“Carlo, posso dirti una cosa?”…dal diario di un orgoglioso “nonno” senza nipoti…

“Carlo, posso dirti una cosa?”…dal diario di un orgoglioso “nonno” senza nipoti…

…ovvero come “sentirsi” orgogliosamente nonni pur non avendo figli né, ovviamente, nipoti…

Essere presenti tutti i giorni al Pianacci porta, inevitabilmente, a familiarizzare (piacevolmente) con i tanti bambini che vivacizzano i 16000 mq del nostro Circolo.

E capita spesso che, nel momento in cui ci si appresti a fare qualcosa, si venga circondati da un nugolo di bambini con un’attenzione mista tra la curiosità e la voglia di dare una mano.

E non vanno mai disattese né l’una (la curiosità è figlia delle forme più vivaci d’intelligenza) né l’altra, anche se la “voglia di dare una mano” rappresenti spesso, fatalmente, date le età, più un ostacolo che un reale aiuto… deludere queste “attenzioni” sarebbe però “delittuoso”, e quindi si sta al gioco…

Giulia e Miriam
(foto di Veronique Giuliana)

Giulia e Miriam (7 anni entrambe, Miriam li ha compiuti proprio ieri…) sono tra le più “attive” sotto questo aspetto, ed è stato così anche il 14 agosto…

Stavo seguendo, con crescente angoscia, da qualche ora, la diretta di Primocanale sul crollo del ponte Morandi; nel tardo pomeriggio ho sentito l’esigenza di “staccare”, e tanto per cambiare mi sono recato al Pianacci, come sempre pieno di bambini che, con l’innocente inconsapevolezza di trovarsi nel mezzo di una giornata così tragica, davano giustamente sfogo alla loro voglia di giocare.

Avevamo deciso di annullare la serata di spettacolo in programma quella sera stessa al PalaCep e mi stavo portando proprio nei pressi della nostra tensostruttura per alcuni controlli ed ecco che, immediatamente, vengo raggiunto da Giulia e Miriam, con le “solite” domande: “Cosa fai? Possiamo venire con te?…”

“Certo che sì”, ed entrambe mi affiancano, una a destra ed una a sinistra, tenendomi per mano…

Una delle signore che ogni giorno approfittano della frescura della “zona panchine”, molto più gradevole del caldo afoso dei loro appartamenti, ci nota e commenta:”Che belle ‘ste bambine, sempre attorno allo “zio Carlo”…”

E qui commetto un clamoroso autogol…
“Beh, zio…- replico – sono così vecchio che potrei essere di gran lunga il loro nonno…”

E Miriam, con lo sguardo “furbino” e il sorriso che accende immediatamente le due simpatiche fossette sulle guance:
“Carlo, posso dirti una cosa? Anche a me sembri proprio un pochino vecchio…un pochino…”

E Giulia, indicando le mie scarpe  tipo “barca”:
“Ed hai anche le scarpe che sembrano da papera…”
E Miriam:
“Sembrano…sono da papera!!!”

Ed il “vecchio nonno” con le “scarpe da papera” non può che apprezzare, orgogliosamente, la simpatica “vivacità” delle sue “nipotine”…

 

 

sempre il 14 agosto, sera.
In tivù c’è in programma una rubrica speciale dedicata a Genova.
Nell’attesa vengono messe in onda vecchie immagini delle teche RAI, con una serie di canzoni interpretate da artisti liguri, da Fabrizio De André ad Umberto Bindi, dai New Trolls ai Ricchi e Poveri…c’è anche “Ma se ghe pensu” interpretata da Mina…

La tristezza sale, più che un omaggio a Genova c’è la percezione di un’orazione funebre musicale…

Io e Susanna torniamo al Pianacci; sono quasi le 22 ed è brulicante di bambini di ogni età…

alcuni stanno giocando a calcio sul campetto in erba sintetica illuminato, altri improvvisano giochi…

io e Susanna ne coinvolgiamo alcuni in un gioco in cui il canestro è il bidone della rumenta e la “palla” è l’involucro di plastica degli skifidol…

ad un certo punto, senza che lei se ne accorga, noto Giulia, che esce dal bar con una coppetta di gelato.

Si siede per terra, in un angolo isolato, all’angolo del marciapiede…
apre la coppetta di gelato ed in quel momento le si avvicina un bambino, molto più piccolo, solo
è il fratellino di un altro bambino che è lì, poco distante, seduto su un passeggino
entrambi la guardano con curiosità…
non tanto per lei, quanto per il gelato…

lei si blocca per tre/quattro secondi…

poi, tenerissima, apre la coppetta e, rivolgendosi ai due bambini, propone loro:
”Adesso facciamo un gioco: io mangio un cucchiaino di gelato, poi ne mangi uno tu, e poi ne mangi uno tu…quando finiamo il giro ricominciamo…”

e così, con la rigorosa sequenza “uno a me, uno a te, uno a te”, il gelato viene consumato, condiviso fino all’ultima goccia…

ed il paciugo di gelato al cioccolato, colato sulla bocca (ed oltre…) dei tre bambini, non sembra manco un paciugo…
mi sembra quasi un’opera d’arte…

“orgoglio” di “nonno”…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield