a proposito di Achille Lauro…

a proposito di Achille Lauro…

 

 

Me ne frego è un inno alla libertà di essere ciò che ci si sente di essere.

 

attorno al Festival di Sanremo 2020 si sono scatenate molte polemiche…

dapprima l’annunciata presenza di Rula Jebreal, il cui intervento di grande impatto emotivo, con la denuncia delle troppe violenze perpetrate ai danni delle donne, viene bollato come presenza “politica”…
poi la presenza di Junior Cally, “reo” di aver interpretato anni fa in un videoclip musicale un ruolo (ed il conseguente linguaggio) truce, ma attuale, attribuendogli una sorta di folle equivalenza “interpreto=sono”…
poi la conferenza stampa con la croce buttata addosso al povero Amadeus, che aveva semplicemente detto, magari in forma non propriamente felice, quello che pensavano tutti, cioè che Francesca Sofia Novello, fidanzata di Valentino Rossi, aveva il pregio (a differenza di altre) di aver costruito la sua carriera senza utilizzare il cono di luce del suo popolarissimo fidanzato…

Polemiche spesso innescate per motivi strumentali, di ricerca di facile consenso, che hanno trovato facile esca nell’ormai quasi irrimediabile usanza, soprattutto sui social, di fermarsi alla superficie, senza approfondire neanche minimamente quanto buttato in pasto a chi non vede l’ora di partecipare al barbaro rito di fustigazione mediatica collettiva…

E’ stato così anche per Achille Lauro, che ha utilizzato il grande palcoscenico mediatico del Festival di Sanremo per andare oltre la semplice partecipazione alla gara musicale…
ha trasformato le sue quattro serate in altrettante occasioni per stupire, provocare, con travestimenti che sono in realtà riferimenti, non banali, sia letterari che musicali.

Il grande pubblico della kermesse sanremese, in gran parte non conosce nulla di Achille Lauro, a differenza di chi, presumibilmente più giovane, ha invece avuto occasione di seguirlo sui social…

gli spettatori vedono un uomo che quasi si spoglia sul palco, che non canta secondo i canoni più tradizionali, ed inizia la “fustigazione mediatica”, con riferimenti al suo incerto orientamento sessuale, alla sua mancanza di originalità…

lo si accusa di voler copiare i vari Renato Zero, David Bowie e così via (dei quali invece prende semplicemente come modello la potenza iconografica), senza esibire un solo milionesimo del loro talento musicale…

come se il travestimento fosse una precisa scelta per coprire le incertezze vocali…

lo insultano anche coloro che asseriscono di non seguirlo, di non seguire il Festival di Sanremo e di non aver visto la sua performance…

viene messo alla gogna a prescindere, senza fare il minimo sforzo di andare oltre l’apparenza, di cercare, se c’è, un significato preciso che lo porta a scegliere quel “travestimento” e non un altro…

non si ha mai voglia di approfondire, ma non manca mai la voglia di dare all’untore seguendo l’onda dell’onta mediatica…

eppure…

eppure sarebbe bastato informarsi, anche solo un po’, ed anche gli spettatori più tradizionalisti avrebbero potuto apprezzare, o almeno provare a giudicare con cognizione di causa, il profondo spessore delle sue performances, che ne fanno oggi, a mio modesto avviso, un artista totale, il più interessante personaggio del nostro mondo dello spettacolo.

Da qui in poi, con l’aiuto di quanto trovato sul web, proverò, per chi vorrà leggermi, a fornire gli elementi che possono consentire di “leggere” meglio il significato delle sue quattro serate sanremesi, tutte improntate ad un grande, unico tema: la libertà in diverse sue declinazioni…

Prima serata

(clicca per ingrandire)

 

Nel momento in cui Amadeus lo annuncia, sul profilo Instagram di Achille Lauro viene postato un commento con riferimento a Giotto, al suo ciclo di affreschi sulla storia di San Francesco nella Basilica superiore di Assisi.

 

 

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

 

Achille Lauro scende le scale del palco dell’Ariston con indosso una mantella nera, ricamata d’oro.

Il suo sguardo è basso davanti al microfono, inizia a cantare e dopo pochi secondi si sfila la mantella e resta scalzo, con indosso una tutina aderente ornata di strass.

 

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

E’ lo stesso Achille Lauro, su Instagram, a spiegare la fonte d’ispirazione.
“San Francesco. La celebre scena attribuita a Giotto in una delle storie di San Francesco della basilica superiore di Assisi. Il momento più rivoluzionario della sua storia in cui il Santo si è spogliato dei propri abiti e di ogni bene materiale per votare la sua vita alla religione e alla solidarietà”.
In una manifestazione di lustrini, super cachet per vip e briciole per gli artisti minori il momento rivoluzionario potrebbe essere davvero rappresentato da un’inversione totale dei costumi e del modo di pensare: rifiutare la ricchezza materiale e votare la propria vita a qualcosa di superiore, alla fede e alla solidarietà.”

Seconda serata

È la serata riservata ai duetti ed alle cover, ed Achille Lauro (con Annalisa) sceglie “Gli uomini non cambiano”, grande successo di Mia Martini.

Lauro smette i panni di San Francesco ed indossa quelli di Bowie nella sua storica incarnazione (1972) del personaggio di Ziggy Stardust (unanimemente considerato un capolavoro).

Ziggy l’alieno, alter ego di Bowie era sceso sulla terra per portare un messaggio di pace, di speranza.
Ziggy viene da lontano, è un pansessuale che non cede né al machismo né al femminismo forsennato. Il suo unico compito è salvare.

(clicca per ingrandire)

 

 

 

“Anima ribelle, simbolo di assoluta libertà artistica espressiva e sessuale e di una mascolinità non tossica”, spiega lo stesso Lauro su Instagram.

 

 

 

 

 

Lui però va oltre, in una performance che, a mio modesto avviso, nelle sue quattro serate, è in assoluto la più ricca di significati, che si possono cogliere meglio rivedendo il video, postato qui sotto.

Il trucco e l’abbigliamento di Lauro rimandano a quell’alieno, ma non c’è la tuta spaziale.

Il testo del brano esprime sofferenza, dolore, malessere di una persona (la stessa Bertè) che aveva bisogno di essere compresa, di essere accettata per quel che era e che dovette invece subire la cattiveria e le calunnie di uomini insensibili.

Achille Lauro, nel suo libro “Amleto”, esprime la sua allergia ai modi maschili ignoranti con i quali è cresciuto.

“Voglio essere mortalmente contagiato dalla femminilità, che per me significa delicatezza, eleganza, candore”
e quindi canta il brano di Mia Martini “al femminile”, perché “gli uomini non cambiano” forse perché non hanno coraggio, forse per una necessità di esprimere, comunque, il loro “essere maschi”…

e lui invece cambia, assumendo le sembianze che tutti sotto sotto si auguravano prendesse, attendendolo al varco…
e li sorprende tutti, facendo “un passo indietro” rispetto ad Annalisa e facendosi dirigere da lei…

(clicca per ingrandire)

 

 

sul palco una sedia li separa e li divide, e lui non supera quel confine, almeno fino al momento in cui è la stessa Annalisa ad alzarsi dalla sedia…

 

dovrebbe essere lui il protagonista, ed invece rimane sullo sfondo, anche sfocato…

 

 

 

(clicca per ingrandire)
foto da repubblica.it

 

 

a fine brano Achille raggiunge Annalisa, le prende la mano e gliela alza…

 

un gesto che riesce a racchiudere in sé un significato profondo e più immediato di quello che potrebbe avere un articolato monologo…

 

 

 

 

Terza serata

Nella sua terza serata, Achille Lauro indossa i panni della Marchesa Luisa Casati Stampa, collezionista d’arte, protagonista della Belle Epoque, ispiratrice di grandi artisti come Marinetti, Balla e Man Ray.

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

Scrive Lauro su Instagram:
“Grande mecenate, performer prima della performing art e opera d’arte vivente”.

 

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

La Belle Epoque caratterizzò, attraverso arte, sfarzo e sregolatezza, un breve periodo all’inizio del Novecento.

Ricca di famiglia, poi nobile appena maggiorenne grazie al matrimonio con il Conte Casati Stampa, lasciò il tetto coniugale per inseguire il suo sogno, diventare un’opera d’arte vivente con il suo corpo ed il suo modo di vivere.

Look eccentrico, con gli occhi truccatissimi di nero e con le pupille dilatate dall’uso della belladonna (occhi che furono ritratti da Man Ray), capelli verdi o arancioni, viso bianchissimo e labbra color fuoco.

Icona di genio e sregolatezza, ha dilapidato un patrimonio per inseguire i suoi sogni e le sue ossessioni, amata da artisti che non si fecero sfuggire l’occasione di sfruttarla e contribuire a costruire un mito, rispolverato in occasione di una memorabile sfilata primavera/estate 1998, in cui (per Christian Dior) lo stilista John Galliano si ispirò, per l’intera collezione, proprio agli abiti della Marchesa ed ai suoi ritratti.

Proprio in virtù della sua influenza nel mondo del fashion e dell’Haute Couture, nel 2014 le è stata dedicata una mostra a Venezia (Palazzo Fortuny), un omaggio alla sua ricerca di modernità…

Luisa Casati Stampa
-foto da Vogue.it)
(clicca per ingrandire)-

 

Serata finale

(clicca per ingrandire)

 

Circa un’ora prima dell’inizio della finale di Sanremo 2020, Achille Lauro firma un enigmatico post sui social:

 

«Questa notte morirò per il mio popolo in nome della libertà per tutti».

 

Molti pensano che possa veramente succedere quello che si vocifera da tempo, che si possa presentare sul palco vestito da Gesù Cristo, un carburante perfetto per alimentare scandalo ed accuse di blasfemia…

 

 

Invece ecco un’altra sorpresa: si presenta nei panni della regina Elisabetta Tudor, figlia di Enrico VIII e Anna Bolena, con tanto di gorgiera, veste di chiffon rosa trasparente e volto imperlinato, con l’aggiunta di parrucca che ricorda l’acconciatura dell’epoca.

 

(clicca per ingrandire)

La regina Elisabetta I visse a cavallo tra il 1500 e il 1600; donna forte e coraggiosa, dovette affrontare, nel corso del suo lungo regno (45 anni, uno dei più longevi) la piaga del vaiolo, che le sfigurò il volto, e diverse congiure fatte ai suoi danni.
Ciò non le impedì di segnare la storia del suo paese con la cosiddetta “età elisabettiana”, che vide la crescita delle diverse arti e della cultura in genere.
Non si unì mai in matrimonio e fu detta “la Regina vergine”; prossima ai 70 anni cadde in un profondo stato depressivo e sentendo vicina l’ora della morte, nel marzo del 1603, pronunciò la famosa frase “Chiamatemi un prete: ho deciso che devo morire”

Così scrive Achille Lauro sui suoi canali social:

«Elisabetta I Tudor, vergine sposa della patria, del popolo, dell’arte e difensore della libertà. Che Dio ci benedica. Sono stato molto colpito dalla sua indipendenza, di cui aveva fatto un vero e proprio baluardo. Mi è parso il personaggio più adatto per chiudere la serie di performance con cui, in queste sere, ho unito personaggi che in modi diversi mi hanno ispirato attraverso modalità altrettanto differenti di esprimere e vivere la libertà».

 

(clicca per ingrandire)

«Ho sempre contaminato un genere con l’altro cercando di inventare musica non catalogabile ed impossibile da etichettare.

Un anno fa ho iniziato ad immaginare la mia musica in modo diverso: volevo creare una performance artistica che suscitasse emozioni forti, intense e contrastanti, qualcosa che in pochi minuti fosse in una continua evoluzione visiva ed emotiva.
Un pièce teatrale lunga 4 minuti.

“Me ne frego” è un inno alla libertà sul palco più istituzionale d’Italia.
La mia speranza è che potesse scuotere gli animi degli insicuri e le certezze di chi è fermo sulle sue certezze, perché è sempre fuori dalla “zona comfort” il posto in cui accadono i miracoli.

Me ne frego è un inno alla libertà di essere ciò che ci si sente di essere.

Me ne frego, vado avanti, vivo, faccio: questo è il messaggio che ho voluto dare con la canzone, è questo e il senso vero della scelta dei personaggi che io, il mio condirettore creativo Nicoló Cerioni e il mio Manager&Responsabile progetto Angelo Calculli abbiamo pensato di portare sul palco dell’Ariston.

Menefreghisti positivi, uomini e donne liberi da qualsiasi logica di potere personale.

Un Santo che se ne è fregato della ricchezza e ha scelto la “libera” povertà, un cantante che se n’è fregato dei generi e delle classificazioni sessiste, una Marchesa che a dispetto del suo benessere ha scelto di vivere lei stessa come un’opera d’arte, diventando una mecenate fino a morire in povertà e una regina che ha scelto la morte, evitando di curarsi abdicando, pur di restare li a proteggere e vivere per il suo popolo.
La condizione essenziale per essere umani è essere liberi.»

Non so se sia un genio, di certo siamo di fronte ad un artista completo, a mio modesto avviso avanti anni luce, che ha saputo cogliere la grande opportunità mediatica offerta dal palco dell’Ariston per proporre inusuali performances artistico-musicali nel solco delle diverse declinazioni del concetto di libertà.


Mi vien da dire…

missione compiuta!!!

 

foto da diretta Tv
(clicca per ingrandire)
da diretta Tv
(clicca per ingrandire)
foto da diretta Tv
(clicca per ingrandire)
dal profilo Instagram di Achille Lauro
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *