Come l’aria per un asmatico…

Come l’aria per un asmatico…


Charlie Recalcati, l’allenatore più vincente del basket italiano, dà l’addio alla panchina. Potrebbe essere un’ottima risorsa per l’asfittico movimento cestistico italiano, prezioso come l’aria per un asmatico.Ma…

un paio di settimane ha compiuto 73 anni (auguri!, in ritardo…)…

da giocatore ha vinto (con Cantù) 2 scudetti, tre Coppa Korac, una Coppa Intercontinentale, 3 Coppa delle Coppe e due medaglie di bronzo agli Europei, con la Nazionale…

da allenatore ha vinto, eguagliando “il Vate” Valerio Bianchini, tre scudetti in tre città diverse (Siena, Varese e Bologna Fortitudo) ed una Supercoppa Italiana; medaglia d’argento con la Nazionale alle Olimpiadi di Atene 2004, medaglia di Bronzo agli Europei 2003 e medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo 2005.

E’ l’allenatore con più vittorie in Serie A e con più vittorie ai playoff…

Questo in sintesi l’amico Carlo (Charlie) Recalcati che in questi giorni ha annunciato la decisione di non sedersi più in panchina…

“Bisogna essere sempre nella condizione di dare il 100 per cento, e penso che quello che posso dare oggi non sia più sufficiente”.

Concreto ed onesto fino in fondo, come è sempre stato.

Susanna con Charlie Recalcati
(clicca per ingrandire)

Io e Susanna lo conosciamo da una vita, siamo rimasti in contatto anche dopo il nostro trasferimento a Genova e nei nostri “raid” canturini è sempre un piacere incontrarlo, un vero signore.

Pochi minuti fa gli ho espresso via whatsapp il mio rammarico…

“Dovrò riporre nel cassetto il sogno di uno scudetto, con te in panchina, a Cantù…
Mi auguro però, una tantum, che la FIP non si lasci sfuggire la competenza, coerenza e passione che ti hanno sempre caratterizzato.
Per il nostro movimento in crollo verticale serviresti come l’aria ad un asmatico…
Ma non so se in FIP siano graditi i competenti non condizionabili…”

E’ un dubbio che assale anche Valerio Bianchini, che sul suo profilo Facebook così commenta la decisione di Charlie:

“Su Carlo Recalcati, oggi e da sempre, si scrivono gli elogi a una personalità eccellente e a un allenatore straordinariamente fedele a se stesso per tutta la sua lunga carriera. Così io mi limito a dire una cosa: finita la sua grande carriera di giocatore, Carlo non ha messo subito i suoi onorati lombi sopra una panchina da professionista, ma umilmente e con grande intelligenza ha cominciato la sua nuova carriera di coach partendo dalle serie minori, fino a giungere, passo dopo passo, al record dei tre scudetti e al bronzo europeo e all’argento olimpico.
Nessuna scorciatoia per colui che rese grande il nostro basket in Italia e in Europa.
Mi chiedo come abbia potuto la Fip organizzare una tavola rotonda sul basket senza chiamare ai posti d’onore Sandro Gamba e Carlo Recalcati che hanno saputo ricoprire di onore la maglia azzurra.”

Ecco, appunto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield