io, Fred…e quel “Disco per l’estate” 1966…

io, Fred…e quel “Disco per l’estate” 1966…
 
 
c’è chi lo ricorda per “Una rotonda sul mare”, “Amore fermati”, “Doce doce”…io invece Fred Bongusto lo ricordo così…
(- la foto di copertina è tratta dalla rivista “Giovani” . 1966 -)
 
 

Tutti (io pure) lo ricordano soprattutto per “Una rotonda sul mare”, “Amore fermati”, “Doce doce”, “Malaga”, “Balliamo”, molto probabilmente i suoi successi più popolari.
 
C’è però un mio particolare ricordo legato a Fred Bongusto, scomparso oggi, ed è iegato a “Prima c’eri tu” ed al “Disco per l’estate” del 1966

Quell’anno “facevo il tifo” per “Tema” dei Giganti (arrivata terza ad una manciata di voti da Fred Bongusto) e per la divertente “La motoretta” degli Scooters, che invece manco arrivò in finale…
come outsider (nel mio ranking personale) c’era anche Caterina Caselli, con “L’uomo d’oro”, che mancò pure il podio…

niente, vinse Fred Bongusto con “Prima c’eri tu”…

con mia profonda irritazione…

già quell’anno avevo dovuto “digerire” l’assurda eliminazione di Adriano Celentano  e dei Ribelli, con “Il ragazzo della via Gluck”, alla prima serata del Festival di Sanremo, vinto da Domenico Modugno e Gigliola Cinquetti con “Dio come ti amo”
ora ci si metteva pure Fred Bongusto…

troppo in un solo anno!!!

bravo, niente da dire, ma il genere “confidenziale” non era proprio quello che poteva piacere ad un ragazzino di 12 anni…
almeno non a me…

(clicca per ingrandire)

con l’intento di rimediare a quella che avevo vissuto come un’ingiustizia, chiesi a mia sorella di regalarmi “Tema”, dei Giganti…
il mio piccolo, ingenuo contributo alla “scalata” di “Tema” nella Hit Parade di quell’estate…
che vide peraltro il trionfo di “Tema” nelle vendite…

(nella foto la copertina di quel vinile, che nel 2005, con molta emozione, riuscii a far autografare, a Savona, a Checco Marsella ed al mitico Enrico Maria Papes…)

 

 

 

uno o due anni più tardi Fred Bongusto incise la simpatica (ed orecchiabile) “Spaghetti a Detroit”

qualche anno più avanti coinvolse la stupenda Minnie Minoprio nell’intrigante “Quando mi dici così”
 
brani che mi è capitato spesso di canticchiare, molto diversi dal suo abituale cliché…
a dimostrazione della versatilità di un grande artista, autore di una miriade di colonne sonore di film di successo, “Malizia”,  “Venga a prendere il caffè da noi” alcuni film della serie “Fantozzi” e molti altri…
 
con la sua voce sensuale, dal timbro particolare, ha fatto ballare e sognare molte coppie nel periodo in cui andare a ballare aveva un significato molto più romantico di quello che può avere oggi…
 
mi piace ricordarlo con un’immagine in bianco e nero, pubblicata dalla rivista “Giovani” proprio nel 1966…
in bianco e nero, come lo vedemmo in tv quella sera del 1966 in cui vinse “Il Disco per l’Estate”…

che a pensarci bene…ancora un po’ “mi gira”…

senza rancore, Fred…

anzi…

pensa che, di tanto in tanto, approccio Susanna sussurrandole…

Balliamo, è da tanto tempo che non lo facciamo.

Balliamo, c’è la musica che piace pure a te.
Andiamo, questa sera sono in vena di follie
noi due, stretti stretti come tanto tempo fa.

chi l’avrebbe mai detto, quella sera di 53 anni fa???…

 

 

” 

 

 

 
 

 

 
 
Foto dalla rivista “Giovani” – 1966
(clicca per ingrandire)
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *