la spassosissima reunion dei…”Dinosauri”…

la spassosissima reunion dei…”Dinosauri”…

 

 

una gran bella serata, in cui più volte è parso di sentire un piacevole suono in sottofondo…
quello del rimbalzo di una palla a spicchi color arancione…

 

(clicca per ingrandire)


Con alcuni di loro ho condiviso alcuni dei momenti più belli della mia storia sportiva, oltre 40 anni fa…

altri hanno poi raccolto il testimone ed hanno continuato, con immutata passione, finché è stato possibile…

altri non ci sono più, ma stasera erano comunque tutti con noi, tra aneddoti ed improvvise aperture delle pagine più nascoste dal libro dei ricordi…

In estrema sintesi…

una gran bella serata, in cui più volte è parso di sentire un piacevole suono in sottofondo….

quello del rimbalzo di una palla a spicchi color arancione…

 

 

Cadorago (Como), inizio anni ’70, Campionato di basket Prima Divisione.

Giochiamo su un campo all’aperto, e piove…
ci aspettiamo il rinvio della partita ma l’arbitro Jones (di origini gallesi) sorprendentemente, pur trattandosi di basket, applica una norma tipicamente calcistica: Finché la palla rimbalza si gioca, sentenzia, e si scende regolarmente in campo.

All’intervallo, dall’oratorio che ospita il campo da basket una collaboratrice del parroco (su invito di Giuseppe Cairoli, dirigente del basket Cadorago e mio compagno di classe alle superiori) ci fa pervenire un’adeguata quantità di tè caldo, apprezzatissimo…

La partita si gioca punto a punto, noi ne realizziamo solo 36 ma sono sufficienti per vincere l’incontro, uno dei pochi successi di quel periodo…

a bordo campo, per tutta la durata dell’incontro, siamo stati spronati dall’incessante coro dei nostri tifosi
due tifosi…

erano Walter Campostori e Massimo Pontremoli, amici che come noi frequentavano l’Oratorio-Circolo ACLI di Lambrugo, e seguivano spesso le nostre partite…

con l’immancabile eskimo ed un ombrellone per proteggersi dalla pioggia, ci incitarono urlando:
”Oro Oro Oro – Orologeria – O – O – O – Ottica Consonni”

era la lunga scritta (sponsorizzazione) presente sulle nostre maglie: un cerchio con la parte alta, in semicerchio, con la scritta “Orologeria”, la parte bassa, in semicerchio, con la scritta “Ottica”, ed in orizzontale, al centro, il nome “Consonni”, nostro presidente e sponsor…

ed il coro (che ovviamente era un mix di ironia ed incitamento) è risuonato alcune volte, sabato 5 ottobre, nel corso della divertentissima cena che alcuni ex giocatori del Basket Lambrugo hanno organizzato, presso il “Circolo Religione e Patria” di Santa Maria d’Inverigo (a proposito: ottima cucina con l’aggiunta, al termine, di una squisita torta realizzata da Dario Bertarini).

La reunion è stata organizzata coinvolgendo, per quanto possibile, quelli che sono stati simpaticamente definiti “I Dinosauri”

da quelli ormai nella decade 60-70 anni (io, Giulio Riva, Carlo Conti, Carlo Rossini, Pippo Mandonico, Massimo Saccon, Elio Pozzoli, Agostino Brambilla, Angelo Sala, Angelo Ratti) ai “giovani”, ormai in fascia “mezzo secolo”, che hanno raccolto il nostro testimone (Roberto e Stefano Bertola, Pietro e Dario Bertarini, Pierangelo Daga, Danilo Porro, Luca Sottocorno, Giovanni Caccia, Domenico Di Bussolo, Fausto Brambilla). 

Tutto nacque all’oratorio di Lurago d’Erba; sindaco era Luigi Panzeri, titolare dell’omonima azienda di abbigliamento sportivo, che ci fece omaggio delle magliette (gialle) con la scritta “GIG – Giovani In Gamba” che era il nome della società sportiva dell’oratorio.
Disputammo il campionato CSI, con non poche difficoltà.

Ci allenavamo “sfruttando” l’illuminazione riflessa dal campo da calcio, confinante con il campo da basket, in occasione degli allenamenti della squadra di calcio.
Non era il massimo della vita ma era il massimo cui potevamo ambire.
La svolta l’anno successivo: Bruno Brenna, nostro compagno, abitava a Lambrugo.
Mi riferì che l’orefice (Consonni) del paese aveva un negozio anche a Costamasnaga, gestito dal figlio Roberto che spesso sponsorizzava eventi di ciclismo.

Mi armai di coraggio, presi il motorino, raggiunsi Costamasnaga, e mi presentai all’Orologeria Ottica Consonni, chiedendo del titolare.
Uscii pochi minuti più tardi, con l’accordo per un contributo di 30.000 lire per far stampare le maglie con le quali avremmo disputato il campionato di Prima Divisione FIP.

Fu l’inizio di una lunga storia che vide per diversi anni Roberto Consonni impegnato a sostenere il peso economico della società che da Lurago migrò poi a Lambrugo.

Nella seconda metà degli anni ’70, grazie all’impegno di Graziella, moglie di Roberto, venne promosso il settore femminile (con sede a Costamasnaga) e le due attività (maschile e femminile) proseguirono in parallelo, con una sinergia stretta tra Lambrugo e Costamasnaga (Polisportiva Costamasnaga).

Dopo alcuni anni l’impegno dei coniugi Consonni (ed il mio) si concentrò sul settore femminile, fino agli anni ’90, con la scalata fino alla Serie A1; da lì, e fino ad oggi, la storia del Basket Costa per l’Unicef (ex Polisportiva Costamasnaga) è rimasta viva grazie all’impegno della famiglia Ranieri, con la passione di papà Nino (scomparso, come Graziella, alcuni anni fa) e di suo figlio Bicio, ancora oggi al timone di una società che sta mietendo titoli nazionali giovanili e proprio da questa stagione di nuovo sul prestigioso palcoscenico della Serie A1.

A Lambrugo la storia cestistica ha avuto un andamento diverso, ed è vissuta finché è stato possibile contare sull’impegno e passione dei “giovani” che avevano preso il nostro posto, alcuni dei quali, dismessi i panni da “giocatore”, si erano messi in gioco sia per l’organizzazione che per i ruoli tecnici.

(in questa foto Domenico Di Bussolo, prima giocatore poi coach del Basket Lambrugo.
Accanto a lui di spalle Pippo Mandonico e di fronte Gaetano Maggioni)

(clicca per ingrandire)

Come spesso accade, ad un certo punto venne a mancare il ricambio, ed il Basket Lambrugo chiuse la sua parabola verso la metà degli anni ’80.

La reunion di sabato sera ha messo insieme, per quanto possibile, questi pezzi di storia cestistica, ed è servita a qualcuno dei “giovani” per conoscere la parte iniziale di una storia che li ha visti protagonisti e soprattutto renderli consapevoli che, senza quel pezzettino di storia che li ha visti protagonisti, forse oggi non ci sarebbero altre storie cestistiche importanti.

Inevitabili gli “amarcord” che però non sono sconfinati nella stucchevole nostalgia…anzi…

sono stati l’occasione per ripercorrere aneddoti spassosi, in cui il vulcanico Carlo Conti ha potuto, da vero “mattatore”, far rivivere episodi esilaranti in cui, spesso, vera protagonista era la sua proverbiale tendenza a portare le partite sul piano della “rissa”…

come spesso accade, quando si apre un cassetto della memoria ecco che molti altri cassettini magicamente si aprono, e fioccano ricordi fermi lì da decenni…

AH LA MEMORIA…

Con molti dei presenti alla reunion ho condiviso gioie e dolori del basket giocato, sul campo; altri (“i giovani”), li ho visti giocare quando erano ancora ragazzini; altri ancora li ho persi di vista (o addirittura non li avevo conosciuti prima) perché nel frattempo il mio impegno si era rivolto al settore femminile e poi, nel 1980 (per tre anni) mi sono trasferito a Como.
Con l’ulteriore trasferimento a Genova (1993) è mancata da allora, con molti di loro, quasi tutti, la possibilità di un incontro anche occasionale, e rivederli mi ha consentito di riaprire non pochi “cassettini” della mia memoria.

Ecco, la memoria…
della parte che ho vissuto cestisticamente (a Lurago, a Lambrugo, a Costamasnaga) ho sempre avuto la presunzione di pensare di ricordarmi tutto, o quasi…

una granitica certezza che è stata duramente minata sabato sera da Roberto Bertola.

Negli anni iniziali di questa avventura cestistica, nel periodo in cui io giocavo in prima squadra e Roberto era un ragazzino promettente, oltre a studiare davo una mano a mio papà al distributore di benzina di famiglia, a Lurago.
Roberto, dando per scontata la mia buona memoria, l’altra sera ha fatto cenno alle volte (molte) in cui veniva la mattina, col suo motorino, al distributore, e puntualmente passavamo parecchio tempo a chiacchierare.
Ha anche aggiunto che al termine di questi incontri gli comunicavo, scherzosamente, quanti punti di “merito cestistico” avesse acquisito quella mattina…

beh, l’ho guardato con l’espressione “a punto interrogativo”…
…non ho proprio nessuna memoria di questi incontri…

ricordo perfettamente Roberto, un bel ragazzino, di quelli che fanno presa sulle ragazzine…
ricordo confortato dalle foto di quei tempi…

però su quelle chiacchierate al distributore nulla, proprio il vuoto…

è stato molto comprensivo, ha minimizzato…
ma credo proprio che dentro di sé abbia fatto qualche riflessione sul rincoglionimento cui vanno incontro gli anziani, anche quelli che sono convinti di avere un’ottima memoria…

IL “GRIDO DI BATTAGLIA” DI PIPPI

ben vivo, invece, il ricordo di un aneddoto spassoso, legato al ricordo di Pippi D’Amico, nostro coach scomparso pochi anni fa…

la famiglia D’Amico è sinonimo di basket…
ho visto giocare Augusto, negli anni ’70, nella mitica Ignis Varese; ho avuto suo fratello Memmo (anche lui ex giocatore) come insegnante di educazione fisica alle superiori ed allenatore della formazione di basket ai campionati studenteschi; ho avuto Clara, figlia di Memmo, mia (super) giocatrice nella società che ho fondato in Liguria nel 2007…

Pippi (anche lui ex giocatore), fratello di Memmo ed Augusto, è stato nostro allenatore nel periodo in cui, con il marchio “Consonni”, disputavamo la Prima Divisione.
Era dotato di grande personalità, con noi aveva un effetto quasi magnetico…

In occasione dell’esordio in campionato, proprio mentre stavamo mettendoci d’accordo sul testo del nostro “grido di battaglia” (lo si urla prima della palla a due), ci prese in disparte e più o meno ci disse:
“Ragazzi, le partite si vincono non solo tecnicamente ma anche psicologicamente. Dovete far sentire agli avversari la vostra superiorità. Quindi ora, facendovi ben sentire da tutti, e guardandoli, griderete ‘il nostro è più lungo del vostro! Misuriamoli!!!’…

Il suo sguardo non ammetteva repliche, e nel silenzio generale facemmo sentire, ben forte, il nostro “grido di battaglia”…

Quella partita finì con una sconfitta…

ma senza dubbio riuscimmo a sconfiggere il comprensibile imbarazzo e, soprattutto, la “paura” che gli avversari volessero raccogliere la sfida…

sabato sera, nel corso della cena, abbiamo voluto di nuovo far risuonare quel grido…

il nostro “omaggio” ad un periodo spensierato e ad una persona che ricordiamo con simpatia ed affetto e che, come altri (Mario Molteni, Cesare Frigerio, Enrico Mauri, Graziano Vincenzi, Massimo Pontremoli, Nino Ranieri, Graziella Consonni) non avrebbe comunque potuto ricevere l’invito alla reunion…

mi piace pensare che anche loro, durante il nostro happening, fossero lì, discretamente, da qualche parte…

dandosi di gomito ad ogni aneddoto divertente e prendendo parte con entusiasmo ai nostri cori…

senza dover  fare i conti, come noi, con un pizzico di residuo, comprensibile imbarazzo…


COME ERAVAMO…E COME SIAMO…

(clicca per ingrandire)

GALLERIA FOTOGRAFICA
(foto scattate con gli smartphone di Susanna, Stefano, ed altri)

1973, il campo è quello di Lambrugo, sulle maglie c’è già il logo “Consonni”,
che andò a sostituire la prima maglia con la scritta “Orologeria Ottica Consonni”

(clicca per ingrandire)

questa la formazione dei “giovani” del Basket Lambrugo
presumibilmente metà anni ’70

(clicca per ingrandire)

 

 

i “dinosauri”
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *