Aspettando l’alba, da Mario…

Aspettando l’alba, da Mario…

ci vediamo da Mario? una simpatica, informale cena in un’atmosfera agreste…un gruppo di bravi musicisti…ed un happening, tutto da gustare…aspettando l’alba…

12 settembre 2017

Avete presente la colonna sonora di “Distretto di polizia”?
Aggiungete le musiche per oltre 100 film, un David di Donatello, un Globo d’Oro e un Nastro d’Argento…e tanto altro…
questo “in sintesi” Aldo De Scalzi

Chitarrista dei Gens, nel periodo in cui (1972) vincevano il Cantagiro con “Per chi” (cover di “Without you” di Harry Nilsson), apprezzato autore al punto da avere il privilegio di vedere un suo pezzo (“Aspettando l’alba”) inserito nell’album “Selfie” di Mina, uscito nel 2014…
questo, in sintesi, Mauro Culotta.

Ieri sera a Lerma (nei pressi di Ovada) nella casa dell’amico Mario Rollandini (Mr Pizzapoint) io e Susanna abbiamo avuto il privilegio di partecipare ad una simpatica cena agreste, nello spazio esterno in cui era stato allestito da Mario un piccolo palco con tutta la strumentazione necessaria a soddisfare le esigenze di diversi artisti che, come è prassi negli happening di questo tipo, si sono alternati fino a notte fonda…

Con Aldo De Scalzi e Mauro Culotta c’erano anche il bassista-ingegnere Enzo Laface, Lello Ligorio, chitarrista e corista dei Luassi, gruppo rappresentato anche dalla voce solista Massimo Alfieri (una “rivelazione” per me, che lo conoscevo solo come ex assessore municipale del Municipio Levante); c’era Simone Currà, giovane ma già navigatissimo chitarrista. 

Si sono poi aggiunti anche Stefano Cavallo e Luciano Ottonello, chitarristi e voci del gruppo Reunion, storica prima tribute band dei Beatles nata in Italia.

Mario Rollandini, tastierista di primordine, si è esibito come batterista, fino all’arrivo da Ovada di Emilio, un batterista mica pizze e fichi…

Insomma, una serata “di quelle che piacciono a me”, molto libera, senza sovrastrutture, con il piacere di ascoltare buona musica da bravi musicisti…

con le “chicche” dei virtuosismi strepitosi dei vari chitarristi (quasi una “gara”…), Aldo De Scalzi in versione voce solista (oltre che alla tastiera) con un “Lady Madonna” da urlo

(clicca per ingrandire)

per finire, in omaggio a Mario Rollandini (che, lo so, ci ripetiamo…che è stato per una sera, magica, il “tastierista” di Celentano al PalaCep), dicevo, in omaggio a Mario Rollandini la serata si è conclusa con un trittico Celentanesco, iniziato con “Una carezza in un pugno”, proseguito con “Il ragazzo della via Gluck” e concluso con “Serafino”…

 

 

Nel frattempo, con il necessario smantellamento della corposa attrezzatura, si erano fatte più o meno le tre…

ed andando verso casa, nel buio dell’autostrada, erano ancora vive le emozioni create dalla magica atmosfera di “Aspettando l’alba”, il “regalo” che ci ha fatto Mauro Culotta con l’esecuzione della sua canzone scelta da Mina…

sì, aspettando l’alba abbiamo trascorso una piacevolissima serata…grazie a tutti, davvero!

ps: grazie anche a chi ha preparato una montagna di prelibatezze, tra le quali degli invitanti stuzzichini realizzati con piccoli pezzi di pizza arrotolati…già battezzati PizzaRoll… made in Rollandini!

  

Come già detto, l’atmosfera era quella giusta…
un happening musicale a contorno di una simpatica cena agreste…
nell’attesa che arrivassero altri musicisti, tra i quali il mitico Aldo De Scalzi, quelli già presenti non sono riusciti, ovviamente, a resistere…
non ho resistito manco io, utilizzando per la prima volta la funzione “video” della mia fotocamera…
stavano eseguendo, a mo’ di prova, “Knockin’ on heavens door”, e tra i chitarristi era in atto un virtuosismo, che nel corso della serata avrebbe raggiunto vette incredibili…

l’inizio (delle mie “riprese”) è un po’ incerto, ma dopo venti secondi diventa più accettabile…
al basso Enzo Laface, voce Massimo Alfieri, alla chitarra Mauro Culotta, Simone Currà e Lello Antonio Ligorio…
dopo circa un minuto si aggiungerà, in versione “batterista”, anche Mario Rollandini…

ed è solo l’antipasto musicale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield