27 maggio 2018, che bella festa per il compleanno di Freddy!

27 maggio 2018, che bella festa per il compleanno di Freddy!

27 maggio 2018, la festa di compleanno di Freddy Pierallini si trasforma, come sempre, in un piacevole happening musicale…

Ieri era il compleanno di Freddy Pierallini, amico di nostri amici musicisti.

Le sue feste di compleanno hanno sempre il privilegio di essere contrassegnate da buona musica, a casa sua, a Rovegno, alla Locanda dei Giorgi.
Un privilegio di cui ieri abbiamo beneficiato anche io e Susanna…una festa piacevolissima e frizzante in cui, con la regia-service dell’immancabile (ed instancabile) Mario Rollandini si sono alternati a chitarra, voce, tastiere e batteria lo stesso Rollandini con Mauro Culotta, Enrico Bianchi, Frank e Mario Maiello, Alberto Marafioti, Fabio Milanese, Vera Torrero ed il grande Armando Corsi.

Armando Corsi è un notissimo ed apprezzato chitarrista, con oltre 50 anni di carriera in cui ha collaborato con artisti quali Paco de Lucia, Ivano Fossati, Samuele Bersani, Bruno Lauzi e tanti altri.
E’ un personaggio normalmente molto riservato, benché non manchino, nei suoi spettacoli, elementi di sottile ironia, tanto da farlo definire “la chitarra che sorride”.
Tra le molte, apprezzatissime (e di assoluto livello) improvvisazioni in cui si sono alternati i vari musicisti ha sorpreso tutti proprio il “compassato” Armando Corsi, con una scatenatissima performance vocale in Gimme Some Lovin’… (vedi video più avanti)

Struggente l’esecuzione di “Canta de lo”, canzone scritta da Piero Milesi (su richiesta di Pippo dei Trilli), in memoria  di Fabrizio De Andrè, con testo opera di Enrico Bianchi.
Un bellissimo brano che è stato eseguito dallo stesso Enrico Bianchi, con il supporto di Mario Rollandini, Fabio Milanese, Mario Maiello ed impreziosito dagli assoli di chitarra di Mauro Culotta. (vedi video più avanti)
 
Il testo fa riferimento a personaggi e situazioni raccontati da Faber nelle sue canzoni.

“Canta de lo”, racconta le loro storie…

Là dove il sole tramonta, là dove c’è n’è di strada da fare 
dove non si contano le lune*
dove il cielo si prende il mare, alta sale su una stella che canta per i bambini** 
là dove gli occhi hanno luce e dove i ladri un cuore*** 
per ogni carruggio vecchio, c’è una bambina in piedi**** 
brilla un po’ di più la stella 
canta di loro (racconta le loro storie) 
Qui ci è rimasta solo la cera 
lassù si sono presi il miele*****
ti si sento solo la sera se canti per i bambini 
allora tu ritorni stella, che bella compagnia****** 
allora io ti cerco stella che bella compagnia.

 

*(riferimento a L’indiano, in pratica dove non ci sono limiti di spazio e tempo ) 

**(Sand Creek)

*** (Il pescatore)

**** (Via del campo)

***** (con riferimento al vecchio mestiere di separare il miele dalla cera in Ho visto Nina volare, lo spirito di Faber è volato in cielo lasciando a noi solo il loro corpo) 

****** (Anime salve)

 

Un’altra “chicca” l’intensa “Mentre ti amo” eseguita da Fabio Milanese, accompagnato da Alberto Marafioti, Mauro Culotta, Enrico Bianchi e Mario Rolandini.(vedi video più avanti)

Comprensibile la commozione di Freddy Pierallini, “festeggiato” (poco prima della torta) da una riuscitissima improvvisazione corale, con tutti i musicisti guidati da Enrico Bianchi…

e seguita da un intenso ballo “cheek to cheek” sulle note di “Aspettando l’alba”, interpretata dall’autore Mauro Culotta con il supporto, anche vocale, di Fabio Milanese…

Come nella conclusione di “Canta de lo”…
che bella compagnia…

proprio una bella festa!!!…anche per noi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield