“gioia fanciullesca” e signorile umiltà…il mio “chapeau” a Mauro Culotta…

“gioia fanciullesca” e signorile umiltà…il mio “chapeau” a Mauro Culotta…

 

il piacere di suonare, quasi una “gioia fanciullesca”, e la signorile umiltà sono i tratti distintivi di un Artista cui dedico il mio personale “chapeau”…

Ho conosciuto Mauro Culotta poco più di un anno fa…
era il 12 settembre ed a casa dell’amico “PizzaPoint” Mario Rollandini, nell’ovadese, la cena tra amici all’aperto divenne l’occasione, come accade sempre con Mario, per un piacevolissimo happening musicale con i numerosi artisti suoi amici e, quella sera, come noi, suoi ospiti.

Mario me lo presentò riattivando un microchip nascosto nelle pieghe dei miei ricordi giovanili.

“Ecco Carlo, lui è Mauro Culotta, chitarrista dei Gens…”

I Gens…e come non ricordarli…
un gruppo popolarissimo, i suoi componenti (con la voce stupenda di Filiberto Ricciardi) erano tutti siciliani, tranne lui, Mauro Culotta, genovese (però con famiglia di origini siciliane…).

Nel 1972 feci una vacanza a Lignano Sabbiadoro, per la prima volta senza parenti, solo con un gruppo di amici.
Negli ultimi giorni della vacanza riuscii a trovare il coraggio di invitare in discoteca Rita, una ragazza di Pordenone ospite del nostro stesso albergo; ci andammo io, lei e suo fratello Antonio (il papà, Dante, insegnante di matematica, molto rigido, era stato intransigente…non da sola!).

Tra i vari brani della playlist di quella sera, c’era anche “Per chi”, cover di “Without you” di Harry Nilsson.

L’aveva incisa anche Johnny Dorelli ma, comprensibilmente, in discoteca veniva proposta la versione, molto più incisiva, di un gruppo, i Gens, che proprio con quel brano avevano vinto il Cantagiro, una manifestazione di grandissimo successo popolare, con una formula mutuata dal Giro d’Italia: una carovana canora in giro per l’Italia con i migliori cantanti del momento che gareggiavano tra loro, giudicati da giurie scelte tra il pubblico delle varie città. .

 

 

Giusto per concludere l’inciso su quella liaison estiva, l’anno successivo, tra l’esame scritto e l’esame orale di maturità, andai a trovare Rita che con i suoi era in vacanza a Porto Santa Margherita di Caorle; tre giorni di vacanza, una sera in discoteca, con Antonio sistemato all’esterno con l’omaggio di un pacchetto di sigarette, che ovviamente fumava di nascosto da papà…
la serata in discoteca si concluse con il ballo cheek to cheek di “Pazza idea” di Patty Pravo e “Perché ti amo” dei Camaleonti, le due hit dell’estate. A quei tempi era così…
giusto per la precisione: Susanna non può essere gelosa, nel 1972 aveva sei anni…

Ma torniamo al 12 settembre dello scorso anno: nel corso della serata venni a sapere che Mauro Culotta aveva scritto la musica di un brano interpretato da Mina, inserito nell’album “Selfie”.

Andai a curiosare sul web con lo smartphone, cercando notizie di questo brano, “Aspettando l’alba”.

Trovai immediatamente il testo, bellissimo, testo scritto da Fabrizio Berlincioni, autore di grandi successi sanremesi come “Ti lascerò”, vincitrice a Sanremo nel 1989, “Mi manchi”, “Non lo faccio più”, “Amori”, uno dei grandi successi sanremesi di Toto Cutugno e molti altri.

Avevamo a portata di mano l’autore della musica, poco dopo la mezzanotte riuscimmo a vincere la sua ritrosia…
Mauro, con l’accompagnamento della sola chitarra, ci deliziò con questo brano struggente sotto un cielo di stelle…

io faccio un discorso alla luna,

per fortuna che c’è ancora lei,

le chiedo dov’è la tua voce che ancora mi scalda,

e intanto aspetto l’alba…

 

“bugiardo più che mai, più incosciente che mai” – LP Mina
(clicca per ingrandire)

Ascoltandola, in quel magico contesto, mi venne immediatamente in mente un disco (proprio un disco, un Lp in vinile) regalatomi tanti anni fa…

“Bugiardo più che mai…più incosciente che mai…”, un bellissimo album in cui Mina interpretava stupendi brani quali “Il poeta”, “Non credere” e molti altri fino alla cover di un accattivante brano di Chico Buarque de Hollanda, “Com açucar com afeto”

brani in cui emergeva, in modo trasversale, un mix tra languide malinconie e trasporti emotivi…
proprio il mix che avevo provato sottopelle ascoltando “Aspettando l’alba”…

Lo dissi a Mauro, e lui mi sembrò particolarmente felice di questo accostamento, sottolineato da un largo sorriso accompagnato da un velo di timidezza…

 

 

 

Dopo quella serata abbiamo avuto molte occasioni di ascoltare Mauro…

e non ci è sfuggito il largo sorriso (il segno tangibile del “piacere di suonare”, quasi una gioia fanciullesca ) che ogni volta illumina il suo volto al termine delle sue performances, sia che si trovi tra pochi amici da PizzaPoint sia che si trovi su un palco davanti a decine e decine di spettatori…

così come non ci è mai sfuggita la sua umiltà…in poche parole: ha attraversato, con un grande successo popolare, un periodo musicale entrato nel mito…

Mauro Culotta e Mia Martini – 1983
(clicca per ingrandire)
foto da trovavetrine.it

 

ha accompagnato artisti come Ivano Fossati, Eugenio Finardi, Eros Ramazzotti, Loredana Bertè, Mia Martini, Ornella Vanoni…
oggi, a molti anni di distanza, un mito assoluto come Mina sceglie un suo brano per un suo album…

e “non se la tira” manco un po’…

conosciamo altri che per molto meno terrebbero il naso costantemente all’insù, lui no, anzi…

 

 

Mauro Culotta ed Eros Ramazzotti – Vienna 1987
(clicca per ingrandire)
foto da trovavetrine.it

poi arriva un giorno, più o meno una settimana fa, in cui mi è viene la curiosità di sfrucugliare un po’ sul web, alla ricerca di aneddoti musicali…
tra una ricerca e l’altra non sfugge alla mia attenzione la descrizione di un link in cui compaiono sia “Mina” che “Culotta”…

ovviamente abbandono la ricerca generica e mi dedico a questo binomio…

Mauro non me ne aveva mai fatto cenno, ma “Aspettando l’alba” non è l’unico suo brano scelto da Mina…

nella discografia di Mina ho trovato 8 brani scritti da Mauro, c’è anche un brano (con testo di Fabrizio Berlincioni “ritoccato” da Toto Cutugno) interpretato in duetto da Mina e Celentano, ce n’è uno interpretato da Mina in duetto con Monica Naranjo e mai pubblicato in Italia…

Mauro è anche l’autore della musica di un brano pubblicato da Ivano Fossati nell’album che segnò l’inizio del suo successo, idem per un brano scelto da Ornella Vanoni per un suo album del 1978…

e probabilmente mi sarà sfuggito qualcosa…

insomma, caro Amico Mauro…

è stato un vero piacere, finora, e lo sarà ancor più in futuro, apprezzare il tuo largo sorriso e la tua signorile umiltà…

chapeau!!!

 

—————————————————

1987 
Album “Leggera” – Mina

Con te sarà diverso
di  Fabrizio Berlincioni – Mauro Culotta

  

Noi soli insieme
di Alberto Salerno – Mauro Culotta

Il testo di questo brano è opera di Alberto Salerno, autore di grandi successi come “Io vagabondo” de “I Nomadi”, “Terra promessa” di Eros Ramazzotti, “Donne” di Zucchero, “Lei verrà” di Mango, “Bella da morire” degli “Homo sapiens” e molti altri.
Bellissimo il video, con “tutti i colori” del bianco e nero…

 

1993
Album “Lochness” – Mina

Ti accompagnerò
di Fabrizio Berlincioni – Mauro Culotta

 

1996
Album “Cremona” – Mina

Succede
di Fabrizio Berlincioni – Mauro Culotta

Mauro Culotta aveva proposto questa canzone dopo un silenzio da parte di Mina durato 2 anni, a vari artisti tra cui Giorgia, Mietta, Fiorella Mannoia, Ornella Vanoni, Riccardo Cocciante e tutti, pur apprezzandola, la rifiutarono per la sua scarsa ” radiofonicità”: il groove quasi greco-mediterraneo del brano non “colpiva” commercialmente!

Per fortuna di Mauro la cantò Mina, che telefonò a sua madre chiedendo se la canzone fosse ancora libera…
Mauro chiamò Mina il giorno dopo, le chiese una cortesia: quella di mantenere il sapore del suo provino originale, etnico e mediterraneo.

 

1999
Album “Olio” – Mina
Non passa
di Fabrizio Berlincioni – Mauro Culotta

 

2010
Album “Caramella” – Mina

Inutile sperare
di Maurizio Morante – Mauro Culotta

2014
Album “Selfie” – Mina

Aspettando l’alba
di Fabrizio Berlincioni – Mauro Culotta

 

 

2016
Album “Le migliori” – Mina e Celentano

Ti lascio amore
di Fabrizio Berlincioni – Toto Cutugno – Mauro Culotta

2000
Album “Minage” – Monica Naranjo

El se encuentra entre tu y yo – duetto Mina Monica Naranjo
di Fabrizio Berlincioni, Monica Naranjo Carrasco, Cristobal Sansano Twerdy, Mauro Culotta

 

1973
Album  “Il grande mare che avremmo traversato” – Ivano Fossati

La realtà e il resto
(di Ivano Fossati – Mauro Culotta)

1978
Album  “Vanoni” – Ornella Vanoni

Mentre vivo senza te
di Alberto Salerno – Sergio Bardotti- Mauro Culotta

in questo album, che raggiungerà il nono posto nelle classifiche degli album più venduti nel 1978, Mauro Culotta fa parte della formazione che accompagna Ornella Vanoni nei diversi brani.
“Mentre vivo senza te”, la cui musica è opera di Mauro Culotta, vede la firma, per quanto riguarda il testo, di Alberto Salerno e di Sergio Bardotti, uno dei più grandi autori della nostra storia musicale.

 

 

 

Io e Mauro Culotta
(clicca per ingrandire)

 

link correlato
Aspettando l’alba, da Mario…

2 comments on ““gioia fanciullesca” e signorile umiltà…il mio “chapeau” a Mauro Culotta…

  1. bellissimo grazie di cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *