Fabrizio Frizzi, uno “di casa”…

Fabrizio Frizzi, uno “di casa”…

Quando un personaggio ti “accompagna” (anche se attraverso lo schermo), quasi tutti i giorni, anche se per soli 15 minuti, in un frammento di divertimento, ecco che è come se ti “entrasse in casa”… e quando improvvisamente se ne va, un po’ ti lascia sgomento…

Sono moltissimi i personaggi pubblici la cui scomparsa genera sui social un vero e proprio “cordoglio seriale”, dai semplici “R.I.P” a forme più articolate di cordoglio.
Spesso si ha l’impressione (ma forse è solo una mia impressione) che il cordoglio sia più un vezzo da social, che cioè venga espresso a prescindere dal reale dispiacere e che sia un fenomeno che abbia più a che fare con la voglia di visibilità e di attenzione, comprensibile e naturale in ogni essere umano.
Un bisogno che Facebook ed i social in genere riescono fatalmente ad alimentare.

Intendiamoci: ho detto “spesso”.
Altrettanto spesso è palpabile l’espressione di personale dispiacere, il cui livello è ovviamente funzione di quanto siano presenti ed intensi i ricordi legati a quel personaggio.
 
E’ quel che mi capita oggi, con la scomparsa di Fabrizio Frizzi…
a me e Susanna capita spesso di “misurarci”, prima di cena, con sano e vivace agonismo, giocando con la “ghigliottina”, il gioco finale de “L’eredità”; un gioco  (la “ghigliottina”) in cui si mette a prova la propria abilità a trovare, tra cinque diverse parole, una sesta parola che le leghi in modo inequivocabile.
 
Un programma di successo popolare, che Frizzi aveva “ereditato” da Carlo Conti, e nei primi tempi ci era sembrato un passo indietro, come se Frizzi fosse un po’ condizionato dall’ombra del suo predecessore.

In breve però, da bravo e consumato professionista, si è rivelato a suo perfetto agio anche in questa nuova veste.

Quando un personaggio ti “accompagna” (anche se attraverso lo schermo), quasi tutti i giorni, anche se per soli 15 minuti, in un frammento di divertimento, ecco che è come se ti “entrasse in casa”…
e quando improvvisamente se ne va, un po’ ti lascia sgomento…
lo so, scopro l’acqua calda, è il “segreto” della popolarità che molti personaggi televisivi acquisiscono grazie a programmi di successo (di audience, di gradimento, di entrambi..).

Fabrizio Frizzi mi piaceva molto, sempre garbato, mai “sopra le righe”, mai con battute di dubbio gusto…

 
credo che a molti della mia generazione Frizzi ricordasse, proprio per queste qualità, il  simpaticissimo Corrado, che era riuscito ad attraversare diverse generazioni di “teleutenti”, sempre con la stessa capacità di essere “popolare” senza abdicare al garbo che dovrebbe essere una qualità irrinunciabile per chi fa tv, soprattutto la “tv per famiglie”… 
 
e Fabrizio Frizzi in questo resterà (credo), come Corrado, un punto di riferimento per le prossime generazioni di conduttori televisivi…

televisivamente, la sua vera “eredità”…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield