Giusy, Giovanni…la luna e la Vespa rossa…

Giusy, Giovanni…la luna e la Vespa rossa…

penso sia capitato a chiunque di partecipare ad un matrimonio e, per motivi tra i più disparati, annoiarsi quasi mortalmente…
ed è il motivo per il quale non sempre, quando si riceve l’invito ad un matrimonio, si fanno salti di gioia…
non è stato così per il matrimonio di Giusy e Giovanni…

Caterina e Luigi Santoro
(clicca per ingrandire)

io e Susanna abbiamo conosciuto la famiglia Santoro al Cep, nel 1995.
Avevamo da poco rilevato la farmacia San Giovanni e con Luigi Santoro e sua moglie Caterina fu feeling immediato

per me in particolare il rapporto di amicizia con Luigi fu veramente speciale…

ho già avuto modo di raccontare questo singolare modo di volerci bene “dandoci del lei”, una piacevole modalità cui non avremmo rinunciato negli anni a seguire… (http://www.carlobesana.it/luigi-caterina-i-moscardini/)

pochi anni per la verità, perché questa amicizia speciale si interruppe nel 2000, quando una malattia ci portò via Luigi, lasciando più soli noi e, soprattutto, sua moglie Caterina ed i figli Giacomo, Giusy e la piccola (12 anni) Pamela

partecipare al matrimonio di Giusy è stato, per me e Susanna, come fare una “rimpatriata” in famiglia…

ed abbiamo molto apprezzato il fatto che, nella distribuzione dei posti assegnati ai 230 invitati, a noi sia stato assegnato un posto “in famiglia”, accanto a Caterina ed ai suoi fratelli Franco ed Antonio, vicino al tavolo degli sposi.

E’ stata l’occasione per rivedere, dopo tanto tempo, la “piccola” Pamela, ormai trentenne, trasferitasi da qualche anno a Roma con il marito Antonio, mamma di due stupendi bambini…e per trascorrere un po’ di tempo con Giacomo e Valentina, compagna di Giacomo, e con Caterina…

io con Sonia Capaldo (a sin.) e Pamela Santoro
(clicca per ingrandire)

 

E’ stata soprattutto l’occasione per conoscere ed apprezzare Giovanni, il neo marito di Giusy.

Caterina ci ha spiegato che, nonostante la professione lo tenga impegnato quotidianamente a Milano, si sia personalmente occupato dell’organizzazione e della regia di quella che si è rivelata, per noi, una delle feste di matrimonio più belle cui ci sia capitato di partecipare.

La Chiesa della Parrocchia dei SS Nicolò ed Erasmo a Voltri, splendidamente addobbata,  è stata scelta per la cerimonia religiosa, impreziosita da un coro ben assortito, piacevole, accompagnato dal suono di un harmonium (penso si chiami ancora così) collegato alle oltre 500 canne d’organo posizionate dietro l’altare ed a quelle posizionate alle spalle dei fedeli, con un effetto musicale totalmente avvolgente; nell’esecuzione di un paio di brani, nella parte finale della cerimonia, si è apprezzato il valore aggiunto dato dall’elegante tocco del pianoforte a coda…

ed è stata molto elegante anche la scelta effettuata dallo sposo, Giovanni, di inserire, in modo molto discreto ma non per questo meno significativo, il ricordo di Luigi, papà della sposa, nella preghiera che ha seguito il Mistero della Fede.

 

 

 

Incredibilmente bella la location scelta per accogliere i circa 230 invitati dopo la cerimonia religiosa.

Villa “Lo Zerbino”
(clicca per ingrandire)

 

Villa “Lo Zerbino” si trova praticamente in piazza Manin, nei “piani alti” del cuore di Genova.

E’ una delle poche strutture che, in città o nei suoi pressi, potesse garantire di poter allestire un ricevimento (all’aperto o in caso di brutto tempo al coperto) per 230 persone e più o meno un centinaio di automobili.

Con un colpo d’occhio da favola, che mi ha immediatamente ricordato l’elegante sfarzo di alcune ambientazioni dei grandi film hollywoodiani…
statue, piscina, parco in cui erano elegantemente posizionati e distinti gli spazi per l’aperitivo e per la cena.

Villa “Lo Zerbino”
(clicca per ingrandire)

 

 

E qui si è svelato quello che (almeno per me e Susanna) era un vero e proprio “mistero”, cui aveva fatto cenno, senza ulteriori spiegazioni, anche il parroco, in chiesa, durante la cerimonia religiosa: la presenza, all’inizio del parco, di una Vespa rossa e di una luna, proprio come nei biglietti d’invito…

gli inviti con Vespa rossa e luna…
(clicca per ingrandire)

 

mamma Caterina ha soddisfatto la nostra curiosità, spiegandoci che Giusy e Giovanni si sono conosciuti qualche anno fa, sulla spiaggia di Voltri, e lui già “girava” con questa fiammante Vespa rossa…
e Giusy da molti anni ha evidenziato una grande passione per oggetti ed immagini che riproducessero uno spicchio di luna…

e ad un certo punto proprio uno spicchio di luna ha fatto capolino nel cielo limpido sopra lo splendido parco di Villa “Lo Zerbino”, con l’immancabile presenza, lì accanto, del luminosissimo pianeta Venere…

su questo, ovviamente, la sapiente regia di Giovanni non ha alcun merito, solo un meritato tocco di fortuna all’interno di una serata in cui però si è potuta toccare con mano la perfetta organizzazione e la cura di ogni dettaglio da parte del neo sposo…

dall’allestimento dell’angolo con la Vespa rossa e la luna (simboli dell’inizio della loro storia d’amore), ai titoli delle canzoni che hanno contrassegnato i nomi dei molti tavoli ai quali sono stati distribuiti i 230 invitati.
A noi è toccato “La vita è adesso”, ma c’erano pure “Non voglio mica la luna”, “Moonlight shadow”, “Strada facendo”, “E’ tutto un attimo”…

poteva mancare “Fly me to the moon”?,
certo che no!,
e tante altre, con le quali stilare una singolare playlist della loro storia e che è andata a comporre un elegante “tableau de mariage”, suddiviso in tante singole cornici in cui il titolo della canzone consentiva di identificare tavolo e commensali…

La Vespa rossa e la luna
(clicca per ingrandire)

 

molto curato (e non poteva essere diversamente) il servizio di Capurro, azienda che a Genova firma da oltre 100 anni i ricevimenti ed i banchetti più esclusivi.

in occasione del taglio della torta, inevitabilmente gigantesca (ed altrettanto squisita), l’inatteso coup de theatre: una spettacolare festa pirotecnica è “esplosa” dalla piscina alle spalle degli sposi, accompagnata dalle note di “Luna”, il più grande successo, agli inizi degli anni ’80, di Gianni Togni…

 

 

a notte inoltrata, al momento del saluto, il “tocco finale”: una singolare “bomboniera”, costituita da una cornice bianca contenente una stampa raffigurante (e poteva essere diverso?) una Vespa rossa, la spiaggia ed uno spicchio di luna…con la scritta “ora che è estate, ora che è amore”, preciso richiamo a “Come un pittore”, successo dei Modà…

La bomboniera
(clicca per ingrandire)

 

quasi a voler chiudere, simbolicamente, con un tocco d’artista (“Come un pittore”…) la giornata in cui si è consolidata una bella storia d’amore, con gli stessi “simboli” che l’hanno generata…

bravo davvero Giovanni, complimenti…

 

 

qualcuno potrà obiettare che occorre anche potersi permettere tutto questo, ed è vero, tutto quello che è stato descritto non è “alla portata” di tutte le tasche…

è però altrettanto vero che la cura del dettaglio, impreziosita da innegabile buongusto, messi in campo da Giovanni per rendere ancor più speciale questa giornata per la sua Giusy, non sono “alla portata di tutti”, e non è questione di possibilità economiche…  

insomma, si è capito…
Giovanni mi è piaciuto molto…
è epidermicamente simpatico, ed in più è uno che “non se la tira”, manco un po’…

e me l’ha confermato anche mamma Caterina, spesso “vittima” della sua voglia di scherzare…

sono veramente felice per Giusy…

ieri, da qualche parte, dietro le colonne della chiesa, tra gli alberi e le statue del parco della villa…
sicuramente c’era anche lui, Luigi, accompagnato da alcuni amici che gli tengono quotidianamente compagnia, lassù…

Io e Caterina
(clicca per ingrandire)

Luigi non avrà mancato di far notare, ai suoi amici, quanto sia ancora bella Caterina, sembra che per lei il tempo si sia fermato a 18 anni fa…

Luigi non ha avuto modo di conoscere i suoi nipotini, figli di Giacomo e Pamela, ed ovviamente non ha avuto modo di conoscere Giovanni…
sarà stato curioso, come lo sono stato io…
e sono certo che, come è piaciuto a me, sarebbe molto piaciuto anche a lui questo ragazzo dallo sguardo dolcissimo che ha saputo conquistare il cuore della sua figlia più grande…

e sicuramente sarà stato orgoglioso del fatto che il suo nuovo genero abbia saputo organizzare la giornata speciale per la “loro” Giusy, con tutta la cura e l’attenzione che anche lui le avrebbe dedicato…

e mentre andavo a recuperare, da solo, la macchina al parcheggio, percorrendo il vialetto del parco illuminato da una luce fioca, ho sentito nettamente i passi di Luigi e dei suoi amici che si allontanavano tra gli alberi…

e la voce di Luigi che, con il suo inconfondibile accento siciliano, cercava di togliere ogni dubbio su quanto fosse felice la scelta di sua figlia…

“Miiiii….è pure sampdoriano!!!”

Sì, la “sua” Giusy è proprio in buone mani…

Giusy, Giovanni, la Vespa rossa, la luna, gli amici…
(clicca per ingrandire)

 

 

———-

 

le foto sono state scattate (quasi tutte…) da Susanna, con il suo smartphone…
sempre più brava…

(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *