Antigua, le spiagge sono solo l’inizio…

Antigua, le spiagge sono solo l’inizio…

 

il racconto, anche fotografico, di una piacevolissima vacanza ad Antigua, all’Ocean Point Resort, con oltre 540 fotografie suddivise per argomenti in 13 diverse gallerie  (31 marzo-15 aprile 2018)

 

Link alle gallerie fotografiche

Ad Antigua non avevamo mai pensato…

per festeggiare i nostri primi 30 anni di matrimonio io e Susanna avevamo pensato di “recuperare” la vacanza a Cuba che due anni fa, proprio alla vigilia della partenza, svanì per un lutto di famiglia.

Poi è successo che per un paio di volte, dopo aver iniziato a predisporre, in agenzia viaggi, la vacanza (qualche giorno a L’Avana poi dieci giorni su una delle tante spiagge dell’isola) siano capitati inconvenienti che ci hanno costretti a ricominciare daccapo.
Abbiamo interpretato il tutto come un chiaro segno del destino…”Cuba ci porta sfiga…”, ed abbiamo virato sul Messico.
Playa del Carmen, mare e tante opportunità di visite ai tanti luoghi storici di cui è ricco il Messico.
E qui capita un infortunio al mio ginocchio sinistro, che ci sconsiglia vacanze impegnative sul piano fisico…

Spulciando uno dei tanti cataloghi che avevamo accumulato, mi è capitato lo sguardo su Antigua…
e la domanda è sorta spontanea…

Antigua sarà proprio così???

Beh, le foto non sempre rendono appieno l’idea, e vale anche per le mie foto…

ne ho scattate oltre 3000, ne ho selezionate più o meno 450…

sul blogghiario le ho suddivise per argomenti, ognuno raggiungibile attraverso uno specifico link…
così, per chi ne ha voglia, è più facile gustarsele, anche per me…

una ventina d’anni fa io e Susanna abbiamo fatto una lunga vacanza in Polinesia, che nei nostri ricordi rimane in cima al podio del nostro gradimento…

però Antigua è lì, sul nostro podio, a giocarsi secondo e terzo posto con le Maldive, facendosi preferire per la piacevolezza di poterla girare, giorno dopo giorno, in lungo ed in largo, attraverso paesini, piantagioni, villaggi in cui il tempo pare si sia fermato…

abbiamo noleggiato una piccola, ma comoda, Toyota Vitz
il volante a destra e la guida a sinistra (come si usa nei paesi britannici) mi hanno condizionato per pochi minuti…
il tempo di far partire il tergicristalli anziché azionare le frecce (anche i comandi sono al contrario…) e quello di tranquillizzare Susanna, terrorizzata dall’idea che potessi distrarmi ed andare contromano…

l’avevamo noleggiata per cinque giorni,  ma ci è stata così utile che l’abbiamo poi raddoppiata a dieci giorni…

già più che sufficienti per farci un’idea, con l’auspicio di riuscire a trasferirla anche a chi avrà il piacere di leggerci… 

 

All’aeroporto internazionale VC Bird di Antigua si viene accolti da un cartello: Antigua, le spiagge sono solo l’inizio…

mentre le targhe delle auto ci ricorderanno, ogni giorno, anche in modo pittoresco, che Antigua è una terra di mare e di sole…

(clicca per ingrandire)

non sono solo slogan da catalogo vacanze…è proprio così…

si dice che Antigua possa “offrire” ben 365 spiagge, una per ogni giorno…

ne abbiamo viste (ed assaporate) molte, ma non così tante…
le ho indicate su questa mappa: il pallino verde indica la nostra “base”, l’Ocean Point, i pallini blu indicano invece le spiagge che siamo riusciti ad “assaporare” in questi quindici giorni di vacanza

 

Le spiagge della costa occidentale e nord occidentale

(clicca per ingrandire)

 

 

Galleria fotografica – Spiagge nord ed ovest

 

il 3 aprile, entrati “in possesso” dell’auto a noleggio, e smaltita in breve la “stranezza” del volante a destra e la guida a sinistra, ci siamo fiondati verso un trittico di spiagge situate sulla costa occidentale dell’isola…

La nostra prima tappa, dopo un breve passaggio a Valley Church, è Jolly Beach si trova nella baia di Jolly Harbour, un porto turistico molto animato, che sulle prime non ci convince molto.
E’ sufficiente però seguire l’indicazione Castaway e ci ritroviamo, complice anche la stupenda giornata di sole, in un primo scorcio di paradiso…
una lunghissima spiaggia, bianchissima, che si affaccia su un mare incredibilmente turchese…

Jolly beach
(clicca per ingrandire)

la parte sulla destra è quella più affollata, ma basta spostarsi di qualche decina di metri (con una suddivisione naturale data da una piccola duna) e ci si ritrova nella parte più libera…
i dubbi sono amletici: guardare estasiati? tuffarsi subito in quelle calde acque invitanti? scattare foto per immortalare questa meraviglia?
c’è solo l’imbarazzo della scelta…
il contesto è meraviglioso e già sembra “valere la vacanza”…
non lo sapevamo, ma nei giorni successivi avremmo visto cose anche più paradisiache…

un paio d’ore e ci spostiamo più giù, lungo la Valley Road, verso Cades Bay.

La strada costeggia bellissime spiagge, che ci gusteremo nei giorni successivi, ma il nostro obiettivo è andare a percorrere la Fig Tree Road (letteralmente la strada degli alberi di banane, che qui chiamano “fig”, cioè fichi).

Una strada che per circa 8 km è immersa nella foresta pluviale, con grandi alberi, con foglie enormi, di mango e di banane.

Prima di arrivare al villaggio di Old Road, dal quale, svoltando verso l’interno dell’isola, inizia la Fig Tree Road, incrociamo una bellissima baia, Morris Bay

Morris bay
(clicca per ingrandire)

la voglia di un altro bagno prende il sopravvento, ed è un piacere immergersi in queste acque limpidissime… il fondo, pure sabbioso, è più compatto rispetto a Jolly Beach, e questo giova all’assoluta trasparenza…

aggiungiamoci anche la sensazione di essere in una nostra spiaggia esclusiva (solo quattro-cinque persone negli oltre 800 metri, se non più, della spiaggia)
…aggiungiamoci anche la palma piegata verso il mare, che fa tanto “cartolina dai Caraibi”, ed il gioco è fatto…

l’isola, alla prima escursione, già ci ha letteralmente “rapiti”…

e già dal primo giorno, grazie all’auto noleggiata, riusciamo ad apprezzare il vantaggio di potersi muovere in modo indipendente (tant’è che dopo i primi giorni rinnoveremo il noleggio, senza titubanze, per altri 5 giorni)…

lasciamo Morris Bay ma, arrivati ad Old Road, non prendiamo subito la via della foresta pluviale…

Carlisle bay
(clicca per ingrandire)

ci concediamo un’altra “divagazione”, e ci spostiamo fino a Carlisle Bay, altra tranquillissima baia che prende il nome dall’omonimo lussuoso resort che si affaccia sulla spiaggia, anche questa con acque incredibilmente trasparenti…

per oggi è già più che sufficiente, imbocchiamo finalmente la Fig Tree Road, incrociando più e più volte, ai lati della strada, bancarelle che vendono frutta, succhi ed altro…
ne approfittiamo per rifocillarci con qualche banana…

lungo la strada verso il resort (Matthews Road ed All Saints Road) si attraversa il cuore dell’isola, con l’alternanza degli sgargianti colori delle case, prevalentemente in legno e con tetti rivestiti di lamiera, e con le verande che durante il giorno offrono un po’ di refrigerio a chi le abita, mentre la sera il ciglio delle strettissime strade si trasforma nella “cucina di casa”, con il fumo prodotto dall’alternarsi di artigianali barbecue…

Dopo una giornata (il 4 aprile) in cui siamo stati inseguiti, in ogni spostamento, da una nuvola fantozziana (ne abbiamo approfittato per un salto a Betty’s Hope ed al Devils’s Bridge, entrambi simboli, per l’isola, sia delle fortune – per i proprietari terrieri – che delle sfortune – per gli schiavi (ma ne farò cenno in altra parte) il 5 ci prendiamo una clamorosa rivincita.

L’istinto ci porta a percorrere Valley Road, sempre nella direzione della costa occidentale dell’isola, ed all’altezza di Jennings puntiamo verso Hermitage Bay, una baia isolata, e stranamente poco “reclamizzata” dalle guide turistiche, che compare nella sua straripante bellezza al termine di uno sterrato, peraltro non troppo sconnesso, di circa 3-4 chilometri…

Hermitage bay
(clicca per ingrandire)

la sabbia è bianchissima quasi accecante…
le gradazioni di colore del cielo e del mare, dal bianco al turchese ed al blu intenso, sembrano opera di un abilissimo artista, che sembra divertirsi a stupirci, di minuto in minuto, con nuovi, ripetuti colpi di pennello…

abbiamo la percezione che sull’isola sia impossibile (almeno per i nostri gusti) poter trovare qualcosa di più stupefacente…

e sarà proprio così, senza nulla togliere alle altre meravigliose spiagge che avremo il privilegio di incontrare in questa vacanza…

torneremo lì l’ultimo giorno, quasi a volere sfidare il meraviglioso ricordo impresso nella nostra memoria…
ma non ci sarà partita, per noi è la spiaggia sul gradino più alto del podio…

sulla destra della spiaggia c’è un lussuosissimo omonimo resort, le cui unità abitative sono ben immerse, in modo sufficiente discreto, nella folta vegetazione…

la spiaggia, immensa, è praticamente deserta…
con l’inspiegabile (almeno per noi) prevalenza di ospiti a bordo piscina anziché sulla morbida sabbia di una meravigliosa piscina naturale…

lasciamo Hermitage, con un po’ di rammarico…

prendiamo All Saints Road poi Anchorage Road, attraversiamo Yorks e raggiungiamo Runaway beach

Runaway beach
(clicca per ingrandire)

una lunga spiaggia tranquilla che sicuramente avremmo maggiormente apprezzato se non avessimo passato qualche ora ad Hermitage Bay…

proseguiamo lungo la strada verso Dickynson Bay, e siamo attirati dal Mc Kinnons Salt Pond, un grande lago salato sul quale possiamo ammirare le evoluzioni di molti pellicani (che peraltro ho trovato particolarmente brutti…soprattutto rispetto agli aironi ammirati il giorno prima)…

arriviamo finalmente a Dickynson Bay, una delle spiagge più animate, con diversi locali che si affacciano sulla spiaggia, compreso il noto e vasto Sandals Resort.

la spiaggia è ancor più grande della Runaway, anche qui la sabbia è soffice ed il mare turchese, ma devo confessare che, indipendentemente dal raffronto con l’Hermitage, rispetto alla fama che l’accompagna, la percezione è stata di netta delusione…

Dickynson bay
(clicca per ingrandire)

intendiamoci: sempre “tanta roba” ma ho l’impressione che sia molto “spinta” per la vicinanza con la capitale St John’s, che la rende comoda meta per le migliaia di crocieristi che arrivano ogni giorno sull’isola…

al rientro, dopo una breve divagazione fino a Blue Waters,  passiamo inevitabilmente da Cedar Grove e, non molto distante dalla Chiesa in cui abbiamo partecipato alla Messa di Pasqua ci imbattiamo in un centro sportivo, all’aperto, nuovo di zecca (inaugurato il 24 marzo), una struttura utile sia per la pratica sportiva (c’è anche un bel campetto da basket) ma anche come luogo di socializzazione…
nei giorni successivi ci capiterà di passarci diverse volte, anche dopo il tramonto…
sempre ben illuminato e molto frequentato…
nei giorni successivi, ad ogni passaggio davanti al Cedar Grove Sports Complex, il mio pensiero andava, inevitabilmente ed affettuosamente, al Pianacci…

Cedar Grove Sports Complex
(clicca per ingrandire)

 

Galleria fotografica – Cedar Grove Sports Complex

 

Martedì 3, scendendo verso Cades Bay e Morris Bay, avevamo percorso la Valley Road, una lunga strada che si affaccia su diverse bellissime spiagge…
una di queste è Darkwood Beach, sulla quale venerdì 6 aprile abbiamo trascorso parecchie ore….

Darkwood beach
(clicca per ingrandire)

anche qui, ma ormai non è più una novità, una spiaggia dalla sabbia soffice, impalpabile, accecante, bagnata da un mare cristallino con diverse gradazioni dal turchese al blu.

Un chioschetto sulla spiaggia consente di affittare lettini ed ombrellone, oltre a poter gustare bibite, cocktail locali e pasti veloci.

Diciamo che pur non raggiungendo, a mio modesto avviso, il livello della Hermitage Bay di ieri, l’odierna Darkwood Beach se la gioca, ha comunque un suo perché…

poco prima del tramonto, tornando verso l’Ocean Point Resort, abbiamo “deviato” verso Deep Bay, una splendida baia, tranquilla, nella quale non è insolito incontrare tartarughe che depongono lì le loro uova.

Deep Beach è sul versante nord occidentale dell’isola, in una baia (appunto la Deep Bay) situata sulla penisola di Five Islands
E’ una striscia sabbia, particolarmente soffice, bagnata da entrambi i lati, affacciata sul mare e con alle spalle un lago salato naturale. 
La spiaggia è ricca di palme e vegetazione; non abbiamo potuto ammirare le sue acque turchesi perché, come dicevo, siamo arrivati lì in prossimità del tramonto, con il silenzio “rotto” solo dal dolce suono delle onde sulla sabbia…(vedi breve video di Susanna)

Ci torneremo, credo, domattina…

ed infatti il 7 aprile ci siamo tornati…
è sabato, è il giorno in cui il “fulcro” dell’isola è il mercato che settimanalmente anima le strade della capitale St John’s e che descriverò più avanti.

Deep bay
(clicca per ingrandire)

Da St John’s si raggiunge rapidamente la Five Islands Peninsula e puntiamo direttamente su Deep Bay e, rispetto alla sera precedente, la differenza è notevole…
la spiaggia è deserta ed assolata…
utilizziamo una palma (e la sua ombra) ed un pallet come occasionale “ombrellone” che comunque non sfruttiamo…
mentre Susanna si dedica alla ricerca di conchiglie, salgo per un breve tratto sulla collina che domina la baia.
In cima ci sono le rovine di Fort Barrington, ma mi fermo più o meno a metà: il colpo d’occhio è fantastico, con la visione dall’alto della dolcissima baia curva di Deep Bay e del vicino lago salato naturale… 

dopo un piacevolissimo bagno lasciamo Deep Bay e, percorrendo Grey’s Farm Main Road raggiungiamo rapidamente l’altra baia della Five Island Peninsula, Hawksbill Bay.
E’ una lunga baia sulla quale si affacciano quattro spiagge, e scegliamo di puntare su Hawksbill Beach, sulla quale si affaccia l’omonimo resort.

Hawksbill bay
(clicca per ingrandire)

La spiaggia è deserta, ma ormai questo “privilegio” non ci sorprende più…

Ci sorprende invece un’improvvisa (e quasi minacciosa) nuvolaglia che probabilmente non ci consente di apprezzare appieno questa spiaggia, non molto grande, dal fascino selvaggio con una rigogliosa vegetazione che si riflette nel mare cristallino.

Lasciamo Hawksbill beach e sull’omonima strada (Hawksbill Road) incrociamo un coloratissimo chiosco bar in legno; ne approfittiamo per un piacevole ristoro scambiando due chiacchiere (nei limiti della nostra conoscenza della lingua inglese…) con la simpatica coppia di gestori…
la tranquillità di Hawksbill Road viene violata dall’arrivo di capre e cavalli…e nel frattempo la nuvolaglia si è dissolta…

 

al bar in Hawksbill road
(clicca per ingrandire)

decidiamo di fiondarci su Valley Road e tornare a Jolly Harbour, la lunga striscia di sabbia che comprende anche Jolly beach, per farci un altro bagno ed attendere il tramonto…

una pessima idea…

non tanto per la spiaggia, anzi…quanto per il fatto che, nel momento in cui ci siamo rimessi in strada per tornare al resort, siamo stati bloccati dalla coda causata probabilmente da un incidente poco più avanti.
La polizia costringe tutti ad una deviazione verso l’interno, facendoci raggiungere Buckley’s percorrendo stradine interne ai limite della percorribilità, strette tra le casette dei piccoli villaggi rurali…si sono inoltre “dimenticati” di bloccare tutti gli accessi in senso opposto, non c’è spazio per due macchine…ed inevitabilmente tutto si blocca, mentre scende il buio…

scopriamo che l’auto noleggiata sul display ha anche una tv, con un solo canale…
cartoni animati in lingua inglese ed una puntata dei Jefferson’s ci faranno compagnia (si fa per dire) nelle due ore (di coda) necessarie per raggiungere il resort…

 

Il 9 aprile la nostra scelta cade su Ffryes beach, sarà la nostra ultima “esplorazione” delle spiagge della costa occidentale di Antigua, fatta salva l’ultima giornata, il 13 aprile, quella in cui torneremo ad Hermitage Bay, la nostra preferita…
Percorriamo l’ormai “solita” Valley Road ed oltrepassata la Valley Church seguiamo l’indicazione del Cocobay resort, che si affaccia sulla Little Ffryes Beach.

Little Fryes beach
(clicca per ingrandire)

ogni volta per me e Susanna è lo stesso stupore, alla vista di dolci gradazioni di turchese e blu, che sembrano essere pennellate direttamente sulla sabbia bianca dalla mano di un artista…

una spiaggia ad arco, deserta…
sembrerebbe, come tante altre, quasi una nostra esclusiva…
con le piante di coconoba che arrivano fino a pochi passi dall’acqua, ed offrono un naturale, dolce riparo dal sole cocente…
la “colonna sonora” offerta dalla dolce risacca ci tiene compagnia per un paio d’ore, in cui la tentazione di un bagno ristoratore trova soddisfazione di frequente…

ci accorgiamo poi di una stradina sulla nostra sinistra, e di una coppia che si addentra verso il promontorio che delimita la baia…

prevale la curiosità, andiamo a dare uno sguardo…

Ffryes beach
(clicca per ingrandire)

pochi passi, il tempo di “aggirare” il promontorio, e si presenta ai nostri occhi un’altra meraviglia, la Fryes Beach
in buona sostanza la “sorella maggiore” della spiaggia che ci aveva coccolati fin lì, più vasta, con due soli bagnanti…la coppia che avevamo visto passare pochi minuti prima…

anche qui cediamo volentieri alla tentazione di un incontro ravvicinato con queste acque turchesi…
sul promontorio il noto Dennis Cocktail Bar&Restaurant, tradizionale luogo in cui poter pranzare o sorseggiare cocktails al tramonto…ma per noi è già tempo di tornare al resort, con un motivo in più, anzi due, per apprezzare questa meravigliosa isola…

il cocktail al tramonto ce lo gusteremo l’ultimo giorno (o meglio, l’ultimo giorno di disponibilità della Toyota Vitz…).
il 12 aprile decidiamo infatti di tornare ad Hermitage Bay…
eravamo curiosi di vedere se, dopo aver ammirato diverse spiagge, fosse ancora meritevole del primo posto sul nostro podio…c’era anche il rischio di un minor impatto, dopo aver visto tanto ben di Dio, e conseguente delusione…
lo abbiamo corso, ed abbiam fatto bene…primo posto sul podio ampiamente confermato!!!

Nel pomeriggio ci spingiamo fino a Darkwood, che avevamo già apprezzato il 3 aprile.
Troviamo alcuni degli amici conosciuti all’Ocean Point.
Il tempo di un drink, un altro piacevolissimo bagno…e poi decidiamo di spostarci di poche centinaia di metri, per gustarci il tramonto al Rumbus Beach

RumBus beach
(clicca per ingrandire)

Arriviamo alle 17, manca più o meno un’ora e mezza al tramonto, ma non vogliamo farci mancare nulla…

il posto è molto carino anzi, decisamente figo… deve il nome ad un vecchio autobus rosso trasformato in bar, ed è strutturato con diversi gazebo in legno con due lettini, amaca…
crepi l’avarizia, ci pigliamo tutto…gazebo, lettini, amaca e due deliziosi rum punch…

il tramonto, pur apprezzabile, non è proprio il migliore della nostra vita, ne abbiamo visti di migliori…
ma l’atmosfera fa passare la “classifica” in secondo piano…è un bel momento, e ce lo gustiamo fino in fondo…

tramonto a RumBus beach
(clicca per ingrandire)

uscendo, Susanna va a curiosare (e filmare) all’interno della “coda” del bus…
c’è anche una variopinta “cameretta”…
chissà, saperlo prima…

 

Le spiagge della costa orientale e meridionale

 

 

Galleria fotografica – Spiagge est e sud

 

Sulla costa orientale dell’isola ci eravamo già diretti il 3 aprile, giorno in cui la nuvola fantozziana ci seguì tutto il giorno, costringendosi a trascurare le spiagge e “ripiegare” sulla visita a Betty’s Hope e Devil’s Bridge.
L’8 aprile però non è solo un trionfo del sole, è anche domenica…
la domenica a Shirley Heights, nella parte più a sud dell’isola, c’è la settimanale festa con musica (e, si dice, tramonto mozzafiato)  che richiama centinaia di turisti…
proviamo a “fare filotto”: spiagge orientali, poi, nel pomeriggio, spiaggia di Galleon e festa a Shirley Heights

percorriamo rapidamente l’isola prendendo la Factory Road, attraversiamo il Pares Village ed il simpatico villaggio di Willikies e poco dopo, superato il Verandah Resort, si arriva su questa enorme spiaggia di sabbia finissima, protetta da barriera corallina, con alcuni coloratissimi negozietti, bar e noleggiatori di attrezzature per sport acquatici.

Long bay
(clicca per ingrandire)

E’ Long Bay, una spiaggia notoriamente molto frequentata dagli antiguani, anche perché è molto indicata per i bambini.
Ed infatti, arriveranno, in pochi minuti, una ventina di bambini, trasportati fin lì da due “viaggi” a bordo di un cassone di un camion, con l’attrezzatura per il picnic domenicale.

La spiaggia è molto ampia, e non sono di certo una ventina di bambini a farla sembrare affollata…
Come tutti i bambini del mondo si mettono a giocare con un pallone, in modo simpaticamente disordinato…il contesto è fantastico…una spiaggia soffice e bianca dolcemente bagnata da un mare dalle tonalità turchesi e blu che continuano, ogni giorno, a sorprenderci…

ma per loro, i bambini, è più importante inseguire il pallone, magari loro sognano un campo in erba sintetica, come quello che hanno a disposizione, ogni giorno, gratis, i bambini del Cep al Pianacci…

Long bay
(clicca per ingrandire)

e mi vien da pensare che i bambini del Cep se lo possono solo sognare di poter giocare su un “campetto” come quello della spiaggia di Long Bay…

in modo diverso, entrambi possono considerarsi fortunati, ma non lo sanno…e forse è giusto così…

 

all’inizio del pomeriggio raggiungiamo English Harbour, nel sud dell’isola, con la collina di Shirley Heights che sovrasta il porto, molto apprezzato dai turisti che lo affollano con barche e lussuosi yacht ed alcune baie, e le baie di Pigeon e di Galleon.
C’è tanta storia, qui; in questo porto, dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, c’era un’importante base della Marina Militare Britannica e non a caso qui c’è il più importante monumento storico dell’isola, il Nelson’s Dockyard, che racchiude tante testimonianze della storia di Antigua, compreso un telescopio usato dal capitano Nelson…
il biglietto d’ingresso comprende anche il biglietto per accedere alla festa del tramonto a Shirley Heights…ma non abbiamo voglia di musei, scegliamo la spiaggia di Galleon Beach, ed ancora una volta il nostro intuito sarà premiato…
la spiaggia, semi deserta con diverse imbarcazioni in rada, è contornata da diverse palme e da ricca vegetazione, che si riflette in un mare cristallino che invita allo snorkeling…

Galleon beach
(clicca per ingrandire)

Susanna per l’ennesima volta, mostrandomi pinne e maschera, prova a vincere la mia pigrizia…
e stavolta ci riesce, il mare è proprio invitante…
ed il caso vuole che sia proprio io, dopo un’abbondante nuotata all’inseguimento non solo dei pesci ma anche di Susanna…dicevo, il caso vuole che sia proprio a notare, proprio in mezzo alla baia, un gruppo di tartarughe marine, che si lasciano ammirare senza troppi problemi mentre “pranzano”, a due tre metri di profondità, in questo paradiso…
ho immediatamente richiamato l’attenzione di Susanna, che non ha resistito…
si è attaccata dolcemente al guscio della tartaruga più grande, che era ad una profondità di circa tre metri facendosi trascinare per un breve tratto…

Le abbiamo seguite per una quindicina di minuti, un’esperienza dolcemente elettrizzante…

la giornata si completa con la festa sulla vicina collina di Shirley Heights che domina English Harbour.
Da oltre 30 anni la domenica pomeriggio si tiene una sorta di grande sagra paesana con la cucina (barbecue) di prodotti locali e l’accompagnamento musicale della Halcyon Steel Orchestra, una formazione che esegue famosi brani pop che sembrerebbero eseguiti da un’orchestra completa e che invece fa affidamento sulle sole percussioni.

L’effetto, sotto il profilo musicale, è sorprendente.

Alle 19, dopo lo spettacolare tramonto, la steel band lascia il posto ad una formazione reggae, che accompagna lo scorrere del punch al rum…

Il 9 aprile 2018 si è esibita la Halcyon Steel Orchestra.
In questo video una clip della celeberrima “Imagine” di John Lennon

 

 

Galleria fotografica – Domenica in festa a Shirley Heights

 

il 10 aprile ci siamo recati nuovamente a sud, ad English Harbour, stessa zona in cui due giorni prima, a Galleon Beach, avevamo “incontrato” una famiglia di tartarughe.

il selfie con lo chef Fabio Anglani
(clicca per ingrandire)

Arrivati a Pigeon Bay, facciamo un salto al South Point Restaurant per salutare Fabio Anglani, apprezzatissimo chef ed ex giocatore di rugby allenato dal nostro amico lecchese Vinicio Pellegrino.
Il South Point è un raffinatissimo locale in cui la qualità della cucina si accompagna al raffinato design, personalmente curato dal proprietario.

Pigeon Bay è’ una baia molto frequentata da imponenti barche a vela, catamarani, tutte imbarcazioni che qui possono trovare ogni supporto alle loro esigenze, e la struttura del ristorante consente alle barche di attraccare direttamente…

La spiaggia presenta una caratteristica particolare: una fitta presenza di palme ed altre piante che arrivano fino a tre/quattro metri dall’acqua, uno scenario inconsueto rispetto alle grandi distese di sabbia bianca della maggior parte delle altre spiagge antiguane.

Gli alberi forniscono, in modo naturale, ampie zone d’ombra, e ne ho approfittato per una piacevole pennichella…

Pigeon beach
(clicca per ingrandire)

sotto una palma, accompagnato da un’unica, dolce musica…quella delle onde di un mare sempre trasparente…

mi piace pensare che Otis Redding abbia scritto, oltre 50 anni fa, la celeberrima “(Sittin’ on) the Dock of the bay” ispirato da un contesto simile…

I’m just gon’ sit at the dock of a bay
Watchin’ the tide roll away, ooh

Mi siederò sulla banchina della baia
A guardare la marea andarsene

cricket sulla Paynters Main Road
(clicca per ingrandire)

Al ritorno, attraversando in buona sostanza tutta l’isola, ci addentriamo nella zona di Piggotts; capitiamo sulla Paynters Main Road, un lungo rettilineo che termina al fianco di un grandissimo prato, al cui interno è disegnato un campo da calcio e, ai confini con uno sterrato, una base di allenamento di cricket. Ci fermiamo ad assistere ad alcuni lanci di allenamento, e la mia Canon riemerge dalla borsa…

Galleria fotografica – Cricket a Paynters Main Road

 

 

 

Dopo due tentativi andati a vuoto (entrambi per nuvoloni indesiderati) l’11 aprile siamo finalmente riusciti a vedere la famosa Half Moon Beach, la spiaggia dalla forma a mezza luna, una delle più decantate spiagge di Antigua.

Half Moon beach
(clicca per ingrandire)

E’ una delle spiagge oceaniche (parte orientale dell’isola), una baia molto selvaggia.
Devo confessare che pur esibendo un ottimo “colpo d’occhio”, non l’ho trovata all’altezza di Hermitage Bay (il mio gradino più alto del podio) e di alte spiagge meno reclamizzate, questione di gusti personali.

Il sole era cocente ed è occorsa tutta l’inventiva di Susanna per “costruire” uno scampolo di provvidenziale “parasole”…

 

Ormai manca veramente poco alla fine della vacanza…
sarebbe stato un peccato rovinare il finale con una bruciatura…

 

(clicca per ingrandire)

 

Io, Susanna, e i pennuti ad Antigua

 

Galleria fotografica – Aironi, Pellicani … ed altri animali

 

Chi ci conosce lo sa…Susanna, quando vede un gabbiano, non resiste: lo fotografa! fosse anche un puntino nell’immensità del cielo…
Ad Antigua però quando la donna che fotografa i gabbiani incontra l’uomo che fotografa pellicani ed aironi, la donna che fotografa i gabbiani è una “donna morta”…(cit.: “Per qualche volatile in più”…- Antigua, 2018)

e se ai Caraibi non ci si sorprende di vedere aironi e pellicani beh, sicuramente per mia ignoranza, non avrei pensato di trovare, in un’isola caraibica così piccola, scenari (con bovini) più familiari alle montagne valtellinesi… e con il rammarico di non essere riuscito a fotografare la velocissima mangusta…

gli aironi a Potworks Dam
(clicca per ingrandire)
Pellicani a Mc Kinnons Salt Pond
(clicca per ingrandire)

c’è infine un animale che ci ha accompagnati per tutta la vacanza…
all’imbrunire (cioè attorno alle 18.30) la quiete viene violata da un canto che sembrerebbe provenire da una miriade di volatili…
in realtà si tratta di una specie particolare di ranocchi, molto piccoli, nascosti nella folta vegetazione, che, quasi fossero dotati di un precisissimo microprocessore crepuscolare, non appena il sole si nasconde partono in contemporanea con un “canto” che andrà a formare la melodia notturna fino all’alba…
pur non essendo un pennuto, Susanna è partita immediatamente alla caccia di questo microscopico anfibio, ed è riuscita non solo a fotografarne uno ma anche a filmarlo, cogliendo l’attimo del movimento “a mantice” che genera questo singolare “canto”…

 

 

Antigua…per me e Susanna una Pasqua “speciale”…

 

Galleria fotografica – Per me e Susanna una Pasqua speciale

 

All’Ocean Point Resort di Antigua io e Susanna siamo arrivati nel tardo pomeriggio del 31 marzo, dopo un viaggio (con scalo a Santo Domingo) durato 13 ore, con l’aggiunta della levataccia (2.45 del mattino) per raggiungere Malpensa da Genova.

Il 1 aprile ci svegliamo prestissimo, il fuso orario (6 ore di differenza) non lascia scampo…

alba all’Ocean Point
(clicca per ingrandire)

ne approfittiamo per fotografare l’alba poi, dopo colazione, assieme ad altri 4/5 ospiti del resort (e con la guida di Eleonora, membro-sanremese-dello staff Eden) decidiamo di raggiungere a piedi la chiesa, non molto distante (circa 800 metri), per assistere alla Santa Messa pasquale.

Io e Susanna eravamo molto incuriositi; avevamo letto che le funzioni religiose ad Antigua, pur non attingendo alla vera e propria tradizione gospel, erano comunque molto particolari, caratterizzate da un’atmosfera festosa e con i vivacissimi colori dell’elegante abbigliamento dei fedeli, anche dei più piccoli.

La Gracefield Moravian Church
(clicca per ingrandire)

Ne abbiamo avuta subito conferma…
il tempo di arrivare (in leggero ritardo) ed abbiamo subito vissuto un modo di pregare molto coinvolgente ed emozionante: un canto molto allegro accompagnato da abbracci molto calorosi, e non formali, tra i fedeli, che non hanno avuto alcuna difficoltà a coinvolgere anche noi, in modo molto spontaneo…

Protagonisti assoluti della funzione religiosa i più giovani…
una batteria Rebel suonata da un giovanissimo batterista (molto applaudito) , con l’emozionata ed orgogliosa mamma, elegantissima, che ha ripreso con lo smartphone ogni secondo…

poi un gruppo di giovani percussionisti, che hanno utilizzato come strumenti dei bidoni capovolti sormontati da un coperchio concavo…

i giovani percussionisti
(clicca per ingrandire)

un insieme molto curioso, piacevole e molto coinvolgente, cui è seguito un alternarsi di soliste e coriste di ogni età…

con il simpatico “siparietto” di un vivacissimo bambino, che ha cercato di usare le percussioni nel momento in cui stava cantando sua mamma (una dolcissima voce solista) accompagnata dal papà alla batteria…

evidentemente non voleva sentirsi escluso dalla festa…

posso suonare anch’io?
(clicca per ingrandire)

al termine l’eucarestia, anche questa (almeno per noi) molto singolare…

il sacerdote è sceso tra i banchi della piccola chiesa due volte, la prima per distribuire il pane (non l’ostia, proprio “pane”, a piccoli bocconi) e la seconda per distribuire minuscoli bicchieri di vino…
in entrambi i casi i fedeli hanno atteso che il sacerdote terminasse la distribuzione e tornasse sull’altare, per potersi poi comunicare tutti quanti insieme…

alla comunione dei fedeli locali ci siamo aggiunti anche io e Susanna…

quando ci siamo sposati, 30 anni fa, non ci era stato possibile in quanto io mi ero già sposato una prima volta, alcuni anni prima, e la condizione di divorziato era già un impedimento più che sufficiente…
successivamente, in altra occasione, qualche anno fa, a Susanna era stata nuovamente negata questa possibilità, e ribadita l’inderogabile esistenza di questo impedimento…

in questa occasione ci è bastato uno sguardo, ed abbiamo deciso, in modo unilaterale, che fosse giunto il momento di concederci da soli una “deroga”…
un modo sicuramente “non corretto” per la nostra religione, ma altrettanto sicuramente privo del benché minimo elemento di “voglia di trasgressione”…
abbiamo solo colto una singolare ma sentita opportunità per colmare “un vuoto”, a trent’anni di distanza…

forse anche noi, come quel bambino, non volevamo sentirci, neanche per un momento, esclusi dalla festa…

sì, è stata proprio una buona Pasqua…

 

Il mercato di St John’s ed il “Bellavista” di Antonio Fusco

 

Galleria fotografica – Il mercato di St John’s

 

 

Il mercato a St John’s
(clicca per ingrandire)

St John’s è la capitale dell’isola di Antigua, ed ovviamente è anche il principale centro economico dell’isola.
La grossa parte delle attività è racchiusa nelle vie del centro, molto compatto, in cui si possono trovare tutti i tipi di negozi, banche, ristoranti eccetera.
Il venerdì ed il sabato mattina la cittadina (un “pochino” trasandata) si anima per via del tradizionale mercato, il Public Market, vivacemente colorato,  che richiama nel centro città turisti e locali. Vi si trova di tutto, dai prodotti esotici locali a quelli più comuni.
Dalle vie del centro si raggiunge facilmente  la Redcliffe Quay, una sorta di “porto franco”, con negozi anche eleganti.
E’ a ridosso della zona di attracco delle navi da crociera, giusto per “acchiappare” la maggior parte dei 10mila turisti che ogni giorno, nella stagione migliore, sbarcano sull’isola. E non a caso gli orari dei negozi sono condizionati dagli orari di ripartenza delle navi da crociera…dopo le 17 ed alla domenica, infatti, i negozi di St John’s sono chiusi…

St John’s, il mercato del pesce
(clicca per ingrandire)

Nei pressi del Public Market c’è anche il chiassoso mercato del pesce; per raggiungerlo è sufficiente seguire l’olfatto…i venditori sono disponibili anche a “sfilettare” il pesce acquistato.

In Redcliff Quay, alla ricerca degli immancabili “magneti” e simili, ci imbattiamo in un negozio delizioso con un proprietario simpaticissimo…è l’82enne Antonio Fusco, di Napoli (anzi, lui tiene a precisare: del Vomero!)

Susanna ed Antonio Fusco
(clicca per ingrandire)

che si è trasferito ad Antigua all’età di 60 anni, lasciando in Italia sia la famiglia (che ha provveduto a sistemare) che lo stress dell’attività sempre più minata da tasse e problemi burocratici .

Ha aperto il “Bellavista Craft Gifts”, ha una compagna di 40anni più giovane, e lui i suoi 82 anni li porta decisamente bene… 

 

 

Betty’s Hope ed il Devil’s Bridge, il “ponte del diavolo”…

 

Betty’s Hope
(clicca per ingrandire)

Il 5 aprile, postando un po’ di foto da Antigua, avevo fatto cenno al giorno precedente, quello in cui eravamo stati “inseguiti” da una nuvola fantozziana…
nel tentativo di aggirarla avevamo fatto un salto a Devil’s Bridge, un luogo particolare nella storia di Antigua, che mi ero poi dimenticato di illustrare…

Nella prima metà del 1600, Antigua venne colonizzata dai britannici, che iniziarono a coltivare tabacco, sul lato orientale dell’isola, nella zona di Parham Town.
Il mercato, successivamente, crollò, anche a causa di produzione eccessiva.

Nella seconda metà dello stesso secolo Sir Codrington introdusse la coltivazione della canna da zucchero, e tutta l’economia si basò su questa produzione; lo sviluppo della produzione passò attraverso l’importazione dall’Africa di un numero considerevole di schiavi, il centro dell’isola fu diboscato per incrementare il numero di piantagioni.

Betty’s Hope
(clicca per ingrandire)

La prima piantagione di canna da zucchero, e relativa azienda agricola, fu quella aperta da Sir Codrington, con il “supporto” di centinaia di schiavi africani e con il nome di Betty’s Hope (come sua figlia) in una zona non molto distante dell’attuale villaggio di Pares, le cui testimonianze sono ora visitabili nello stesso luogo, nell’omonimo Museo (composto da due mulini ed un ex magazzino in cui sono conservati reperti originali della storia della piantagione).

Ci si domanderà: “Che c’entra il Devil’s Bridge”?.
Devil’s Bridge (il ponte del diavolo) è ubicato sulla costa orientale dell’isola, ad Indian Town, non molto distante dalla stupenda Long Bay, nel mezzo di una lunga scogliera contro la quale va ad infrangersi la furia delle acque oceaniche che lì, nei millenni hanno scavato questo ponte.

Devil’s Bridge
(clicca per ingrandire)

Si narra che molti schiavi, esasperati dalle loro condizioni di vita, fossero riusciti ad organizzarsi ed a fuggire da Betty’s Hope, ovviamente a piedi
arrivati, stremati, sulla scogliera di Indian Town si resero conto di essere su un’isola, e di non aver alcuna possibilità di fuga.

E piuttosto che tornare alla “vita da schiavi” preferirono suicidarsi, buttandosi, dal Devil’s Bridge, nelle acque che non avrebbero dato nessuna possibilità di sopravvivenza.

 

 

Le curiose case colorate…

 

Galleria fotografica – Le case colorate di Antigua

 

fin dal primo momento mi hanno incuriosito…
ne ho fotografate un sacco, ma ne avrei fotografate il doppio, il triplo, il quadruplo, se ci fossimo fermati più a lungo…
sto parlando delle case di Antigua

sono in gran parte in legno, poggiate su quattro blocchetti di cemento, con il tetto spesso in lamiera, tutte con una veranda, spesso unica soluzione per non schiattare dal caldo al loro interno durante il giorno…

(clicca per ingrandire)

coloratissime quelle nuove, dai colori sbiaditi quelle più vecchie o meno curate…

un’esplosione dai colori pastello, nelle tonalità dal fucsia al giallo al verde al turchese che non caratterizza solo i villaggi interni ma anche la capitale St John’s, benché questa presenti anche una buona percentuale di case in muratura, così come i villaggi più “residenziali” e moderni…

numerosissime anche le chiese, gli antiguani sono molto credenti, con un incredibile mix  (in così pochi chilometri quadrati) di religioni professate. Ed anche le chiese, molto curate, contribuiscono ad arricchire questa tavolozza di variegati colori.

Se capita di passare all’interno di uno dei tanti villaggi la sera, all’imbrunire, non è infrequente vedere il ciglio della strada, spesso confinante con le verande delle case, trasformato in una succursale della cucina, con improvvisati, gioiosi barbecue all’aperto…

(clicca per ingrandire)

 

con un’ulteriore particolarità: molte case, anche quelle meno curate, sfoggiano nei cortili automobili di tutto rispetto, di produzione giapponese…
pare che questo sia dovuto al fatto che i governi antiguani abbiano favorito joint venture con le case automobilistiche giapponesi, con una certa facilità di concessioni di mutui per l’acquisto di automobili, una facilità che invece non si riscontra per l’acquisto di una casa…

 

 

(clicca per ingrandire)

 

ed anche le strade hanno “stimolato” frequentemente la mia fotocamera Canon…
camion che sembrano usciti dal film “Duel”…
strade strettissime che, in assenza di aree apposite, vengono  ulteriormente ridotte dalle auto parcheggiate così come viene, anche contromano…
costringendo gli automobilisti a continui rallentamenti ed arditi “slalom”… 

 

Galleria fotografica – Immagini dalla strada

 

 

(clicca per ingrandire)

 

e non sono passati inosservati i i numerosi cartelli che evidenziano indiscutibilmente un problema legato alla dispersione scolastica

“Per insegnare loro, dobbiamo raggiungerli. Per favore genitori, mandate i vostri figli a scuola.
Antigua, la formazione scolastica è la chiave”

 

 

 

ovviamente non mi hanno incuriosito solo le case e le strade…
avrei voluto avere più tempo per fotografare altri soggetti “colorati e curiosi”…

bambini stupendi…

 

Galleria fotografica – Bambini

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

 

 

adulti bizzarri…

 

Galleria fotografica – Persone

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

 

 

con la netta impressione, fotografando gli adulti,  che non sempre le fotocamere fossero gradite…
una ragione in più per provare a “catturarli” discretamente…

diverse immagini hanno richiesto rapidi “stop and go” durante la guida, altre sono state scattate “al volo”, da Susanna, ovviamente con mia supervisione…🤔 

ma sarebbe occorso più tempo…

 

infine, uno sguardo al resort ed allo staff

 

Galleria fotografica – Resort, staff, ospiti


 

Ocean Point Antigua
(foto Eden Viaggi)

Il nostro punto base ad Antigua, su prezioso consiglio dell’amica Fulvia Ottonello dell’agenzia Elvy Tours-Innovenia di Genova, è stato l’Ocean Point, una struttura gestita da Eden Viaggi, nella quale ci siamo trovati benissimo.

E’ situato ad Hodges Bay, sul lato oceanico di Antigua, vicino all’aeroporto ed a St John’s, capitale dell’isola.
Le due spiagge del resort, ben curate, non  sono le tipiche spiagge caraibiche, ma da Hodges Bay si possono raggiungere in breve tutte le meraviglie che la natura ha voluto regalare a quest’isola.

La struttura è ben tenuta, le camere (nel nostro caso “ocean view”) molto curate con cambi quotidiani; gli ampi spazi esterni consentono, per chi la gradisce, la possibilità di assoluta tranquillità, garantita anche dalla capacità del brillante team animazione (Tomaso, Matteo, Eleonora e Giada) di essere sempre effervescenti ma mai invadenti.

Tomaso Giada Eleonora Nina e (sotto) Matteo
(clicca per ingrandire)

E comunque in grado di offrire, sia durante la giornata che la sera nel dopocena, possibilità di divertimento pur non potendo disporre di particolari attrezzature. Veramente lodevoli.

Nelle numerose, precedenti vacanze, io e mia moglie non abbiamo mai dato molto peso alla qualità della cucina, visto che nelle località turistiche non mancano ristoranti pronti a sopperire ad eventuali carenze della struttura ospitante, come di frequente accade nelle formule all inclusive.
Nel caso dell’Ocean Point non è stato necessario, anzi…

Lo chef Nino Figus e Marco
(clicca per ingrandire)

il livello della cucina diretta dallo chef Antonio “Nino” Figus, con l’assistenza di Marco, si è aggiunto come piacevole punto di forza, sia per la varietà che per la qualità (compresa quella dei vini). 

Una qualità suggellata anche dalla presenza quotidiana, al ristorante, di clientela “esterna”, con l’aggiunta di un’assistenza ai tavoli rapida e precisa (con l’effervescente e simpatica Giusy, di origine sarda come lo chef).
Ben curato anche il servizio bar, diretto da Valerio.

 

 

 

Stefania Villanova
(clicca per ingrandire)

Impeccabile l’assistenza Eden offerta da Stefania Villanova e dalla sua assistente Nina; in occasione di un piccolo problema (non di loro esclusiva pertinenza) abbiamo potuto verificarne la professionalità ed efficienza.

Non abbiamo usufruito delle varie escursioni proposte dall’organizzazione (c’è solo l’imbarazzo della scelta) perché io e Susanna, per nostra scelta (ed anche per la nostra innata pigrizia, in vacanza, al rispetto degli orari, indispensabile peraltro per qualunque organizzazione collettiva) abbiamo optato, come già detto, per il noleggio di un’auto, con la quale abbiamo attraversato in lungo ed in largo l’isola, uscendo in tarda mattinata e rientrando per la cena.

Con il dispiacere, dovuto al fatto che se ne fosse andato un altro giorno di vacanza, mitigato dalle prelibatezze che ci avrebbero accolti a cena…

 

 

 

 

Nella galleria con altre foto del resort e dello staff ci saranno anche alcune foto di altri ospiti dell’Ocean Point, con i quali abbiamo trascorso serate piacevoli sia grazie all’animazione che alle due serate musicali con un gruppo niente male e con una vera e propria trascinatrice, la cantante Tamah, dotata di qualità vocali di assoluto livello.

 

(clicca per ingrandire)

 Insomma, forse si è capito: Ocean Point ed Antigua sono state, per noi, un’accoppiata da consigliare…

 

(clicca per ingrandire)

Questo è l’ultimo selfie che ci siamo fatti io e Susanna, prima di recarci all’aeroporto VC Bird di St John’s, Antigua…

Certo, qualcuno potrà pensare:
” Belin, che faccia fai..ok, stai tornando a Genova e sarai pure triste…ma hai fatto 15 giorni di vacanza ad Antigua…”…
Ok, è vero, ma io lì sapevo già cosa mi sarebbe capitato nelle successive 24 ore…

– 9 ore di volo più o meno senza dormire (con 150 euro di maggiorazione per peso bagagli in esubero di 8 chili…)…
– due ore di macchina da Malpensa a Genova, forzandomi a dimenticare la guida a destra (sulla corsia di sinistra) cui mi ero ormai abituato…(ed infatti uscendo dal park anziché mettere la freccia ho azionato il tergicristalli…) 
– sei ore di fuso orario da ripristinare
– pranzo non cucinato dallo chef (super!!!) dell’Ocean Point Resort…
– oltre 3000 foto antiguane da visionare, selezionare, archiviare…
– visione di Milan-Napoli, con il Milan che continua a non vincere…
– visione di Juve-Samp, con la Samp che non ce la fa…
– visione di Cantù-Milano, con Cantù che spreca e perde…
– quattro ore di lavoro già dedicate al Pianacci (sabato c’è l’assemblea annuale…)

Ecco, non avreste anche voi la faccia triste???

Quasi quasi rimpiango la sigla cantata e ballata da Giada, Eleonora, Matteo, Tomaso…

 

 

 

 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield