Come un papà che accompagna la figlia all’altare…

Come un papà che accompagna la figlia all’altare…

21 gennaio 2017

“Il mio stato d’animo è paragonabile a quello di un papà che accompagna la figlia all’altare”…

Alcuni mesi fa Il Sindaco Marco Doria mi chiese di “traghettare” la costruzione di un nuovo organismo, il Consiglio CISA, una consulta delle organizzazioni cittadine che operano in ambito di Cooperazione Internazionale, Solidarietà, Accoglienza.
Una struttura che, una volta operativa, avrebbe rappresentato un concreto punto di riferimento per l’Amministrazione cittadina.
C’era necessità di identificare un Presidente pro tempore “esterno” alle diverse organizzazioni cittadine, il cui compito sarebbe terminato non appena si fosse compiuto il percorso di definizione delle linee guida e definiti gli organi previsti dal Regolamento, cioè un Presidente, espressione del mondo della Cooperazione e dell’Accoglienza, un Segretario ed il Comitato Permanente.
Il fatto che la scelta del Sindaco fosse caduta su di me mi gratificò non poco visto che, tutto sommato, ero e sono ancora “un foresto”…
il (piacevole) “peso” della responsabilità è stato, in questi mesi, un efficace carburante per cercare di assolvere al meglio questo compito.

Ieri, nella prestigiosa cornice del Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, il Consiglio CISA è stato ufficialmente presentato al Sindaco ed alla stampa, ed ora può considerarsi operativo a tutti gli effetti, sotto la guida del Presidente Alberto Rizzerio, coadiuvato dal Segretario MIchele Acampora.
Il mio compito, quindi, è terminato e, come ho riferito al Sindaco, poco prima dell’inizio della cerimonia di presentazione, Il mio stato d’animo è paragonabile a quello di un papà che accompagna la figlia all’altare… con il comprensibile dispiacere dovuto al “distacco” ma anche con la consapevolezza di aver trovato, nella serietà e competenza di Alberto Rizzerio, lo “sposo ideale”…

Ringrazio il Sindaco Marco Doria per la fiducia accordatami con l’incarico e per il supporto che non ha fatto mancare in questi mesi; grazie anche, di cuore, a Gianluca Saba, Angelo Cifatte ed Andrea Menegatti, dell’Ufficio Relazioni Internazionali, e Pierluigi Scotto, dell’Ufficio di segreteria del Sindaco, che sono stati un puntuale e concreto punto di riferimento in tutto il percorso.

 

Link all’articolo

(Matteo Macor, per “Repubblica Genova”)
UNA CASA COMUNE SUL TEMA MIGRANTI
Un osservatorio che nascerà probabilmente in via del Molo aperto alle Associazioni
Carlo Besana, l’ex anima del Cep, ha portato avanti in questo anno il progetto del Cisa, la consulta della solidarietà che si è riunita ieri per fare il punto della situazione
Obiettivo quello di coordinare le singole iniziative sul territorio per metterle in rete

UN OSSERVATORIO sui temi dell’accoglienza e dell’immigrazione in città, «che raccolga dati e informazioni per migliorare la consapevolezza dell’opinione pubblica», e soprattutto una «casa comune» — da far nascere probabilmente all’ex Massoero, in via del Molo — per tutte le associazioni che lavorano sul campo: «un luogo fisico, punto di riferimento per operatori, migranti e cittadini, dove rendere possibile uno scambio culturale reale».

Sono i primi due obiettivi concreti del “Cisa”, il Consiglio per la cooperazione internazionale, solidarietà e accoglienza della città varato lo scorso anno dal Comune di Genova, che ieri — dopo un cammino di avvicinamento di sei mesi — si è riunito per la prima volta in assemblea.

Una sorta di consulta della solidarietà — la definiscono a Tursi — «con il compito di rendere compatta la rete di associazioni che operano sul territorio a contatto con gli immigrati, e collegarla alle istituzioni».
Portato avanti negli ultimi mesi da Carlo Besana, l’ex anima del Cep, da vent’anni “testimonial” ideale della società civile in città, e fortemente voluto dal sindaco Marco Doria, «in questo organo ogni diversa realtà continuerà ad avere i propri progetti e programmi indipendenti, — spiega Alberto Rizzerio, il nuovo presidente del Cisa — ma nasce proprio per diventare l’interlocutore diretto del Comune nell’elaborare progetti sul tema».

Un futuro strumento di consultazione e confronto tra le istituzioni e la società civile, insomma, «ideato per coordinare le iniziative territoriali, fare promozione culturale e così favorire la partecipazione sociale, promuovere la riflessione sui metodi della cooperazione, della solidarietà e dello sviluppo», lo descrive il sindaco Doria «che riteniamo fondamentale per trattare un fenomeno strutturale della nostra epoca come quello dell’immigrazione».
Un «anello di congiunzione» tra associazionismo, istituzioni e cittadinanza, al quale hanno aderito circa 50 associazioni (tra cui Arci Solidarietà, San Benedetto, Sant’Egidio, Music for Peace) «che avrà bisogno da subito di lavorare nel concreto», conclude Rizzerio.
E per questo già nei prossimi giorni chiederà una sede fisica: «la zona migliore sarebbe il centro storico, il vero laboratorio interculturale della città».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield