Corriere della Sera, 1 dicembre 2020

 

 

Corriere della Sera, 1 dicembre 2020
– l’articolo di Roberto De Ponti –
(clicca per ingrandire)

 

CORRIERE DELLA SERA
1 dicembre 2020

 IL PERSONAGGIO

Matilde Villa, fenomeno del basket a 15 anni: in A1 segna 36 punti in 34 minuti

Nata a Lissone (Mb) nel 2004, gioca nel Costa Masnaga (con la gemella). L’impresa domenica contro la Dinamo Sassari: «II pallone entrava facilmente». La famiglia, gli obiettivi, i miti.

di Roberto De Ponti

 

Un canestro, un secondo, e poi un terzo. Una palla rubata a metà campo, conclusa con un altro centro.
E poi altri tiri, e altri canestri, da due e da tre punti, arresti e sospensioni, cambi di mano e di velocità. Incontenibile.

E quando al termine della partita, vinta 76-57 dal Limonta Costa Masnaga sulla Dinamo Sassari, è stata abbracciata dalle compagne, prendendosi i complimenti (tanti) e le battutine (altrettante), Matilde Villa ha cominciato a rendersi conto di quello che aveva fatto.

Per chi fa del basket una questione di numeri: 36 punti in 34’29” con 11/17 da due punti, 3/4 da tre, 5/5 ai liberi, e poi 8 rimbalzi, 4 assist e 44 di valutazione totale.

Una prestazione del genere, in serie A1 femminile, sarebbe comunque da incorniciare e da raccontare, un giorno, ad amici e amiche; ma se la fai a quindici anni, undici mesi e diciannove giorni, allora sei una predestinata.

 

Non ci ho fatto caso”

«All’inizio non ci ho fatto troppo caso, poi man mano che la partita andava avanti mi accorgevo che il pallone entrava più facilmente che in altre occasioni».

Le piccole grandi imprese arrivano così, senza che tu te ne renda conto.

Soprattutto se devi ancora compiere sedici anni e vivi tutto come se fosse un gioco.

Come dovrebbe essere sempre.

«Mati è così, riesce a far sembrare tutto semplice e attraversa la partita con la leggerezza di una ragazzina, quale in realtà è»: il suo allenatore Paolo Seletti, che di giovani giocatrici ne ha lanciate in abbondanza, non ha dubbi, di talenti come Matilde ne ha visti pochi.

«Forse nessuno, a dire il vero».

Un’incoronazione. Anche se a Costa Masnaga, piccolo centro abbarbicato sulle colline del Lecchese, cercano di proteggere il più possibile il gioiello di casa.

Sul sito del club il giusto spazio alla vittoria su Sassari e appena un accenno alla prestazione di Matilde Villa, mica che si monti la testa.

 

Carattere giusto

 

«Ma questo rischio non esiste», ci tiene subito a precisare Bicio Ranieri, figura storica e nume tutelare della società: «Mati ha il carattere giusta, e una famiglia alle spalle che la aiuta a tenere i piedi ben piantati per terra».

Papà Paolo, giocatore di basket, è quello che ha trasmesso la passione alla figlia.
Anzi: alle figlie, perché – piccolo particolare – di Villa a Costa ce ne sono due: Matilde ed Eleonora. Gemelle. Talento equamente spartito alla nascita.

«Magari Lele è stata meno appariscente di Mati finora, ma non ho mai travato una giocatrice che in allenamento segni da tre con le sue percentuali, nemmeno fra le professioniste. Matilde ha intrapreso un suo percorso, Eleonora prenderà il suo, e non sarà meno brillante di quello della gemella» assicura Seletti.

E mamma?

«lo sono quella che le scarrozzava per allenamenti e partite. Già ero arrivata a detestare il basket quando mio marito giocava, ora so che il mio cammino nella pallacanestro sarà ancora lungo. Che cosa mi dava più fastidio? Sentir dire dai genitori avversari ‘è arrivata la squadra delle gemelle Villa’. Poi ci ho fatto l’abitudine, però non mi rassegno a pensare che si tratta di due ragazzine ognuna con il proprio carattere e la propria personalità. E non solo ‘le gemelle’».

 

La formazione

 

Liceo sportivo per entrambe («ma che brutta la didattica a distanza, non si riesce a rimanere concentrate! E poi arricchisce di più il contatto diretto»), ruolo diverso in campo: Matilde playmaker moderno, Eleonora guardia tiratrice.

«Ci piace giocare insieme, ci completiamo», dicono entrambe.

Meglio un canestro, o un assist alla gemella?

«Io sono per l’assist» confessa subito Matilde.

Eleonora tergiversa… «ma se le arriva il pallone, lei preferisce prendersi il tiro» ride di gusto mamma.

Avranno tempo per discuterne, anche se il futuro potrebbe riservare squadre diverse («lo sappiamo, ma al momento giochiamo insieme e ci piace che sia così» dicono entrambe).

Oggi però è il giorno di Matilde, numero 6 sulla maglia («Matilde 6 mitica» la chiamano, parafrasando un film di Danny De Vito), nuovo talento della pallacanestro italiana.

Perché i 36 punti non sono un caso: la Villa playmaker è quinta nella classifica marcatori del campionato, prima italiana, con 18,3 punti di media a partita.

 

Gli idoli

 

In una squadra che dopo nove giornate è saldamente quarta dietro le corazzate Reyer Venezia, Virtus Bologna e Emana Schio, e con una filosofia societaria ben precisa: largo alle giovani.

Contro Sassari sabato, oltre alle due Villa, classe 2004, c’erano due ragazzine addirittura del 2005 (Bernardi e Osazuwa), quattro del 2003 (Allievi, Labaro, Toffali e N’Guessan), una del 2002 (Spinelli). Più tre “veterane”: Del Pero, 21 anni, e le due straniere Jablonowski e Nunn, 23 anni a testa.

In pratica, una formazione quasi minorenne.

«Abbiamo fatto di necessità virtù, e funziona» spiega Seletti.

«È da anni che abbiamo preso questa direzione, sta a noi scovare nuovi talenti» conferma Ranieri.

L’ultimo, quello più vistoso, è quello di Matilde Villa.

Fan di Steph Curry («io e mia sorella abbiamo una passione per lui»), delle serie tv su Netffix e della musica pop non meglio precisata («ogni tanto, quando lo studio e il basket ce lo permettono, io ed Ele ci lanciamo nel karaoke ma siamo stonate come campane e mamma, papà e fratello maggiore ci implorano di smettere»).

 

Visibilità mondiale

 

I 36 punti le sono valsi una visibilità internazionale, con tanto di interviste dalla Spagna, che in quanto a passione per il basket non scherza.

Domani il derby con il Geas di Sesto San Giovanni, il club che ha lanciato Cecilia Zandalasini – oggi ventiquattrenne stella del Fenerbahge in Turchia – e che schiererà un’altra ragazza prodigio, Ilaria Panzera di «ben» 16 anni.

«Ci siamo affrontate tante volte nelle giovanili, giocando anche finali scudetto, farlo con la prima squadra non sarà diverso».

Parola di una veterana che compirà sedici anni il 9 dicembre.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *