Caro Ambroeus, 266mila volte grazie…

Caro Ambroeus, 266mila volte grazie…

Ci sono voluti due anni…ma finalmente l’Opera San Francesco e l’AIRC hanno potuto ricevere quanto lasciato loro (tutto…) da mio cugino Ambrogio…

Sono passati esattamente due anni da quel 28 dicembre 2015, giorno in cui mio cugino Ambrogio, per me un fratello maggiore, ci lasciò, a 71 anni, dopo anni vissuti (da solo) con salute molto altalenante.
Mi aveva nominato suo legatario testamentario, cioè mi sono dovuto occupare della perfetta, rigorosa esecuzione delle sue volontà.
Come già ho avuto modo di scrivere due anni fa (il testo è riportato qui sotto) Ambrogio aveva avuto un “colpo di fortuna”, una notevole vincita al Totogol (o al Totip) ed aveva avuto modo, da subito, di mettere in pratica la sua enorme generosità, risolvendo grossi problemi economici a persone che facevano parte della cerchia delle sue amicizie.

Il resto lo aveva accantonato con l’incarico (affidato a me) di trasferire il tutto, alla sua morte, in parti eguali all’Opera San Francesco per i poveri ed alla AIRC (Fondazione per la Ricerca sul Cancro).
Non aveva altre proprietà, né casa né auto.

L’iter burocratico ha comunque richiesto quasi esattamente due anni, e si è completato proprio in questi giorni: i due Enti hanno ricevuto, ciascuno, circa 133mila euro, che sicuramente troveranno, nel suo ricordo, una giusta e concreta destinazione.

Caro Ambroeus…266mila volte grazie!!!

(questo il testo postato due anni fa)

il biglietto realizzato da alcuni bimbi vicini di casa di Ambrogio
(clicca per ingrandire)

Io e Susanna avevamo programmato Capodanno (e 50^ compleanno di Susanna) al caldo cubano di Varadero ma, purtroppo, un improvviso lutto di famiglia ci porterà nei prossimi giorni, come oggi, nelle nebbie dell’hinterland milanese.

Oggi mio cugino Ambrogio (non “un cugino” ma, per me, concretamente, un vero e proprio fratello maggiore), ci ha lasciati, tracciando un vuoto profondo dentro di me

aveva esattamente 10 anni più di me, scapolo, da molti anni viveva da solo, con salute molto altalenante…

abbiamo trascorso insieme molte vacanze negli anni ’60, ho vissuto (dal lunedì al venerdì) a casa sua, in Corso Garibaldi, i primi due anni di università…

proprio lì, grazie ad una vecchia ma validissima Voigtlander Vito C è iniziata la mia passione (rigorosamente in bianco e nero), per la fotografia, coltivata in pomeriggi intensi nel vicino quartiere di Brera…

Qualche anno fa, dopo i primi seri acciacchi, aveva incaricato mia sorella del delicato compito di “esecutore testamentario”; nel 2008, mancata mia sorella, ha trasferito a me l’incarico e, nonostante non fossi più un giovincello, mi sono sentito estremamente onorato della fiducia che aveva voluto accordarmi il mio “fratello maggiore”…
e fra qualche riga sarà ancor più evidente perché…

Ambrogio non ha avuto una vita facile prima con i problemi di salute che costrinsero mio zio ad interrompere precocemente l’attività lavorativa poi, rimasto solo, per i problemi di salute che hanno minato la sua età “da pensione”…
ma non ha mai perso la sua predisposizione alla generosità, qualità “ereditata” dai miei zii…

Qualche anno fa ebbe un colpo di fortuna, con una vincita al “Totogol”.
Non pensò a se stesso…

qualche mese prima un suo carissimo amico di gioventù, vittima di una grave malattia, aveva improvvisamente lasciato sola la moglie (casalinga) e la figlia ancor giovane studentessa, con il triste scenario di un mutuo per la casa che, benché già avanzato, non avrebbero saputo come portare a termine.
Portò loro un assegno circolare, che ebbe il pregio di “risolvere” magicamente il problema.

L’altra parte è ancora lì, sul suo conto, ed esaurite le formalità burocratiche (notaio, utenze, ecc) sarà mio compito eseguire le sue volontà, con una cifra importante da suddividere tra due enti benemeriti, l’Associazione per la ricerca sul cancro e la Fondazione Opera San Francesco per i poveri, oltre ad una miriade di sostegni (da lui già avviati da anni) a diverse associazioni impegnate nel sociale e per diverse adozioni a distanza.

Ha chiesto di essere cremato e che la dispersione possa avvenire a Lambrate, nel cosiddetto “giardino del ricordo”
È un ampio spazio verde caratterizzato dalla presenza di piante aromatiche, roseto, siepi sempreverdi….

Come se, costretto dagli eventi a vivere per anni in casa, quasi “da recluso”, avesse voluto, una tantum nella vita, pensare a se stesso, scegliendo per il suo cammino eterno un grande spazio verde dove potersi “muovere”, finalmente, leggero, senza costrizioni…

L’ho sentito l’ultima volta due giorni fa, il giorno di Natale…
gli ho preannunciato che gli avrebbero consegnato, a giorni, il mio regalo, il libro (con decine di foto ed articoli) sulla vita di Gianni Rivera (il nostro “eroe calcistico”), con tanto di firma autografa…
l’ordine online (l’unico possibile) aveva incontrato un problema tecnico e la consegna sarebbe arrivata un po’ in ritardo…

Non potrà leggerlo, almeno per ora…
mi piace pensare di poterglielo portare “di persona”, quando Dio vorrà, e lo potremo leggere tra di noi…
magari camminando insieme, leggeri, sul quel grande spazio verde, quello “dei ricordi”… 

di quando Rivera era Rivera…
il Milan era il Milan…
Ambrogio era Ambrogio…
ed io ero meno solo….

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield