Il cerchio dei ricordi può trasformarsi, per combinazione, in un rettangolo…

Il cerchio dei ricordi può trasformarsi, per combinazione, in un rettangolo…

l’insieme dei ricordi assume, spesso, le sembianze di un cerchio…a volte, però, alcune “combinazioni” possono trasformare il cerchio in un rettangolo…

Chi mi conosce lo sa…
più volte, nel recente e lontano passato, ho avuto modo di ricordare la mia personale “storia” con il Basket Costa
un periodo piacevole che, ogni tanto, “ritorna”…
tra ricordi e combinazioni…

Anno sportivo 1990-1991: il Basket Costa ottiene la promozione in Serie B superando nel playoff di finale il Basket Mariano, la “acerrima nemica” di Mariano Comense…

 

Mariella Picco (9) e Susanna (10)
(clicca per ingrandire)

 


Anno sportivo 1991-1992
: per Susanna è l’ultimo campionato con la maglia del Basket Costa, prima del nostro trasferimento a Genova. In quel suo primo campionato di Serie B trova al suo fianco (nel “reparto pivot”), l’esperta Mariella Picco.

 

 

 

 

 

 

Serie A1, 1995-1996
Nel riquadro Coach Lucchesi
(clicca per ingrandire)

 

Anno sportivo 1995-1996: il Basket Costa disputa il suo primo (e finora unico) campionato di Serie A1.
La squadra. guidata da coach Giovanni Lucchesi, chiude con un brillante settimo posto, che vuol dire qualificazione per una coppa europea. Gli sponsor però se ne vanno, ed il Basket Costa ricomincia, con un’autoretrocessione di quattro categorie.

 

 

 

 

Anno sportivo 2017-2018: il Basket Costa, che con la prima squadra è stabilmente nei quartieri alti della Serie A2, vince i titoli nazionali Under 18 ed Under 16, sfiorando “il triplete” con le Under 14, sconfitte in finale.

Balossi, Spinelli, Nasraoui, Colognesi
(clicca per ingrandire)

Quattro “panterine” Under 16 vengono convocate nella nazionale di categoria, impegnata nei campionati europei a Kaunas, in Lituania.
E sorprendentemente salgono sul gradino più alto del podio.
Le quattro “panterine” sono Giorgia Balossi, Silvia Colognesi, Meriem Nasroui e Martina Spinelli.

Meriem Nasraoui è di Mariano Comense, proprio la cittadina divisa da “acerrima rivalità” con Costamasnaga…
Martina Spinelli è figlia di Mariella Picco
Il coach della Nazionale è Giovanni Lucchesi.  

Nessuno ha vinto più di lui in Italia a livello giovanile; era anche coach della nazionale Under 18 che vinse il titolo europeo a Poprad, in Slovacchia, nel 2010.

 

24 agosto 2018: io e Susanna, unitamente ad altri amici, siamo impegnati a completare la posa del parquet nella Sala “Foglino”, al Pianacci.
Lo abbiamo recuperato (gratis) da un’esposizione mobili di Chiavari in fase di ristrutturazione, una ghiotta occasione per sistemare ancora meglio i 250 mq della sala che poche settimane fa è stata rinnovata con l’abbattimento delle barriere architettoniche, rendendola fruibile anche ad atleti disabili.

La posa è molto faticosa, è il quarto giorno di lavoro, mi dimentico della finale

Terminiamo attorno all’una di notte, eravamo lì dal primo pomeriggio.

Saliamo al bar del Pianacci, per mangiare un boccone…

Finalmente dedico un minuto allo smartphone e solo in quel momento mi ricordo…

Under 16, campioni d’Europa 2018
(clicca per ingrandire)

cerco affannosamente, e sul display compare la stupenda notizia: Italia-Repubblica Ceca 60-52, Campioni d’Europa!!!
top scorer Meriem Nasraoui, con 15 punti…

mi complimento con coach Lucchesi, inviandogli un messaggio whatsapp  (è tardi, ma sicuramente starà festeggiando, in Lituania…)

 

 

 

in un attimo passano sia la fame che la stanchezza, complice un frullato di emozioni, ricordi, combinazioni casuali che vanno a comporre un cerchio che partendo da Costamasnaga e passando per Mariano Comense, Mariella Picco e Giovanni Lucchesi va a ricongiungersi con lo stesso Giovanni Lucchesi, Martina Spinelli, Meriem Nasraoui per approdare nuovamente a Costamasnaga, al termine di una stagione memorabile…

Bicio Ranieri
(clicca per ingrandire)

 

al centro di questo cerchio il volto di Bicio Ranieri, che c’era già (era il coach) in quel playoff promozione del 1991 e c’è ancora, al timone (organizzativo) di una società che non finisce di stupire…vince e “costruisce” giocatrici di caratura internazionale attingendo esclusivamente al “territorio” brianzolo…

inevitabilmente il cerchio si allarga un po’…devono entrarci anche Graziella e Nino anzi, già ci sono, da sempre…

 

 

Nene Diene 2014-2015
(clicca per ingrandire)

 

…mi accorgo di un’altra “combinazione”…

…nella medaglia d’oro di Kaunas, come detto, c’è tanto “Basket Costa”; in quella del 2010, l’anno dell’oro europeo Under 18. capitana delle azzurre era Nene Diene, una delle giocatrici cui sono più affezionato, tra le tante che hanno giocato a Genova, nella “mia” NBAZena…

mamma mia, quante combinazioni…

 

 

 

…e ce n’è un’altra, l’ultima…

…mentre le “panterine” e le loro stupende compagne conquistavano la vetta d’Europa sul parquet del Palasport di Kaunas io, ironia della sorte, stavo faticosamente terminando la posa di oltre 250mq di parquet, alla Sala “Foglino”…
una sala a forma rettangolare, proprio come un campo da basket, con il suo luccicante parquet…

il parquet…
quanti ricordi…

…molti tra i miei ricordi più belli e molte delle mie emozioni più vive stanno proprio lì, non dentro un cerchio ma dentro un rettangolo, quello del gioco più bello del mondo…

come si diceva???
ah si…

I love this game…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield