Io e il Pianacci: fine corsa…

Io e il Pianacci: fine corsa…

 

22 dicembre 2015

L’avevo preannunciato mesi fa sia al Consiglio Direttivo che all’Assemblea dei soci.
A differenza di tre anni fa, stavolta non ci ripenso…

 

Link all’articolo

(Massimiliano Salvo, per “Repubblica Genova”)
CEP, L’ADDIO AMARO DI “MISTER PIANACCI”
Quando nel 1995 rilevò la farmacia del Cep, Pianacci era un’area comunale abbandonata sulle alture di Voltri. Senza illuminazione, con un campo da basket dove mancavano pure i canestri. Due anni dopo venne inaugurato il Circolo Arci Pianacci, con Carlo Besana presidente. Nei 18 anni della sua direzione l’associazione è diventata il punto di riferimento per il quartiere.
SEGUE A PAGINA VI (dalla prima di cronaca)
BESANA SE NE VA E’ UN ADDIO AMARO PER L’ANIMA DEL CEP
Il creatore del Pianacci lo lascia dopo 18 anni.
Istituzioni lontane, mi basta il ricordo di don Gallo
“Il Municipio non dimostra attenzione alla nostra storia”
“Feeling con Sansa e Doria, la Vincenzi una delusione”

IERI, con un po’ di amarezza, Besana ha rinunciato a qualsiasi carica; dal primo gennaio il presidente sarà Irene Tesini.
Carlo Besana, come mai questo passo indietro?
«Ho accompagnato Pianacci sino alla maggiore età e ora è giusto che vada avanti da solo. Per ora resterò nel consiglio direttivo, ma tra grandi soddisfazioni e cocenti delusioni la stanchezza ha superato l’entusiasmo. E noto con dispiacere il distacco del mondo istituzionale: per esempio del municipio, che non mostra l’attenzione dovuta a un pezzo di storia del quartiere».

Cosa è diventato Pianacci in questi 18 anni?
«Da un posto che nessuno conosceva e dove nessuno voleva andare si – è trasformato in un “luogo” per molti cittadini della zona, di tutte le età. Ed è stato capace di portare il nome del CEP all’Expo di Milano, grazie all’iniziativa Cuscus E Pesto».

Dal 1997 sono cambiati quattro sindaci. Che rapporto c’è stato?
«Con Adriano Sansa e Marco Doria un feeling personale. Giuseppe Pericu inizialmente mi incuteva un po’di soggezione, ma svanì presto. Per parlare della moschea a Genova ci fu un incontro “clandestino” tra lui e i rappresentanti del Centro Culturale Islamico proprio nel retro della mia farmacia. Marta Vincenzi è stata invece una grossa delusione. Forse avevo troppa fiducia nei suoi programmi elettorali che mettevano al centro le periferie».

Quali sono stati i momenti più esaltanti?
«Ci vorrebbe un’enciclopedia. Sicuramente la Via Crucis con la parrocchia del Cep e la comunità islamica, nel 2003. Nel 2008 il concerto dell’Orchestra Sinfonica del Carlo Felice. E l’annuncio di Beppe Grillo, durante uno spettacolo, della nascita delle liste a 5 Stelle».

Poi, nel 2009, è arrivato il Palacep, teatro di manifestazioni che hanno scritto la storia della città.
«Nel 2010 per i Subsonica sono arrivati da tutta Italia. Nel 2011 ci fu la festa di compleanno di Don Gallo, con Monì Ovadia e Marco Travaglio; a dicembre il concerto pro alluvionati con Adriano Celentano, Biagio Antonacci, Gino Paoli. Durante la diretta streaming arrivavano commenti da New York, Parigì, Londra. E i media nazionali parlarono del Palacep di Genova: è stato lo sdoganamento ufficiale del quartiere
».

Cosa ha segnato più di tutto la sua esperienza?
«Non ho dubbi: la collaborazione con Don Gallo. Basta questo a non farmi rimpiangere nemmeno un secondo speso negli ultimi 18 anni.»

 

Link all’articolo

(Riccardo Porcù, per “Il Secolo XIX”)
In 18 anni ha ottenuto grandi successi e avuto epici scontri con le istituzioni
L’AREA PIANACCI AMMAINA LA BANDIERA E SALUTA BESANA
Si dimette lo storico presidente dei consorzio
LE STAR
Ha portato al Cep Paoli,Grillo, Travaglio, Celentano e Antonacci

OGGI È L’ULTIMO giorno. L’assemblea dei soci, il saluto e le dimissioni da presidente dell’associazione “Consorzio Sportivo Area Pianacci” del Cep.
Dopo diciotto anni di attività e un impegno costante per la riqualificazione del quartiere Carlo Besana, storico titolare della farmacia tra i casermoni delle case popolari, “foresto” di nascita e “genovese del Cep” d’adozione, lascia la guida del Pianacci.
L’impegno per il quartiere, a partire dalla sua attività nella “piazza senza nome” di via 2 Dicembre.
II tentativo di invertire la tendenza, cercare di invogliare le persone a “salire” al Cep anziché scendere verso il centro che qui significa Voltri.
Un obiettivo raggiunto grazie ad eventi, musica e condivisione delle diverse anime che costellano il quartiere.

L’orchestra sinfonica del Carlo Felice nel 2003, Marco Travaglio e Beppe Grillo nel 2008, la guerriglia dell’ “Operazione Tartaruga” per non far chiudere le poste della zona nello stesso anno, il concerto di Antonacci, Paoli e Celentano nel 2011, tutto insieme allo stretto legame con Don Gallo, a base di un supporto costante.
Un rapporto con il territorio scandito anche dalle cene a base di “Cous-cous e pesto”, arrivate lo scorso maggio anche a Milano durante Expo, per unire culture all’apparenza differenti, senza pregiudizi.

Ma anche momenti di scontro con le istituzioni, il volume troppo alto per nuovi concerti e il contenzioso sulle riparazioni per danni da maltempo.

«Rinuncio ad essere presidente del Pianacci, ormai sono passati 18 anni, è diventato maggiorenne. E so che può camminare con le proprie gambe – assicura Besana, immediatamente pronto a sottolineare che non si tratta di un addio-. Continuerò a seguire le vicende del quartiere da “dentro”, ma come semplice socio. Sono stati anni di passione, esaltanti che sarei pronto a rifare subito. Ma adesso, alla soglia dei 62 anni, è giusto che ci sia una svolta generazionale».

Non solo Cep. L’avventura nel basket, il sogno solo accarezzato con l’NBA Basket Zena di raggiungere la serie A1 con la squadra femminile, finito ai play-off.
Intanto, proprio per oggi, ecco arrivare l’ultimo impegno, un regalo.
Un quadro elettrico che verrà donato oggi alla scuola elementare di via Martiri del Turchino per il progetto di sicurezza stradale con l’autoscuola Macciò.

La fine di un’epoca all’ombra dei muri non più grigi del Cep.

 

Walter Massa

il post di Walter Massa
Ieri sera si è tenuto il Consiglio Direttivo che ha nominato la nuova presidente del Circolo Arci Pianacci, Irene Tesini.
Ad Irene va tutto il nostro in bocca al lupo e tutto il sostegno dell’Arci.
Irene sostituisce Carlo Besana, su cui si potrebbero spendere un sacco di belle parole (e non è cosa di tutti i giorni…).
Una persona che ho conosciuto in Arci e che ha avuto la forza e il coraggio di trasformare un posto inavvicinabile, in un luogo aperto alla città.
Un pezzo importante della città. Sembrerà poca cosa detta così ma, con tutto il rispetto, nessuna Giunta, nessun Sindaco, nessun Presidente di Provincia o di Regione, nessun Assessore è riuscito a fare tanto.
Scrivo qui anche perché sono amareggiato del fatto che ieri sera non sono riuscito ad essere presente a quel Consiglio per abbracciare Carlo e ringraziarlo simbolicamente per tutto quello che ha fatto.
Contrariamente a quello che mi ero ripromesso ho ceduto al quotidiano e non ho avuto il coraggio di scegliere il posto giusto dove stare.
A Carlo va comunque il mio grazie e il mio riconoscimento e forse anche un po’ le mie scuse per ieri e per le troppe volte che l’ho lasciato solo.
In bocca al lupo amico! e Buon lavoro ad Irene!

Giorgio Scarfì

il post di Giorgio Scarfì
Conosco Carlo Besana relativamente da poco (un po’ più di due anni ) ma mi sembra che sia una vita.
Mi ha insegnato tante cose e mi ha coinvolto in tantissime cose belle ed interessanti che senza di lui mai avrei fatto o conosciuto.
Ha un solo, grande, immenso difetto: dice quello che pensa e spesso pensa anche molto bene.
E questo infastidisce un po’ i mediocri.
Questa città perde i pezzi, anche quelli che era riuscita a trovare con un po’ di fortuna.
Adesso è tardi, troppo tardi ma perché non sono persone come lui che ci amministrano?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield