parole sprofondate nel vuoto. Tre mesi dopo l’operazione Tartaruga“, contro la chiusura (per rapine, sosteneva l’amministrazione) dell’ ufficio postale 71 di via 2 Dicembre, e la serenata  ricalcata sulle note di ‘A te’ di Jovanotti e pubblicata su YouTube  al sindaco Marta Vincenzi. «ll problema è riuscire a dire “sono del Cep’ con gli angoli della bocca rivolti all’insù, con il sorriso. Io ci ho provato». Aveva detto Besana il giorno in cui, nel 2007, dopo 12 anni, tirò giù la saracinesca della farmacia del Cep. Era arrivato nel novembre del 1995, insieme alla moglie Susanna, pensando che un giorno o l’altro se ne sarebbe andato dal Cep, da questo “paese” di 11 mila abitanti e che molti ancora considerano un ghetto. Invece è rimasto. E ne ha fatto una missione. Brianzolo, imprenditore, tutte le carte in regola per essere un grande elettore di centrodestra, Carlo Besana invece è diventato il portavoce del disagio di un quartiere. Ha riunito le società sportive nel consorzio, il Pianacci, creando l’unica vera area per il tempo libero mai realizzata sulla collina del ponente; dando vita e iniziative per bambini e anziani, disoccupati e sfaccendati, ragazzi difficili per i quali è facile cadere nelle trappole della criminalità. Iniziative guardate con interesse da tutti i quartieri popolari della periferia genovese assediati dal degrado e dalla discriminazione. La sfida di Besana è stata far leva sull’orgoglio degli abitanti del Cep, gli stessi che per anni si sono rifiutati di nominare quella strana sigla e pretendevano di essere residenti a “Ca’ nuova”. Negli anni il “Cep pride” (l’orgoglio del Cep) è cresciuto di pari passo alle iniziative organizzate dal farmacista che giocano con la sigla Cep “Che Estate alla Pianacci”; “C’è Posto per lutti”, invito a usare gli spazi dell’area polisportiva; “Cocomeri E Pattini”; “Canzoni e Poesie”, musica e recitazione in piazza; “CEPpions league”, torneo di calcetto; il “Campionato Estivo di Play”, competizione per la generazione dei videogiochi . Senza dimenticare le due iniziative clou, segnalate da tutti i media nazionali come esperimenti pilota di integrazione tra la comunità islamica e quella italiana “Couscous E Pesto’, giornata arabo genovese di scambi gastronomici, e la “Via crucis” che per la prima volta invertì il senso della processione e portò il Cristo dalla parte bassa del quartiere a quella alta e culminò conia lettura di un brano della Bibbia e uno del Corano praticamente identici.

 

 

Link all’articolo

(Miriana Rebaudo, per “Il Corriere Mercantile”, 23 e 24 luglio)
Al Cep la presentazione della Lista Civica
REGIONALI, BESANA IL “GRILLINO” E L’ISLAM CON BURLANDO PER SCONFIGGERE IL NON VOTO

Come “grillino” Carlo Besana è un po’ sui generis, eppure Beppe Grillo alla fine è stato un po’ il convitato di pietra alla presentazione ufficiale della lista civica antiastensionismo voluta da Claudio Burlando che l’ha presentata, nelle sue linee generali e con il primo candidato (il farmacista del Cep, per l’appunto) dal Circolo Pianacci di via della Benedicta, sulle alture tra Prà e Voltri.
Un ex quartiere ghetto che grazie ad un lungo lavoro tra la gente si propone oggi come un modello di interazione oltre che di integrazione culturale e religiosa. Non a caso, anche i circa 200 musulmani presenti al Cep, attraverso Hamza Piccardo e Omar Taiebi hanno dato la loro adesione al progetto di Besana e Burlando. Quanto a Beppe Grillo. non ha esultato all’annuncio di Besana di entrare nella lista dell’attuale presidente della Regione e si è subito sfilato da un “abbraccio” probabilmente pericoloso per un protagonista dell’antipolitica qual è.
«Gli ho spiegato la scelta e lui, dopo un momento dei suoi, ha capito. Non sono un grillino ufficiale ma condivido molte proposte di Grillo. Mi piace molto quando la protesta ha un supporto dato dalle idee e dalle proposte» si è limitato a dire Besana.
Nel pomeriggio il comico genovese annuncerà l’intenzione di correre in autonomia, ma l’elettorato al quale i due si rivolgono è più o meno lo stesso e riguarda il sempre più affollato partito del “non voto”. Tanto per fare qualche numero: alle Europee su 3782 elettori, al Cep si sono recati alle urne poco più di 1400.
«Sono molto preoccupato della distanza, mai così grande e profonda, che si è venuta a creare tra politica e cittadini» ha esordito Burlando che, proprio per occupare questo spazio, ha pensato ad una lista che vada a pescare nella società civile. Soprattutto, ma non solo perché, ha aggiunto, ci saranno anche persone che hanno già fatto politica ma che oggi pensano che quel loro percorso sia concluso o che sia più facile, in questi momenti, portarlo avanti in questo ambito» e tra gli “ex politici” si fa strada il nome dell’ex presidente del consiglio provinciale Mauro Cavelli.
«C’è un grande vuoto che va capito e riempito» ha proseguito il presidente della Regione e che il centrosinistra ricandida per le elezioni che, presumibilmente, si terranno nel prossimo mese di maggio.»

«Sarà una lista rappresentativa del territorio» ha aggiunto Claudio Burlando e con il territorio e le esperienze che da questo verranno proposte nascerà la piattaforma programmatica.

Besana, forte del suo background di dirigente sportivo e fermacista in un quartiere difficile, fin da ieri ha già fissato alcuni punti: le periferie, l’intercultura, lo sport, la musica e la difesa dei diritti.

«Sono tutti problemi che qui abbiamo affrontato e per i quali sono state individuate soluzioni» ha detto Il primo (e al momento unico) candidato ufficiale della lista civica ancora senza nome. Le necessità della periferia, tanto per dire, vengono tuttora vissute al Cep dove il Consorzio ha una struttura per lo sport e per la musica. ln merito, l’ex farmacista (che è un po’ il “sindaco” del quartiere) ha portato l’esempio di Mondo Marcio, il giovanissimo rapper milanese tra qualche giorno al Pianacci che nella musica ha trovato il suo riscatto, e pure un bel po’ di soldi. Quanto all’intercultura e ai diritti, sulle alture del ponente cittadino il dialogo con l’Islam non è più solo un’ipotesi ma prosegue ormai da tempo senza scossoni né clamori ed è anche su questo rapporto che il presidente Burlando intende puntare per la sua corsa alla riconferma. Perché quella di Carlo Besana non è una candidatura singola, di una persona, e forse neppure di un solo quartiere (e infatti sono sette: quelli che partecipano al Coordinamento dei Comitati) ma appare come l’espressione di un mondo che, fino ad oggi, non é mai stato protagonista in politicanelle passate elezioni c’è stato chi mi ha proposto dl essere un collettore di voti» ha rivelato uno sconcertato Besana), questa lista offre l’opportunità di diventarlo: la lotta al “non voto” è partita ieri dal Cep. 

 «Scelta coraggiosa e in controtendenza»
 «Quella di Burlando è una scelta coraggiosa e significativa perché si rivolge ad una comunità che porta pochi voti, ma lancia un messaggio importante, in controtendenza». A parlare cosi, ieri al Cep„ è stato Hamza Piccardo, già portavoce dell’UCOII (l’Unione delle Comunità islamiche italiane) che appoggerà dall’esterno questa lista civica perché va fermata l’arroganza del potere che sta mandando brutti segnaIi con un uso della paura e dell’intolleranza». Piccardo, che nel quartiere sulle alture di Volti ha collaborato con Besana per favorire l’Intercultura (suo il “cous cous al pesto”), due anni fa fu protagonista di un episodio che lo aveva portato sulle pagine dei principali quotidiani nazionali con l’accusa di aver ripudiato la moglie Lia, un’insegnante “sposata” nelle moschea di Verona, inviandole un sms. Piccardo, imperiese di nascita, ha tradotto in italiano il Corano.

«Con me si candida tutto il quartiere» 
Sulla lista ci sarà il suo nome, dietro di lui pero ci sarà tutto un quartiere, quello del Cep, ma non solo: l’intera periferia collinare genovese ha dato il via libera a Carlo Besana, il “grillino” che ha accettato di far parte della lista antiastensione di Burlando alle prossime Regionali: “Ho chiesto alla gente dei Comitati (sette, uno per quartiere, quelli che fanno parte del Coordinamento, ndr) e ho avuto da loro ampia adesione» ha raccontato l’ex farmacista. Ho alle mie spalle la storia di questa gente, ha aggiunto,  la periferia, ma è presente a pieno titolo anche la comunità islamica. lo sono solo lo strumento di questa comunità, perché cambiare si può: basta farlo insieme. Oggi è tempo che la gente diventi protagonista. Alle ultime Europee il 35% degli elettori liguri non ha votato, diventando casi il partito di maggioranza relativa. Quando, apre uno spazio di questa entità, bisogna occuparlo e la gente deve farlo prima che lo occupino altri che hanno interessi diversi da noi».
Una candidatura, la sua, per portare Cep e tutta la periferia ad essere protagonista.
«Burlando non mi ha fatto promesse, né io ho chiesto qualcosa: il presidente della Regione mi ha solo detto di continuare a fare quello che ho fatto finora» ha concluso.

Beppe: in corsa da soli, con le nostre Cinque Stelle
Besana sarà anche un “grillino” ma il Grillo doc (Beppe, cioè) si smarca e pur augurando (seppure a denti stretti) all’amico di vivere una buona avventura, annuncia che prenderà parte alle Regionali 2010 con le sue liste civiche Cinque Stelle lanciate proprio (ironia della sorte) dal Cep il settembre  di un anno fa, durante la notte grigio topo”. Ritiratosi dalla “corsa” per la leadership del Partito Democratico, dunque, il comico genovese, oggi “voce” dell’antipolitica si sfila anche da un possibile affiancamento, almeno per ora. «Saremo in gara da soli dice con le nostre liste, autonomamente. Ci metteremo a lavorare subito dopo il VDay del 4 ottobre sul nucleare. Abbiamo i nostri obiettivi e vogliamo proseguire su questi, siamo totalmente estranei alla lista di Burlando: ognuno andrà per la propria strada».

 

Link all’articolo

(Ava Zunino, per “Repubblica Genova”, 24 luglio)
Da Prà, con l’uomo simbolo del quartiere popolare simpatizzante di Beppe Grillo, riparte la sfida per le prossime Regionali
BURLANDO, LISTA CIVICA MODELLO CEP

RIPARTE  da un grillino il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando per cercare di vincere le elezioni regionali del 2010. Con la benedizione dello stesso comico genovese, Carlo Besana, 55anni, ex farmacista oggi imprenditore, da anni impegnato socialmente nel quartiere popolare Cep di Genova, diventa il primo candidato della nuova lista civica di Burlando. L’annuncio è stato datti dallo stesso presidente al circolo Arci del Cep, quartiere sulle alture di Prà un tempo dimenticato e con gravi problemi sociali, oggi di nuovo vivibile” dicono gli stessi residenti.

BURLANDO LANCIA LA SFIDA DEL PD 
“LA MIA LISTA CIVICA PARTE DAL CEP”
Primo candidato un fan di Beppe Grillo, il farmacista Besana

TEMPI nuovi, mondi nuovi: il presidente delta Regione Claudio Burlando si presenterà alle elezioni della prossima primavera con una lista civica nuova di zecca.
Per ora manca il nome: «Lo sceglieremo tutti insieme». Ma l’obiettivo è chiaro e la scelta del personaggio che dovrà incarnarlo pure: è Carlo Besana, 55 anni, ex farmacista che ha fatto della rinascita del Cep di Pra’ “la sua missione laica”. Sarà candidato alle regionali di primavera sotto le insegne della lista civica del presidente Burlando. Ed è stato proprio nella saletta del centro sportivo Pianacci che Burlando ha voluto presentare la sua lista civica insieme a Besana. Perché lui? «Perché di tutte Ie esperienze che ho visto in questi anni – ha detto Burlando – questa del Cep di Prà è la più bella».
Burlando ha spiegato che nella lista civica vuole candidare i protagonisti delle battaglie del territorio e delle professioni: «Personaggi che non hanno mai fatto politica ma anche personaggi che la politica acora la fanno ma che oggi non si riconoscono più nei partiti e negli schieramenti; gente sia di centrodestra sia di centrosinistra. La scelta della lista, che avrà come luogo di incontro il sito internet www.claudiohorlando.It, «è dovuta al fatto che questo è un momento difficile per la politica e pensiamo che quaranta candidati belli possano aiutarci a cancellare le distanze tra le gente e la politica».
Un’altra lista civica dopo quella (“Gente di Liguria per Claudio Burlando”) che neI 2005 lo aveva accompagnato nella vittoria alle regionali?
«Questa è una cosa diversa, la lista civica del 2005 nacque da altre persone che chiesero di potersi collegare a me usando anche il mio nome. Questa che presentiamo oggi nasce invece direttamente da me: l’obiettivo è mettere insieme le persone migliori che ho conosciuto in questi anni».
Gente di Liguria per Claudio Burlando sparirà? «Non lo so. Era una lista collegata».

La lista di Burlando, dunque, ha un primo candidato nell’ex farmacista che negli anni roventi del Cep aveva risposto al bando del Comune e aperto lassù la sua farmacia.
Amico di Beppe Grillo, e anzi identificato come “grillino”, Besana spiega
: «Non sono ufficialmente un “grillino” anche se condivido motto del percorso e delle battaglie di Grillo. Quando un comico attiva alla gente con dei contenuti non e più un comico ma uno che si candida a portare avanti delle istanze».
Martedi sera, prima della conferenza stampa con Burlando, Besana ha telefonato a Grillo: «Lui, dopo un primo momento di incertezza, ha convenuto che sono le persone a candidarsi e inseriti sempre la stessa persona la mia è la candidatura di tutto il quartiere: prima di accettare la proposta di Burlando ho chiesto al comitato di questo quartiere e poi a quelli dei quartieri delle colline del ponente, se per loro andava bene. Mi hanno dato il placet», ha raccontato Besana.
E a confermare, tra la gente accorsa ieri al Cep, c’era anche il coordinatore dei comitati delle colline.
«Qui ci sono molti islamici – ha detto Besana – e con me si candida anche il mondo islamico. Qui oggi ci sono il presidente di Federfarma e il mondo sportivo».
Hamza Piccardo, ex portavoce dell’Ucoi, ha detto. «i liguri musulmani sono poche decine. Vorrei ringraziare il presidente per la sua scelta, noi faremo la nostra parte. Dobbiamo lottare contro la paura isterica di cose che non ci sono».
Piccardo era balzato alle cronache prima perché avrebbe lasciato una moglie con un sms, poi perché suo figlio doveva essere candidato del Pdl ad Imperia, voluto dal Ministro Claudio Scajoia, ma tutto saltò per l’opposizione della Lega.

Un appoggio scomodo quello di Piccardo?
Risponde Besana: «Oggi ho voluto accanto tutti gli amici e per me Piccarlo è un grandissimo amico. Sono onorato di averlo con me, anche se sapevo che questo intervento poteva essere male interpretato, ma sono onorato di averlo con me

 

 

Link all’articolo

(Alessandra Costante, per “Il Secolo XIX”, 24 luglio)
REGIONALI 2010, BURLANDO ARRUOLA IL GRILLINO BESANA 
Questa mattina, nell’area del consorzio Pianacci, Burlando ha tenuto a battesimo la sua lista civica ed anche il primo candidato.

Si tratta, come aveva anticipato il Secolo XIX, di Carlo Besana, 55 anni, ex farmacista del Cep, da anni impegnato socialmente nel quartiere popolare.
Besana non è solo il fautore della rinvicita del Cep, dell’integrazione tra le razze al grido “pesto e cous-cous”, ma è anche molto vicino a Beppe Grillo e al suo movimento «perché dice cose che la gente vuole e capisce» spiega l’ex farmacista che in passato era stato avvicinato senza successo da altri esponenti politici.
«Non corteggio i grillini – dice Burlando – la mia proposta a Besana l’ho fatta molti mesi fa. La vicenda Grillo è tutta un’altra storia in cui abbiamo commesso (il Pd, ndr) un errore perfino di buonsenso nel rispondere a quel modo».

Besana, ieri sera ha avvertito per telefono il comico genovese: «Volevo informarlo di questo evento e dopo un primo momento diciamo un pò a suo modo, abbiamo convenuto che comunque quello che conta sono le persone e io sono lo stesso di prima e spero di esserlo anche dopo. Ho rimarcato a Grillo che non si candida una persona ma un quartiere».
Per la campagna elettorale Burlando utilizzerà anche il sito www.claudioburlando.it, «sarà un aiuto per la comunicazione, sperando che possa diventare una comune, ma non sostituirà la campagna elettorale tradizionale, fatta di contatto con la gente».
Anche Roberto Hamza Piccardo, già portavoce nazionale dell’Ucoi (Unione delle Comunità islamiche), appoggia la lista civica di Claudio Burlando per le prossime elezioni regionali.
È stato lo stesso Piccardo: «la scelta di Burlando è coraggiosa perché qui ci sono a disposizione pochi voti ma ciò che conta è il messaggio, l’atteggiamento e questo è un segno in controtendenza». Piccardo annuncia di volere contrastare «l’arroganza del potere che sta mandando brutti segnali con un uso della pausa e dell’intolleranza che va fermato».

Besana, prima di scegliere ha ascoltato i residenti, tra cui la consistente comunità islamica: «prima di dare il mio ok ho fatto un passaggio con sette comitati di quartiere e ho chiesto loro se ritengono opportuno questo passaggio. In questa comunità c’è molto forte la presenza islamica per cui mi sento di dire che oggi si candida anche la comunità islamica. È un messaggio molto forte».
«Non sono ufficialmente un grillino – ha aggiunto Besana – sicuramente condivido molte delle battaglie che Grillo porta avanti. È un esempio di protesta concreta e seria, con un programma, non fine a se stessa».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield