il nostro Bob è “salito in cielo”…

il nostro Bob è “salito in cielo”…

 

un paio d’ore fa l’amico Charly Recalcati mi ha inviato questa foto, con poche, significative parole:
Il nostro Bob è “salito in cielo”

“il nostro Bob” era Bob Lienhard, uno dei grandi protagonisti degli anni in cui la Pallacanestro Cantù era costantemente ai vertici nazionali ed europei…

Bob era “il mio idolo”…

come ho già scritto in passato…
nel 1970 il mio compagno di studi Antonio Marelli mi convinse ad andare a vedere una partita di basket a Cantù, il mio primo “contatto” non televisivo con il basket.

La Forst Cantù giocò (e vinse) contro la Splugen Reyer Venezia; nella Forst Cantù il leader era Charly Recalcati (poi diventato allenatore di grande successo, coach della nazionale medaglia d’argento alle Olimpiadi di Atene…)…

c’era Pierluigi Marzorati, astro nascente, che sarebbe poi diventato uno dei più grandi cestisti della nostra storia (e nel 1988 fu anche mio testimone di nozze…)

c’era anche Fabrizio “Ciccio” Della Fiori, altro astro nascente; un giocatore che  qualche anno più tardi, contro gli USA, alle Olimpiadi di Montreal, fece un clamoroso 10/10 al tiro…

C’erano, quindi, Recalcati, Marzorati e Della Fiori, ed in quel momento non potevo sapere che qualche anno più avanti avrei avuto l’opportunità di conoscerli ed il privilegio della loro amicizia…

La mia attenzione venne catturata, immediatamente, da quel gigante (2 metri e 8 centimetri), Bob Lienhard, “strappato” alla concorrenza del “nemico”, l’odiata Olimpia Milano…

tornammo a Cantù qualche tempo dopo, e fu ancora una partita vincente, contro la seconda squadra di Milano, la ”All’Onestà”, del grande Jo Isaac…

nacque in quel periodo la mia passione per il basket, unita, ovviamente, al tifo viscerale per Cantù.

Qualche mese più avanti a Lurago d’Erba facemmo nascere, all’Oratorio, una squadretta e come sempre accade cercavamo di emulare, in allenamento ed in partita, le gesta dei nostri beniamini…

scelsi come numero di maglia il 13, il numero di Bob Lienhard…che nel frattempo si era fatto crescere una folta barba…
ed io pure…

lui spesso concludeva le triangolazioni con Pierlo Marzorati con un efficacissimo “gancio”…
ed io pure (o meglio: io pure cercavo di farlo, con ben altri risultati…).

La domenica pomeriggio si partiva presto da Lurago, a piedi, alla volta di Inverigo. Il treno ci avrebbe portati fino a Mariano Comense e da lì, con l’autobus, saremmo arrivati alla palestra “Parini” di Cantù…molto in anticipo, ma era l’unico modo per trovare posto nei “popolari”, con i biglietti a 500 lire…

mia mamma, con l’aiuto della mamma del mio compagno Carlo Conti, cucì una piccola bandiera tricolore, con la scritta “Forza Bob”, e con una corona a sormontare la “O” di Bob…indiscusso re della nostra area…l’ho sventolata un sacco di volte…

Bob Lienhard con la Pallacanestro Cantù ha vinto uno scudetto (1974-75), una Coppa Intercontinentale, tre Coppe Korac, due Coppe delle Coppe…

non è più tornato negli USA, è rimasto a vivere prima in Brianza poi a Como

qualche anno fa, nel corso di uno degli eventi cestistici organizzati a Cantù cui ogni tanto riesco a partecipare, ho avuto modo di rivederlo.
Erano già passati molti anni, ma per me era sempre il mitico pivot con il numero 13…

gli raccontai, con un po’ di timidezza, la storia delle due mamme impegnate a cucire la bandiera tricolore, con la scritta “Forza Bob” e la corona…

commentò, ridendo di gusto “Propri matt!!!” (proprio matti), ma ho avuto la netta sensazione che gli avesse fatto non poco piacere, sia pure a tanti anni di distanza…

quando toccherà a me raggiungere le grandi praterie dell’aldilà, andrò a cercare mia mamma e la mamma di Carlo Conti, e cercherò di convincerle a cucirne un’altra, ancora più grande…

a sventolargliela poi ci penserò io, e voglio vedere se mi dirà ancora “Propri matt”…

nel frattempo…

grazie Bob!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield