1988…era un lunedì, 10958 giorni fa…

1988…era un lunedì, 10958 giorni fa…

29 febbraio 1988…era un lunedì, 10958 giorni fa…due mesi prima avevamo deciso di sposarci…era tutto organizzato perfettamente ma…

era un lunedì, 10958 giorni fa…

un paio di mesi prima, a dicembre 1987, avevamo deciso di sposarci…

organizzammo il tutto, perfettamente, a tempo di record, per lunedì 29 febbraio 1988

Il lunedì era il giorno perfetto per il mio testimone di nozze, Pier Luigi Marzorati, uno dei più grandi campioni della storia del basket: il lunedì era il giorno post partita di campionato, completamente libero…
ed anche il testimone di Susanna, Graziella Consonni (la prima presidentessa del Basket Costamasnaga) il lunedì non avrebbe avuto problemi con il negozio di oreficeria…
scherzosamente, pensammo anche che poter festeggiare il nostro anniversario ogni 4 anni avrebbe automaticamente disinnescato il pericolo della temutissima, tradizionale “crisi del settimo anno”
nel peggiore dei casi sarebbe arrivata dopo 28 anni… 

(clicca per ingrandire)

tutto perfetto, quindi…
ma non avevamo fatto i conti con la ASL.

Io gestivo la farmacia di Inverigo, in Brianza, e la ASL non aveva ancora predisposto le chiusure per ferie, a rotazione, delle diverse farmacie del territorio.
Ci venne negata la chiusura (in conto ferie) che ci avrebbe potuto consentire matrimonio e viaggio di nozze…

La farmacia era di norma chiusa il martedì, chiedemmo una chiusura extra per lunedì 29.
Venne concessa la chiusura per il solo pomeriggio.

Lavorai la mattina, fino alla chiusura delle 12.30.
Nonostante fosse di lunedì, giorno di chiusura dei parrucchieri, il Sig. Oreste Rossini, “il parrucchiere” di Lurago d’Erba (e papà del mio carissimo amico Carlo) si fece trovare già pronto, alle 12.45, per sistemarmi i (già non folti…) capelli, affinché potessi presentarmi in ordine il pomeriggio davanti al Sig. Moretti, Sindaco di San Fermo della Battaglia, comune di residenza di Susanna.

Dopo la cerimonia in Comune, con gli amici del Basket Costamasnaga rigorosamente con scarpe da basket, ci trasferimmo a Lurago, per un rinfresco in cui non mancarono ripetuti momenti di vero cazzeggio cui non pensai minimamente di sottrarmi (alcuni miei parenti mi fecero notare che li avevo un po’ trascurati…).

(clicca per ingrandire)

La sera io e Susanna partimmo per il nostro “viaggio di nozze”, che sarebbe durato “ben” 24 ore…
Avevamo scelto una meta vicina…
per uno strano (o forse no…) segno del destino avevamo scelto Genova, non sapendo che di lì a 5 anni sarebbe diventata la nostra città…
Pernottammo al Marinella, un albergo, a forma di nave, incagliata nella scogliera della splendida passeggiata a mare di Nervi…
a quei tempi conservava ancora il fascino di un antico splendore che così era stato descritto da Dacia Maraini: “Un locale dove sembrava di stare in fondo al mare”…

Ci venne riservata la camera, di forma tondeggiante, che aveva ospitato in passato grandi star del jet set internazionale…

(clicca per ingrandire)

ci risvegliammo accolti da una giornata non calda ma con uno splendido sole…
il parco di Nervi, già allora vivacizzato da simpatici scoiattoli, era veramente uno spettacolo…
decidemmo di passare lì l’intera giornata, fino al tramonto…

la sera tornammo a Lurago, ci attendeva, il mercoledì, la riapertura della farmacia di Inverigo…

ci attendeva, soprattutto, l’inizio di un piacevole, lunghissimo film…

quello più bello, quello della nostra storia…  

 

(clicca per ingrandire)

 

(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield