il sorriso di Giulia

il sorriso di Giulia

d’improvviso, una notizia che ti lascia sgomento…pensi al suo sorriso, solare, e non ti pare possibile…

“se qualcuno chiedesse di me…ditele che non ci sono, che non ci sono mai stata”

Non so da quanto tempo (dall’inizio? Solo di recente?) questa frase fosse presente sul profilo di Giulia Napoli…

l’ho notata solo ieri sera, andando a cercare conferma alla notizia del suo suicidio, che mi ha portato molta tristezza nel cuore…

Giulia Napoli l’ho conosciuta nel periodo in cui gestivo la farmacia del Cep; una signora con un sorriso solare, che sapeva esprimere allegria senza andare, mai, sopra le righe…

da quando, dieci anni fa, ho lasciato l’attività lavorativa, i nostri contatti sono continuati grazie a Facebook e con alcune sue presenze agli eventi organizzati al Pianacci alcuni anni fa, un percorso (quello del Pianacci) per il quale aveva spesso espresso parole di apprezzamento.

lo scorso 14 marzo, in occasione del mio compleanno, aveva postato un messaggio di auguri molto particolare, che mi aveva molto colpito e commosso (e gliel’avevo scritto).

(clicca per ingrandire)


“Felicissimo compleanno Carlo.

Vorrei poteri fare un compleanno speciale, anche se tu non ne hai bisogno…perché speciale sei già tu.
E’ grazie a persone come te che il mondo a volte è un po’ più vivibile…
Grazie Carlo, a te ed alle persone che ti vivono accanto”

 

 

Era nata il 1 gennaio, come Susanna, e proprio a quel giorno risale l’ultimo “contatto” via Facebook, gli auguri per il nuovo anno e per il suo compleanno.

I post che ci vengono proposti quando ci connettiamo a Facebook sono gestiti da un algoritmo che tiene conto, soprattutto, della frequenza dei contatti…

e da un po’ non mi erano comparsi suoi post.

Ieri sera sono andato a leggermeli, sul suo profilo, a ritroso…

ho il rammarico di non aver saputo o potuto cogliere il suo disagio interiore e di conseguenza non essere riuscito ad esserle, minimamente, d’aiuto…

il suo sorriso solare mi è tornato in mente, prepotentemente, ed in modo crudele…

il giorno in cui mi capiterà di migrare lassù, nonostante il suo “veto”, andrò a cercarla, chiederò di lei…

le farà piacere sapere che lei c’è stata, ed il suo sorriso è rimasto qui, a parlarci di lei 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield