Il rosa ed il nero, le gioie e le amarezze di una storia cestistica giunta al capolinea

Il rosa ed il nero, le gioie e le amarezze di una storia cestistica giunta al capolinea

il rosa ed il nero…i colori degli umori contrastanti…spesso si fatica a vedere un futuro roseo…ma può anche accadere che, magicamente, il nero del passato si tinga, in gran parte, di rosa…

19 giugno 2007 – 3 agosto 2018, 4064 giorni

tanto è durata la “storia” dell’NBA New Basket A-Zena…

sul piano cestistico in realtà la “storia” era già finita da tempo, dall’estate 2015…

nonostante fossimo riusciti a salire laddove nessuna squadra di basket femminile era mai riuscita ad arrivare, sotto la Lanterna – il secondo campionato nazionale, con tanto di duplice, consecutiva poule promozione e, nel 2014, l’accesso, purtroppo solo sfiorato, al massimo campionato nazionale – nonostante tutto questo, dicevo, ci ritrovammo senza uno straccio di sponsor (manco quelli “da mille euro”…), impossibilitati a restare nel campionato cui avremmo avuto diritto…

e non in uno sperduto centro di chissà dove, nella città settima per popolazione in Italia…

Gli anni successivi, dapprima con l’autoretrocessione in Serie C, poi la disputa di soli campionati giovanili e parallelamente la progressiva collaborazione con l’Auxilium Genova hanno rappresentato in realtà l’inizio del percorso che ha portato pochi giorni fa alla fusione dell’NBAZena con il sodalizio di Corso Sardegna, formalizzato dalla comunicazione, inevitabilmente laconica, inviata dalla FIP: “la pratica di fusione è andata a buon fine”.

Il che, in buona sostanza, sancisce la “scomparsa” dell’NBAZena dall’elenco delle Società affiliate alla Federazione Pallacanestro.

Non ho avvertito particolari emozioni, e credo sia comprensibile…
tutto sommato la mail della FIP è stata una sorta di “cronaca di morte” non solo annunciata ma addirittura cercata

ho vissuto con maggiore “sofferenza” l’estate del 2015, anche perché era evidente, almeno ai miei occhi, che non ci sarebbe stata un’altra possibilità, quantomeno per noi…

quel momento rappresentava la fine di un sogno, la chiusura di un percorso entusiasmante, una sorta di volo a perdifiato sulle montagne russe delle emozioni, un volo fatto di grandi soddisfazioni alternate a cocenti delusioni…

e quell’ultima, cocente delusione, era evidente che sarebbe stata quasi letale…

mi son ritrovato, in questi giorni, a ripercorrere, con il sereno distacco con il quale si possono osservare le vicende del passato, tanto le grandi soddisfazioni quanto le cocenti delusioni…

e devo dire che le seconde non riguardano i (negativi) risultati sportivi…

chi, come me, ha percorso alcuni decenni nel mondo dello sport agonistico lo sa, mette in conto le sconfitte, avendo ben chiaro che, salvo rare eccezioni, saranno di gran lunga più numerose rispetto alle vittorie…

le delusioni più cocenti, oltre a quella dovuta all’indifferenza di un’intera città nei confronti di un exploit che avrebbe meritato ben diversa considerazione, sono legate in massima parte ai comportamenti delle persone, alla mancanza non tanto di gratitudine (che pure non guasterebbe, anche se per me non è mai un elemento primario) quanto a quella che io vivo come mancanza di rispetto, che non sopporto…, spesso dovuta a motivi di puro opportunismo poco abilmente mascherati…più avanti sarà evidenziato il “ruolo” di altri colori; in questo caso il colore dominante è quello dell’erba del vicino, che sembra sempre più verde….

atteggiamenti, episodi, segnali di un sempre più labile senso di appartenenza, che in questi ultimi anni ho faticato sempre più a sopportare, e che non sono estranei (anzi…) al mio progressivo distacco…
paradossalmente, con la stessa efficacia della morfina, hanno progressivamente attenuato, fino ad annullarlo, il dolore per la chiusura di una storia che pure mi ha consentito di vivere anche molti momenti esaltanti.

Ed in questo momento è proprio a questi che voglio pensare, in ordine sparso

  • la vittoria al PalaDonBosco contro il mitico Geas, squadra per la quale ho fatto il tifo (poi condiviso con la Comense) per molti anni…
  • il “primo giorno” in Serie A2, la vittoria al supplementare contro Cagliari e, pochi minuti più tardi, il volo proprio verso Cagliari per l’opening day di Serie A1, nel corso del quale ricevo il premio come miglior dirigente dell’anno precedente, quello dell’entusiasmante “cavalcata” in Serie A3… 
  • la ragazza cresciuta nel nostro settore giovanile che mi descrive minuziosamente, sprizzando affetto e stima, in un tema in classe
     
  • l’adrenalina della doppia finale con Trieste, l’accesso verso la Serie A1 solo “accarezzato” 
  • la ragazza che gioca (benissimo peraltro) meno di un anno con noi (si infortuna gravemente sul più bello) e qualche anno più tardi mi chiede di farle da testimone di nozze… 
  • la prima convocazione nella nazionale maggiore di una nostra giocatrice… 
  • l’arrivo (anticipato) di una nuova giocatrice per le visite mediche, l’apprensione per l’ipotesi di un serio infortunio che le avrebbe impedito di giocare con noi, il “patto” che comunque non avremmo rescisso il  contratto, l’avremmo attesa…
    il sollievo alla notizia del “falso allarme”, il concerto musicale al Porto Antico con il suo gruppo preferito, la notte trascorsa a casa nostra…
    l’affetto che ci lega ancora, pur separati da centinaia di chilometri… 
  • gli abbracci, affettuosi, con “le mie capitane” (e le altre giocatrici) al termine delle vittorie più sofferte… 
  • a proposito di “capitane”… la giocatrice che viene per la prima volta a giocare in una squadra del Nord, diventa capitana della squadra, e poi, come per magia, trova anche l’amore, si stabilisce in Liguria e diventa mamma
  • il primo canestro in A2 di due giocatrici cresciute nel nostro “vivaio”… 
  • le iniziative a favore dei progetti di solidarietà verso gli animali e per promuovere una biodiversità naturale… 
  • la medaglia di bronzo ai mondiali 3vs3 in Brasile di una nostra giocatrice… 
  • l’apertura, riservata a noi, del Candido Day, evento organizzato dalla Gazzetta dello Sport nella sua storica sede, nel ricordo del compianto direttore Candido Cannavò… 
  • il sostegno ai cani e gatti delle famiglie alluvionate in Sardegna… 
  • la nostra prima giocatrice “straniera” 
  • la prima (ed unica…) partecipazione ad un’interzona giovanile 
  • il nostro tifoso “numero 1”, Don Gallo…e la sua telefonata di complimenti alle ragazze che avevano vinto un’importante partita nei playoff di Serie A3…
    il suo entusiasmo riesce a superare la difficoltà, anche vocali,  che sta attraversando…
    invita tutti a “festeggiare” con lui al ristorante “A’ Lanterna”…
    non ci sarà il tempo…mancherà pochi giorni dopo…
  • la presentazione della squadra, alla presenza del Sindaco Doria, a Palazzo Ducale, uno dei gioielli della città… 
  • la nostra giovane promessa, che si infortuna seriamente proprio nel giorno della finale regionale giovanile (che probabilmente con lei in campo sarebbe andata diversamente…) e deve anche rinunciare alla convocazione nella nazionale di categoria, in procinto di affrontare importanti impegni internazionali…un lungo recupero poi, come un raggio di sole, l’invito a trasferirsi negli USA, in una high school che proprio grazie ad una sua tripla, quasi allo scadere, conquisterà il titolo a lungo inseguito… è ancora là, negli USA, in un college in Wyoming
    un’esperienza di vita che va di gran lunga aldilà degli aspetti sportivi…
    che però sono quelli che le hanno consentito di fare questo percorso, ed è un’opportunità che le è capitata da “giocatrice NBAZena” tra molti anni, sarà chissà dove e farà chissà cosa…
    sicuramente qualcosa che senza questa esperienza non le sarebbe stato possibile fare…e paradossalmente si può dire che sia partito tutto da lì, da quella sofferenza, fisica e morale, che come in un film ha segnato il confine con un nuovo, inimmaginabile percorso…

    sono certo che anche fra molti anni si ricorderà della maglia rosanero che indossava sia quando crivellava di punti le retine avversarie che quella terribile sera…

il rosa ed il nero…

proprio i colori degli umori contrastanti…

gli stessi, contrastanti, colori ed umori che mi si sono presentati spesso, in questi ultimi anni, in cui però la visione del futuro è stata sempre meno rosea…

ed allora, in conclusione, faccio un altro salto nel passato

a quell’anno in cui una nostra giocatrice del settore giovanile ci comunicò di aver deciso di smettere.

non giocava quasi mai (tranne qualche frammento di partita) ma non si era mai lamentata, si era sempre allenata con impegno ed era sempre allegra, ben inserita nel gruppo delle compagne…

ragazza intelligente, aveva probabilmente capito che il basket non era propriamente l’attività sportiva più indicata per lei…

mi telefonò sua mamma, comunicandomi un desiderio della ragazza, che ovviamente fu esaudito senza tentennamenti: avrebbe voluto tenersi la divisa, anche pagandola se necessario…

le faceva piacere tenere con sé il ricordo di un periodo per lei bellissimo…

beh, quando ripenso a questo dolcissimo , e per me molto significativo episodio, le amarezze, i sacrifici, economici e non, le delusioni…
passa tutto in secondo piano…

e magicamente, come le nostre maglie, definitivamente appese nell’ampio armadio dei ricordi, anche il nero del passato si tinge, in gran parte, di rosa…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield