Con Celentano a Genova saremo un milione

Con Celentano a Genova saremo un milione

 

29 novembre 2011

Cresce la fibrillazione…
“Lui”, Celentano, ci sarà, nonostante le “voci” che si trattase di una bufala…
Canterà, non canterà?
Per me canterà…dai, sarebbe come andare a Roma senza vedere il Papa.
Oddio, a pensarci bene… a Roma ci sono andato ma il Papa non l’ho mai visto…

Link all’articolo

(Renato Tortarolo, per “Il Secolo XIX”)
GRILLO:”SAREMO UN MILIONE PER AIUTARVI”
Grillo racconta il grande show: ci aiuterà Internet

«Questa volta. niente politica. Saremo sul palco per aiutare le persone. Al Palacep, Celentano, Paoli, Antonacci ed io avremo di fronte duemila spettatori, ma spero di arrivare a toccarne un milione grazie alla tecnologia».
Beppe Grillo anticipa al Secolo XIX Io spirito della serata di solidarietà di sabato prossimo per le vittime dell’alluvione in Liguria: «In futuro, la solidarietà non dovrà essere occasionale ma dovrà diventare un vero e proprio lavoro».
«Gli ho parlato del Cep, delIa Pianacci, e Adriano mi ha detto: se le cose stanno così è il posto giusto per fare quello che avete messo in piedi»

 

CI SIAMO. Sabato al PalaCep di Genova, area Pianacci, nome che passerà alla storia della solidarietà cittadina, Beppe Grillo, Adriano Celentano, Biagio Antonacci Gino Paoli e don Gallo daranno spettacolo per le vittime dell’alluvione.
Ovviamente per raccogliere fondi, speranza, fratellanza. E lo faranno perché persone di buona volontà come Flavio Gaggero, Carlo Besana e tanti altri semplici e sconosciuti si sono rimboccati le maniche.

Grillo, come andrà?
«Non c’è tanto da dire. Vogliamo fare del bene all’alluvione ma da un posto che merita la nostra attenzione. La mia, in particolare. Quando ho chiamato Biagio e Celentano mi hanno detto subito sì. Anche Gino che è sempre in prima linea. Viene proprio tutto dal cuore».

Voi sabato, poi le offerte di Jovanotti, Luca e Paolo, Risici, Lella Costa Dighero. Genova c’è…
«Dice che siamo in tanti? Si accavallano troppe generosità? Sicuramente in futuro si troveranno forme di solidarietà oltre l’offerta in denaro. La prossima volta ciascuno darà quello che potrà».

Ma lei perché ha accettato?
«Perché sono stato ali’ area Pianacci, al Cep, ho scelto di stare accanto vicino a persone offese. Il nostro lavoro deve servire a qualcosa, no?».

E la diretta dello sbow in streaming sul suo blog?
«Voglio raggiungere molto più delle duemila persone che saranno al PalaCep. Con lo streaming sul mio blogl beppegrillo.it la gente potrà fare delle offerte. Leggerà il numero di conto corrente e iban e si comporterà come meglio crede».

E a quanto spera di arrivare?
«Anche a un milione di persone».

Per aver messo insieme Celentano, Paoli e Antonacci?
«No, il miracolo, se lo vogliamo chiamare così, nasce da persone come Flavio Gaggero, più che dentista una specie di Suor Teresa di Pegli che tutti gli anni organizza beneficenza. La sua è una visione che mi fa vedere un futuro diverso».

E quale sarebbe?
«Che una parte del nostro lavoro sarà retribuito e invece un’altra sarà gratuita. Dovrà andare in solidarietà. Una lezione che arriva anche da Carlo Besana, farmacista del Cep, uno che vuole rendere un po’ più umano il suo quartiere».

Lei cosa ha imparato al Cep?
«Che ci nascono tante belle idee fra cattolici e musulmani, ad esempio. Si vede che la convivenza forzata fa bene, E non il contrario. Ho visto cos’è davvero il multietnico. Il basilico vicino all’aneto. Frequentare lo stesso bar evidentemente non è solo un passatempo».

Ma le convivenze forzate non facevano male?
«E invece trovi il tossico e il pensionato, il disoccupato e chi un lavoro invece lo ha. La sopravvivenza genera possibilità inaspettate».

E voi sabato cosa farete?
«Quello che facciamo di solito, io la mia parte, la conosce, però sarò più comico. Adriano parlerà e non canterà. Non ne vuole sapere, ma va benissimo così. Preparerà uno dei suoi numeri, conosce anche lui, no? In quanto a Biagio farà le sue canzoni. Le ripeto, una cosa fra amici. Pensi a Paoli. Sapevo che, a sua volta, era impegnato con lo spettacolo di beneficenza del 20 dicembre. Ma ha voluto esserci lo stesso, con don Gallo che ormai è una popstar»

insomma, tutti insieme e vi conoscete da una vita intera.
«Si, appunto, una delle ultime testimonianze della vecchia solidarietà. Gino devolverà l’incasso a un’associazione degli angeli del fango. Vuole che utilizzino quei soldi per la manutenzione dei fiumi, il monitoraggio dei torrenti. Dovrebbe arrivarci la politica, dico io, non la solidarietà».

E lei si arrabbia…
«Al momento mi disgusta il prelievo che la Siae farà a termini di legge sulle canzoni. Almeno io e Adriano, che non canteremo, faremo una dichiarazione di manleva. Ma la musica. Che debba versare diritti in un frangente simile mi indigna».

Comunque, vi divertirete?
«Si, la politica starà fuori. Magari Adriano farà da spalla a me. forse il contrario».

Detto da Lei strano, la politica sbattuta fuori.
«Ma senta, la gente ha già capito tutto. Le mancanze gravissime dei politici, quelle degli amministratori La Liguria è la regione più cementificata, Genova ha questo primato su scala regionale. Sì continua a parlare di posteggi e automobili quando vengono vomitate dalla terra. E non dico così per dire».

A cosa si riferisce?
«A quello che rimarrà negli occhi di tutti dopo questa alluvione: automobili sputate dall’acqua, scaraventate dalla furia della terra. Le pare naturale?».

E la gente come reagisce?
«Ora non lo so, cosa farà domani neppure. Ma non le danno alternative: una nuova mobilità pubblica, una nuova sicurezza. Bisogna cominciare a cambiare strada, testa, mentalità. Ma quante volte lo avrò già detto?».

Celentano non canterà nemmeno, poteva farlo no?
«E le sembra che non ci ho provato. Eppure mi ha già detto sì, si è convinto perché queste cose nascono spontaneamente, fra persone perbene. Gli ho parlato del Cep, delIa Pianacci, e lui mi ha detto: se le cose stanno così è il posto giusto per fare quello che avete messo in piedi. Che vuole aie le dica? Al massimo cantiamo io e don Gallo». 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *