Dico la mia su Carlo Besana

Dico la mia su Carlo Besana

 

31 marzo 2010

Nel corso della campagna elettorale per le elezioni regionali (Liguria) 2010, ho avuto il privilegio di poter contare sul sostegno di molti Amici, che sono stati invitati a “dire la loro”….

 

DON ANDREA GALLO

 

ROBERTA PINOTTI

 

 

Luca Borzani

LUCA BORZANI

Laureato in filosofia presso l’Università di Genova, è stato ricercatore presso l’Archivio Storico Ansaldo, direttore del Centro Ligure di Storia Sociale e redattore della rivista di studi storici “Ventesimo secolo”. E’ stato per più anni docente a contratto presso la Facoltà di Lettere di Genova.E’autore di saggi e volumi diversi sulla storia sociale del Novecento e la cultura d’impresa pubblicati  tra l’altro da Franco Angeli, Einaudi, Pirella, Sagep.
E’ coautore con Valerio Castronovo di “Ansaldo 1853 – 1993” e con Geo Pistarino e Franco Ragazzi di “Storia di Genova”, VI volum, Sellino Editore.
Dal 1997 al 2007 è stato assessore prima alla scuola e al decentramento e poi alla cultura del Comune di Genova.
Attualmente è Presidente della Fondazione Palazzo Ducale di Genova e membro del cda del Festival della Scienza e del Teatro Stabile.

Faccio fatica a ricordare quando ho incontrato Carlo la prima volta.
Certamente sono passati almeno  quindici anni. Un tempo ormai davvero lungo e  fatto di progetti condivisi, realizzazioni, discussioni e tanta amicizia.

Quell’amicizia che non si alimenta del contatto quotidiano ma che si fonda sulla consapevolezza di avere lo stesso sguardo sul mondo, la certezza di poter comunque ritrovarsi semplicemente raccontando un’idea o facendo una proposta di lavoro comune, nella curiosità e voglia di sperimentare percorsi sociali e culturali spesso del tutto nuovi.
Senza mai sentirsi avanguardie di niente e nessuno. Anche le divergenze, poche, sono state assorbite in questo percorso.

E non so se Carlo abbia mai imparato da me ma io ho imparato molto da lui.
In particolare la convinzione, che credo gli derivi dalla sua radice religiosa, del far emergere gli aspetti positivi  anche nei contesti più difficili, di partire da ciò che le persone possono dare, perché solo se ci si sente  protagonisti è possibile acquisire reali spazi di cittadinanza e di partecipazione.
Dove la dignità conta più dell’ ideologia.

Come diceva un celeste presidente che non ho mai molto amato ma che aveva il dono della sintesi: “contare sulle proprie forze”.
E Carlo ha sempre contato sulle sue forze e sulla sua indipendenza: sia economica che culturale.

La nuova avventura politica in cui si è messo è sicuramente una svolta.
Ma  so che è nella natura di Carlo misurarsi sempre con qualcosa di nuovo.

Senza perdere la sua storia e le persone che ne hanno fatto parte.

 

Luca Corsolini

LUCA CORSOLINI

Giornalista sportivo, con una vera passione per la comunicazione, nello sport ha trovato moglie, amici, una vita di relazioni solide e stimolanti perché mai appese alla precarietà di un numero. Invece dei risultati cerca la passione, per questo il 2010 per lui è come gli anni pari un’occasione speciale: può raccontare i Giochi Olimpici. E quest’anno ha fatto persino di più: ha scelto di restare a lavorare a Milano per SKY Sport, in Canada ci andrà invece per le Paralimpiadi, convinto lui di quel che dice il presidente del Comitato Paralimpico Pancalli: la società paralimpica è una società migliore, è la società dell’eguaglianza e della inclusione

 Carlo Besana è il mio testimone di nozze ma questo, mi rendo conto, e’un dettaglio privato.
Semmai, può essere pubblico il motivo per cui l’ho scelto per quel ruolo addirittura 10 anni prima di sposarmi, quando ancora non ero neppure fidanzato.

Ebbene, lavoravo in un giornale, dove notoriamente non si ricevono mai telefonate di ringraziamento.
E Carlo mi spiazzò ringraziandomi. Mi spiazzò ma fu un piacere parlare con lui, scambiare pensieri.

Carlo e’sempre stato, è, e continuerà ad essere così: spiazzante, diretto, positivo, propositivo.

Abitassi in Liguria, non esiterei a votarlo: non è nemmeno una ammissione di condivisione di ideali politici, che pure sono forti,  al contrario è la confessione di un voto per le persone che devono tornare ad essere al centro della scena politica.

E Carlo è una bella persona che si occupa di persone, ovvero uno che si sforza di conoscere tutti gli interlocutori senza catalogarli secondo luoghi comuni che proprio perché banali sono banalizzanti.

Carlo è uno che capita al Cep e invece di dire che si tratta del Centro di Edilizia Popolare sapendo che le etichette negative lasciano un alone appunto di negatività, comincia a raccontare che il quartiere giocherà la Ceppions League, ribalta la situazione: come tutti i bravi giocatori, si inventa partite anche dove non ci sono, e applica alla sua squadra il metodo Garinei e Giovannini, aggiunge un posto a tavola, lascia sempre aperte le porte di casa sua ai nuovi arrivati, non conosce star che non sia il gruppo.

Carlo è uno che si occupa di sport, ma non si fida dei risultati, non si affida a quella coperta di Linus che sono i numeri. Al contrario lui dello sport conosce e riconosce qualcosa d’altro e qualcosa d’alto: il rispetto delle regole, ovvero il rispetto di sé e degli altri, i sacrifici e la passione, il bello dello stare insieme.
E così con lui lo sport diventa quello che è sempre stato senza mai accorgersene: il miglior social network possibile, un soggetto sociale appunto.

Carlo è uno con la passione per la musica, che si esibisce in musica per passione. Cioè è uno che sa parlare tante lingue senza imporre la sua, al contrario ascoltando l’altro e gli altri, fino a conoscerne e riconoscerne le ragioni.

Non è un caso che riesca ad affrontare i temi anche più seri con una canzone, un ritornello che ti diverte e ti fa pensare al tempo stesso. Sempre senza prendersi troppo sul serio, ecco il trucco, senza tirarsela mai direbbero i ragazzi, con tanti dubbi che, come insegnavano i filosofi studiati a scuola e poi dimenticati, sono il fondamento delle certezze.

Carlo Besana è uno e pure centomila per nostra fortuna; di sicuro non è un nessuno.

Carlo Besana è uno di noi, è un’idea di noi, ovvero dello stare insieme.

Carlo Besana è un voto ben speso per tornare a occuparci di politica lasciando che a rappresentarci siano le persone migliori, sicuri di avere un rappresentante vicino e mai lontano. 

 

Hamza Piccardo

HAMZA PICCARDO
58 anni, imperiese, nel 1975 abbraccia la fede islamica.
Scrittore, editore, è tra i fondatori dell’UCOII.
Al termine del 1994, dopo cinque anni di lavoro pubblica la prima edizione del “Saggio di Traduzione Interpretativa del Santo Corano inimitabile”. La tiratura è di 3200 esemplari che viene esaurita in pochi mesi. Si tratta della prima traduzione integrale e commentata (vi sono oltre 2500 note e un ricco apparato di appendici, indici tematici e dei nomi) pensata e realizzata dai musulmani in Italia per gli italiani e gli italofoni

Carlo Besana è una di quelle persone che hanno saputo mantenere nel tempo una certa fanciullezza ad onta dei suoi capelli bianchi.
Questa credo che sia la straordinaria dote che più lo caratterizza e me lo rende caro.

Carlo è uno che CREDE, crede nei valori della solidarietà, dell’impegno civile e che si SPENDE senza risparmiarsi mai per quei valori e quegli impegni.

Della sua vicenda al CEP potrete certamente leggere sulla sua biografia e non posso far altro che confermare la passione, la capacità e la perseveranza che lo hanno contraddistinto, non è un panegirico il mio, i risultati sono sotto gli occhi di tutti quelli che hanno cuore per vedere e mente per capire.
Carlo non è un cantante ma canta e fa musica, non è un attore sociale istituzionale ma il suo lavoro ha gettato le basi, e non solo quelle, per la costruzione di una comunità più coesa, responsabile e tollerante, non è un politico ma fa Politica, quella con la P maiuscola.

Se Carlo sarà eletto al Consiglio regionale sono certo che troveremo sempre la sua porta aperta, il suo sorriso accogliente e la sua intelligenza, per tutti noi.

 

Enrico Testino

ENRICO TESTINO
lavora prevalentemente nel terzo settore come ufficio stampa e promotore di progetti sociali e culturali.

Perché aiuto Carlo.
E’ un amico.

Con il quale condividiamo dei percorsi al Cep di cittadinanza attiva e allegro attivismo che mettono in pratica visioni della vita comuni.
Un amico si può aiutare nei suoi percorsi, che coincidano perfettamente con i tuoi o no.
Non dico sostengo perché sostenere può essere a volte un ebbro entusiasmo, aiutare invece è più utile e… si può fare litaniando sommessamente imprecazioni sulla cornice generale politica mentre attui l’utile necessario che ti costringi a fare.

Ma al di là della motivazione principale, umana, sottolineo quello che vedo in Carlo che potrebbe essere utile ed efficace in una prospettiva di attivare sempre di più la partecipazione dei cittadini nella vita istituzionale, partecipazione che credo sia uno dei punti ineliminabili per la gestione del futuro.
Carlo è in-dipendente, e i suoi valori, come dicevo, contemplano quelli della partecipazione. Potrebbe essere una imperdibile e preziosa “sponda” nelle Istituzioni per lavorare in modo partecipato e costante, PER 5 ANNI, con i cittadini, sui temi da portare in Regione e alla “pubblica attenzione”.

Anche senza percorsi istituzionali che permettano in modo automatico la partecipazione dei cittadini si può fare molto.
Carlo interpreterebbe una elezione in Consiglio Regionale non come una delega in bianco ma come una occasione per lavorare con le comunità territoriali cittadine e regionali e rendere vivo, trasparente ed efficace il rapporto cittadini/istituzioni.

Si potrebbero, ad esempio, attuare percorsi di consultazione pubblica su particolari temi, coinvolgere i gruppi di cittadini “esperti” su diversi temi (ambientale, sportivo, associativo, sociale, urbanistico, architettonico, energetico, ecc…) per migliorare o individuare progetti e azioni, creare tavoli territoriali strutturati che coinvolgano i cittadini nella progettazione e gestione di spazi, attività, progettazione e chissà quant’altro.

Non so se il percorso che Carlo ha scelto sia il migliore ma, sommati tutti gli elementi, sono sicuro che è un buon percorso. Per costruire il futuro serve tutto… lavorare con e dentro i grandi e tradizionali partiti per migliorarne l’interpretazione di sé stessi, lavorare nelle comunità e nei quartieri insieme ai concittadini, promuovere temi e valori con l’associazionismo e la cooperazione sociale, realizzare azioni sociali e culturali, lavorare per costruire nuovi schieramenti politici alternativi a quelli esistenti e, al limite,  fare la scelta, forse migliore, di non rompere i cosiddetti a nessuno e vivere bene con sé stessi e i propri amici.

Ognuno sceglie lo spazio che più gli si addice in un particolare momento e Carlo ha scelto questa candidatura e questo spazio politico. Lo spazio che occupa la coalizione burlandesca è quello spazio di riformismo che trovo interessante da riattivare e corroborare.
Nota finale:
La competizione elettorale mette in palio la gestione della Cosa Pubblica. Si vince con le preferenze.

 

Walter Massa

WALTER MASSA
38 anni, da molti  anni impegnato  nel  mondo  dell’associazionismo, è membro della Presidenza nazionale Arci e Presidente di Arci Liguria.

Conosco bene Carlo.
Lo conosco grazie all’Arci, questa nostra splendida casa comune.
E’  un  uomo  di  pieno  di passione  e  di  coraggio  (virtù  oggi,  purtroppo, non comuni)  ma soprattutto uno che fino ad oggi non si è mai risparmiato nel dare un senso concreto alle parole giustizia, partecipazione e solidarietà.
Ed è anche per questo che, insieme, abbiamo percorso molta strada e, sono sicuro, altrettanta ne percorreremo.

 

 

 

 

 

Paola Spagnolli

PAOLA SPAGNOLLI
Agronomo e Paesaggista bolzanina, nasce in una famiglia con profonde tradizioni giardinieristiche. Laureata all’Alma Mater Studiorum di Bologna, dal 1986 opera come progettista e consulente in giardinaggio, paesaggismo e materie ambientali. Viene a Genova nel 1996 per occuparsi di verde e vivibilità dell’ambiente urbano, sviluppa nel suo campo una profonda conoscenza di procedure amministrative e istituzionali. Membro dell’Associazione Italiana per l’Architettura del Paesaggio e dell’International Federation of Landscape Architects

Fino a non molto tempo fa la politica era fatta di discussioni:  se si doveva decidere qualcosa, ad esempio individuare un candidato tra tanti, ci si sedeva attorno a un tavolo e si discuteva, si discuteva, si discuteva finché si arrivava a una soluzione: bella o brutta che fosse, era una soluzione ponderata. Era “fare politica”.
Oggi invece si fa scempio delle capacità personali, non conta cosa sai fare ma quanto consenso puoi avere. Così funzionano, ad esempio, le primarie, così a volte si candidano a sindaco o ad altre cariche persone incapaci di fare politica, a volte incapaci e basta.

Carlo Besana è in una lista, lo si può votare, è entrato nel grande gioco delle prossime elezioni amministrative. E’ addirittura capolista.

Gli hanno proposto di far parte della lista proprio perché ha consenso, tanto consenso, può portare un sacco di voti al partito con cui si candida.

Anche qui è una questione di numeri?
Non direi: Carlo Besana si candida per la gente, perché il consenso che ha, lui se l’è ritrovato grazie ad anni di impegno, di lavoro, di sconfitte e vittorie: non l’ha costruito apposta come fanno i politici, per essere votato e andare a governare.

Carlo Besana ha consenso perché è da anni che parla con le persone, ci mette idee e impegno, soprattutto fa le cose, aiuta la gente. 
Carlo Besana è diverso, si può dire che ha sempre “fatto politica” al CEP, nel suo quartiere, alla Pianacci, per la gente che ha attorno. Non è uno in cerca di potere, ha solo deciso che ha del tempo per dedicarsi a un’area più ampia, a molta più gente, a capire i loro bisogni e desideri, a trovare il modo per fare qualcosa per loro.

Carlo Besana non è un politico, fa politica.
Aristotele diceva che fare politica   è   “amministrare facendo il bene di tutti”. Non governare, ma amministrare. Ecco, se gliene diamo la possibilità, Carlo Besana farà politica in Regione come ha sempre fatto al CEP, per il bene di tutti, incurante dei numeri, della propria immagine e dei pasticci dei partiti.

E’ vero, tutto questo non sempre importa ai politici che conosciamo, che sanno leggere solo numeri e non si confrontano né con il pensiero degli altri, né con il proprio.
Chissà se lo lasceranno lavorare.

Noi intanto lo votiamo.

 

Alberto Bennati

ALBERTO BENNATI
Presidente del Comitato Regionale Liguria della Federazione Italiana Pallacanestro e membro della Giunta Regionale del Coni Liguria

Ho conosciuto Carlo in occasione della nascita della Società sportiva di cui è Presidente nel momento dell’iscrizione al Campionato di Serie B Eccellenza Femminile con la denominazione New Basket Albissole.
Ho percepito fin da subito il suo entusiasmo e la sua passione nell’affrontare le sfide che la vita propone.
Costruire dal nulla una realtà sportiva importante nel panorama nazionale rappresenta una sfida difficile ed impegnativa che si può considerare vinta.
In occasione del trasferimento della squadra da Celle Ligure a Genova ha dimostrato di sapere superare con determinazione innumerevoli ostacoli unendo la serietà ligure al saper fare di matrice lombarda.
Credo che il suo avvento in politica porterà una ventata di novità e di pragmaticità nell’affrontare i numerosi problemi di carattere economico e sociale che affliggono la nostra Regione.

 

 

Jolanda Zambon

JOLANDA ZAMBON
imprenditrice, titolare di Metaform Lucchese Spa, fa parte della Giunta di Assindustria Lucca con delega alla Piccola Industria ed alla cultura d’impresa; è stata Presidente, con brillanti successi,  della società di basket femminile Le Mura Lucca .

Ho conosciuto Carlo Besana attraverso il mondo del basket.
Abbiamo condiviso la passione per uno sport, la pallacanestro femminile, che mi ha aiutato a comprendere come l’operato del singolo, se inserito in un contesto di gruppo, risulti assai più agevole e proficuo.

Così, apprezzo molto il suo impegno in politica, certa che proprio dal basket saprà fare tesoro di alcune indicazioni: il gioco di squadra, la collaborazione, l’approfondimento della conoscenza reciproca, il rispetto dei ruoli e delle competenze, l’alternanza equilibrata dei diritti e dei doveri, la consapevolezza che siamo egualmente importanti pur nella diversità complementare dei ruoli, il rispetto per quelli che possono essere avversari ma mai nemici, il muoversi fra regole certe, l’avere obiettivi precisi e vicini nel tempo.

Quindi fare gruppo, lavorare insieme, rispettare tutto e tutti conoscere la differenza fra rapidità d’esecuzione e fretta, provare a vincere con stile e saper perdere con dignità. La vita, la politica, lo sport: propongono sempre un campionato dopo l’altro.

Carlo Besana in questa sua nuova esperienza politica si porta dietro la passione e la competenza maturate in diversi campi e la rinnovata fiducia nella gente. Gli auguro di raggiungere il suo scopo e se avrà incarichi gestionali ricordo quelle che un vecchio saggio descrisse come le cinque virtù necessarie a governare: rispetto, disinteresse, sincerità, impegno e generosità.

Ma Carlo di sicuro, queste regole già le conosce dalla vita ed è pronto ad applicarle sul campo.

 

Sergio Gibellini

SERGIO GIBELLINI
videomaker

Se qualcuno vi telefonasse in un momento, in cui siete molto occupati e vi proponesse di collaborare ad un progetto un po’ insolito e bizzarro, cosa fareste?
Pensereste di rispondere che purtroppo non avete tempo?

Vi assicuro che se a telefonarvi fosse Carlo Besana, subito vi convincereste che si possono mandare al diavolo tutti gli impegni e vi mettereste al suo fianco immediatamente.
Carlo è una persona di tali qualità, che non è possibile non dargli la massima fiducia!

Ha mille attività non per interesse personale ma per gli altri, preferisce fare piuttosto che parlare, si muove con lievità e modestia, conserva una fantasia ed un’allegria giovanile, ha sempre il sorriso e l’ottimismo perfino quando alla sua squadra di basket capita di buttar via una vittoria assicurata, vede la metà piena della bottiglia, pur sapendo bene dove sono le ingiustizie e da che parte stare.

Carlo è un generoso, uno sportivo puro, ha un carattere stupendo, modi garbati e signorili, mette le persone a proprio agio, non è mai intollerante, sa creare amicizie e relazioni con naturalezza, promuove il volontariato attivo, riesce a realizzare progetti, che sembravano sogni.
Potrebbe definirsi un pastore laico, è riuscito ad organizzare il tempo libero dei giovani delle periferie e costruisce relazioni tra “genti diverse”, tanto che don Gallo lo ha immediatamente stimato per la sua attività sociale.

Seguendolo qualche volta, ho notato quante persone conosca e come queste siano entusiaste di dargli una mano.
Ha un grande senso dell’umorismo, conosce moltissime canzoni ed è capace di improvvisare rime musicali su qualsiasi argomento.

E’ anche un Dottore in Farmacia, professione che ha svolto per anni, e conosce i problemi della sanità e come si potrebbe migliorarne diversi aspetti organizzativi.
La capacità organizzativa e di rapportarsi in modo positivo con la gente gli derivano, oltre che dalle doti naturali, dalla sua attività gestione della Farmacia e dalla guida di squadre di pallacanestro. 
Per tutto questo, se incontraste Carlo, è molto probabile che diventiate suoi amici e di conseguenza vi ritroviate a costruire insieme a lui qualcosa di concreto in campo sociale con allegria ed ottimismo.

 

 

Beppe Castello

BEPPE CASTELLO
Farmacista, Presidente Federfarma Genova

Il Dr. e collega Carlo Besana, già proprietario della farmacia del quartiere del Cep di Pra, ha da sempre posto la sua professionalità a servizio della collettività facendo dell’impegno sociale il tratto distintivo anche della sua attività di farmacista, essendo profondamente convinto che le attività svolte dalle associazioni di categoria sul territorio, in quanto interlocutori privilegiati con le istituzioni locali, possano contribuire a risolvere molte problematiche anche in quartieri “difficili”.

Ritengo quindi doveroso, al di sopra di un qualsivoglia indirizzo politico, incoraggiare ed esprimere un sincero augurio al collega Dr. Carlo Besana per il suo nuovo impegno, nello svolgimento del quale sempre di più potrà esprimere la proprie doti di sensibilità e passione a favore di importanti battaglie civili e sociali che già da  anni lo vedono protagonista.

 

 

Alberto Robustelli

ALBERTO ROBUSTELLI
medico, è una figura “storica” al Cep.
Quando nacque il quartiere, decise che lì, in mezzo a tante difficoltà, avrebbe trovato il posto giusto per svolgere la sua missione (e la sua professione) di medico di base.
In lui ho sempre trovato un punto d’appoggio importante ; uomo di poche parole ma di grande cuore e disponibilità.
Anche Alberto ha voluto “dire la sua” e lo ha fatto, ovviamente, secondo il suo stile: con poche, ma graditissime, parole.

Il Dottor Besana è un amico leale, sempre disponibile, altruista, uno che quando prende un impegno lo porta a termine.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield