2019, Penisola del Sinis…tre settimane da raccontare…

2019, Penisola del Sinis…tre settimane da raccontare…

 

ventuno giorni di vacanza racchiusi in nove capitoli con racconti, aneddoti, video ed oltre 720 foto…
come cantava Fred…tre settimane da raccontare…

 

Settembre 2019, vacanza in Sardegna.
Avevamo prenotato solo il viaggio di andata, ipotizzando una settimana a Cabras, con l’intenzione di proseguire poi più a sud…
invece per 21 giorni siamo rimasti lì, muovendoci “a raggiera” tra le spiagge incontaminate della penisola del Sinis e le attrattive dei dintorni e dell’entroterra

2700 km percorsi (compresi i 200 km “tristi” per raggiungere Olbia, dove ci attendeva il traghetto per il ritorno), oltre 2000 foto scattate…

un’infinità di belle spiagge

Santa Caterina di Pittinuri, S’Archittu, Is Arenas, Sa Rocca Tunda, Sa Mesa Longa, Su Pallosu, Putzu Idu, S’Arena Scoada, Mari Ermi, Is Aruttas, Maimoni, Seu, Funtana Meiga, San Giovanni Sinis, Marina di Arborea, Torre dei Corsari, Piscinas

e ne scordo sicuramente qualcuna…

più tutto quello che non è spiaggia/acque cristalline

l’altopiano della Giara di Gesturi, Orgosolo e le storie di lotta per i diritti raccontate da oltre 300 murales, la foresta di Montes, il parco regionale del Monte Arci, i “tesori” di Santa Giusta, lo stagno S’Ena Arrubia con i fenicotteri rosa, il pozzo di Santa Cristina, il villaggio nuragico Su Nuraxi di Barumini, la magia western di San Salvatore di Sinis…

…e le molte persone con le quali abbiamo avuto modo di fare qualche chiacchiera, giusto per provare a capire qualcosa di più dei luoghi che ci hanno letteralmente trasmesso il loro incanto…

…il pastore Marcolino Camedda, il pescatore Ottavio Piras, l’artigiano Saverio Zucca, il pescatore Piero, il “cicerone di Orgosolo” Peppino Puligheddu

…il privilegio dei molti racconti ed aneddoti sulla cittadina di Santa Giusta, raccontati con autentica passione (e competenza), che vanno molto al di là del ruolo istituzionale, dal Sindaco Antonello Figus che ci ha dedicato molto del suo prezioso tempo (oltre ai gustosissimi dolci preparati da sua moglie Silvana)…

Argenia e Franco, gestori del B&B (Gi&Giò) nel quale abbiamo pernottato una sola notte, sufficiente per generare un piacevole feeling, favorito dalla loro simpatica, esplosiva “napoletanità”…

…l’incontro a Milis con le dolcissime Anna e nonna Ortensia e la videochiamata che ha consentito alla nostra amica Daniela di rivedere sua nonna…
…il ritorno a Milis, con le foto dei pronipoti David e Miriam stampate in tempo reale ad Oristano e recapitate all’emozionatissima bis-nonna Ortensia, che non li vedeva da anni…

…l’incontro con Silvia Ambrosi, ex fotoreporter del Secolo XIX, che dodici anni fa aveva realizzato un servizio fotografico al Cep ad integrazione di un ampio servizio giornalistico realizzato da Ferruccio Sansa …da anni trascorre molto tempo a S’Arena Scoada e siamo andati a trovarla proprio nel nostro ultimo giorno di vacanza…

…la cordialità che abbiamo potuto apprezzare, ovunque, ogni giorno…

ci porteremo dentro il cuore tutto questo, ed ho provato a raccontarlo anche per immagini sul mio blogghiario…

…è occorso parecchio tempo…
oltre 2000 mie foto da visionare, selezionare, archiviare
e poi Susanna ha voluto che mi occupassi anche delle sue foto, sia quelle scattate con lo smartphone che quelle scattate con la sua fotocamera…altre 1200 foto
un lavoro abnorme…

ma è stato un piacere ripercorrere, grazie a questo lavoro, una bellissima vacanza che ha avuto una cornice per noi ideale: il residence “Sa Pintadera” di Cabras, immerso in un’ampia area verde, un’oasi di tranquillità (anche a pieno regime) che ha rappresentato, per noi, il perfetto “rifugio” al termine di giornate sempre intense…
reso ulteriormente piacevole dalla cortesia dei gestori, Anna e Peppe, affiancati dalla loro collaboratrice Manuela

ho provato a mettere un po’ d’ordine…

ho suddiviso il tutto in 9 diversi capitoli (l’indice-links è a fondo pagina), all’interno dei quali, oltre a foto, racconti, aneddoti, video ci sono anche i links per le gallerie fotografiche dedicate ad ogni capitolo…
per un totale di oltre 720 fotografie… 

tre settimane da raccontare…
come suggeriva, in trenta secondi, il vecchio Fred…

tre settimane, da raccontare,
agli amici, tornando dal mare…
com’erano le vostre settimane?
c’era da raccontare o no? com’erano?…
 

 

Questi i links ai 9 capitoli:

Cabras ed il Residence Sa Pintadera
Il “paese dei tre mari”, nonché “Terra di Giganti”, il bellissimo residence “Sa Pintadera”, in cui abbiamo soggiornato per tre settimane, con il privilegio della cortesia e simpatia di Anna, Peppe e Manuela…

Le meravigliose spiagge della Penisola del Sinis e della Costa Verde
un rapido viaggio, anche fotografico, da Santa Caterina di Pittinuri a Piscinas passando attraverso S’Archittu, Is Arenas, Sa Rocca Tunda, Sa Mesa Longa, Su Pallosu, Putzu Idu, S’Arena Scoada, Mari Ermi, Is Aruttas, Maimoni, Seu, Funtana Meiga, San Giovanni Sinis, Marina di Arborea, Torre dei Corsari…

Penisola del Sinis: bellissime spiagge? Non solo…
fichi d’India, tradizioni, curiosità…
ma anche lo stagno di S’Ena Arrubia, il parco regionale del Monte Arci, Santu Lussurgiu e la spettacolare “Sa carrela ‘e nanti”…

Cabras, San Salvatore e…Quentin Tarantino, Kill Bill…
San Salvatore deve la sua fama alla “Corsa degli scalzi”, che richiama ogni anno moltissimi turisti.
Quello che invece è forse meno noto è il ruolo, fondamentale, che San Salvatore ha avuto per il grande regista Quentin Tarantino e per uno dei suoi “gioielli”, il film “Kill Bill”.

Il fascino (ed il mistero) delle testimonianze nuragiche
La Sardegna è per antonomasia l’isola con il mare trasparente e turchese, spiagge da sogno…
ma è anche una terra che esprime una cultura millenaria, in gran parte ancora da scoprire…
mi riferisco in particolare ai siti archeologici, un patrimonio di cui è ricca tutta la Sardegna,
ed i dintorni di Oristano non fanno eccezione…

Che incanto i fenicotteri rosa, i cavallini della Giara, le simpatiche pecore…
in qualunque parte della Sardegna ci si trovi, si possono percorrere 2500 chilometri senza incontrare un gregge? 
Certo che no, e ne abbiamo incontrati fin dal primo giorno…
ma ci sono anche i cavallini della Giara, i fenicotteri rosa, gli aironi…

Alla “scoperta” del comune di Santa Giusta, con il Sindaco Antonello Figus
avremmo dovuto soltanto scattare un selfie con il Sindaco di Santa Giusta…
è stata invece l’occasione per conoscere una bella realtà amministrativa, avere una guida speciale per la visita alla Cattedrale e partecipare alle tre giornate di festa per Santa Severa, compresa la processione, ricca di costumi tradizionali, suoni e colori…

Il viaggio come occasione d’incontro… 
qualunque viaggio dà sempre l’opportunità di incontrare persone, dal visitatore di un luogo che stai visitando e che condivide con te uno scampolo di giornata, alle persone che abitano in quei luoghi, con le quali la cordialità di un saluto si trasforma, a volte, in un piacevole incontro in cui la curiosità di una domanda diventa l’anticamera del racconto di frammenti delle proprie storie…

Orgosolo, da tempio del banditismo sardo a “città museo” grazie ai murales
tra storie di banditismo, dignitosa povertà, battaglie per i propri diritti condotte, e vinte, con esemplari strategie di civile ribellione, processi culturali che attraverso la street art (o muralismo) da civile, ed inedito, strumento di protesta trasformano Orgosolo in un paese museo, ponendolo all’attenzione del turismo internazionale, con la presenza ogni anno di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.

 

(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *